Nuove aperture marzo 2020 a Roma: aprono Colonna e Vissani, la pizza al padellino di Amerina, la cucina vegetale di Misticanza, Almatò e Bencò

Nuove aperture marzo 2020 a Roma: aprono Colonna e Vissani, la pizza al padellino di Amerina, la cucina vegetale di Misticanza, Almatò e Bencò

Nuove aperture marzo 2020 a Roma.  Dopo Scabin a Mercato Centrale, anche lo chef di Labico sceglie lo snodo della stazione come sua nuova casa e apre Open Colonna Bistrò. Chi sceglie Roma è anche Gianfranco Vissani, tristemente noto anche per le sue frasi misogine sulle donne in cucina (qui la nostra intervista e qui il nostro calendario di risposta), che apre il 27 febbraio, in piazza San Pantaleo, Il tuo Vissani (con un occhio di riguardo per la mixology). Sul fronte pizza si segnala l’apertura di Amerina, la pizza cotta al padellino di Paolo Angelucci che, dopo un periodo all’estero, ha voluto un angolino tutto suo a due passi da Campo de’ Fiori. Sempre in centro, ma a Fontana di Trevi, è arrivo Genever Gin Club con le sue 50 etichette di Gin, e Hanna’s ristorante in via XX settembre, ambiente elegante e cucina internazionale. Prati continua la sua ondata di aperture: da una parte il manifesto dei prodotti calabresi di Bencò (per la Calabria arriva anche Forte Street Sud) e dall’altra Almatò, progetto di tre giovanissimi soci tutto da scoprire. All’Alberone, i primi di febbraio, ha inaugurato Misticanza e la sua proposta vegetariana non banale, mentre a Centocelle arriva l’atmosfera avvolgente del tapas bar IBZ. Da segnalare, inoltre, il bis di Meglio Fresco (la pescheria diventata ristorante) poco lontano da Ponte Milvio e la trasformazione temporanea (fino alla fine di aprile) della libreria dell’Hotel Eden in una cioccolateria con le creazioni di Fabio Ciervo e Ezio Redolfi, che si aggiunge all’offerta cinema vintage di lusso tra popcorn gourmet e champagne .

Cosa manca? Ah, certo. La rinascita del Forno Ottavi di San Lorenzo di cui tutti stanno parlando e che farà parlare a lungo, ma noi ve lo avevamo anticipato addirittura un anno fa. La ristrutturazione di Sushisen, storico ristorante giapponese aperto ben 15 anni fa, che riapre tutto nuovo, e il nuovo pub 3.0 dei Parioli, B.ro Birra Burger Bar.

Nuove aperture marzo 2020

Open Colonna Bistrò – Termini

Open Colonna Bistrò Termini Roma

Era già nell’aria da tempo, Antonello Colonna lascia il Palazzo delle Esposizioni per approdare alla stazione Termini. Tra rinvii e slittamenti, siamo arrivati alla data di apertura definitiva, il 20 febbraio. Al nuovo salotto dello chef di Labico si arriva dal binario 24, o dalla Terrazza Food&Lounge. Pur rimanendo fedele alla sua tradizione, chef Colonna ha deciso che i per 116 coperti di Termini non ci sarà un buffet (come succedeva al Palazzo delle Esposizioni), ma il menu alla carta. Quindi via alle danze con carbonara, amatriciana e cacio e pepe (ognuna 12 euro), che fanno parte della sezione “Romanissimi” insieme ad altri piatti tipici romani. In menu anche zuppe, secondi di carne – dallo spezzatino (18 euro) al galletto alla diavola (20 euro) -, insalate e dolci decisamente golosi, come la crema al mascarpone con pan di Spagna alla mousse mandorla e more (6 euro). Cambia la zona e, di conseguenza la clientela: il menu è pensato per accontentare i gusti del continuo via vai delle stazione.

Open Colonna Bistrò, Binario 24, Stazione Termini. Via Giolitti 4, Roma. Sito. Pagina FB

Amerina la pizzetta – Campo de’ Fiori

Amerina la pizzetta Roma

La pizza tonda, cotta al padellino, arriva a due passi da Campo de’ Fiori. In una piazzetta che è un via vai di continuo di persone, Paolo Angelucci ha aperto la sua Amerina il 2 febbraio e da allora, ogni giorno, sforna i suoi panetti a lunga lievitazione da 80-100 grammi, che una volta fuori diventano La tradizione e L’evoluzione (non è un caso che Amerina sia il nome di sua nonna, la prima a portarlo a mangiare la pizza al padellino). Il posto è piccolo, giusto sei sgabelli, ma questo non ti ferma dall’aspettare qualche minuto e, invece, di mangiarne una te ne assaggi tre: una semplice margherita oppure provola, cime di rapa e salsiccia o ancora con tonno sott’olio, alici del Cantabrico, capperi, fior di latte. Amerina è aperta dal martedì alla domenica dalle 10.30 all 23, il venerdì e il sabato fino alle 2.

Amerina la pizzetta. Largo dei Librari 82, Roma. Tel. 06 45495604. Pagina FB

Bencò – Prati

Bencò Roma

Nella stessa via dove qualche mese fa ha aperto Tavola, il 21 febbraio inaugura ufficialmente Bencò, ve lo abbiamo raccontato in anteprima. Un progetto familiare, quello di uno zio e suo nipote che portano le proprie origini calabresi a Roma e decidono di affidare la valorizzazione dei prodotti della loro terra natale agli chef Paolo Cappuccio e Gennaro Pernìce. Un locale raccolto, 35 coperti, semplice e familiare, con un menu tra terra e mare, pasta fresca fatta a mano e circa 70 etichette di vino. Per chi volesse qualcosa di davvero intimo, la cantina può diventare una sala privata per degustazioni. Bencò è aperto tutti i giorni dal martedì alla domenica, dalle 12.30 alle 15 e dalle 19.30 alle 22.30.

Bencò. Via Fabio Massimo 101, Roma. Tel 06 39728933. Pagina FB

Misticanza Osteria della Terra – Appio Latino 

Misticanza Roma

I ragazzi di Hopificio sono appena partiti con un nuovo progetto (qui il nostro articolo completo). Misticanza nasce a pochi metri dal primo locale e si presenta con una proposta vegetariana moderna, nata dall’esigenza di Marta Maffucci (ora qui in cucina, ma per sette anni in quella di Hopificio) di proporre ai clienti un’offerta vegetale di livello, che fa delle verdure il tema protagonista. Nella nostra tradizione ci sono i piatti che si ispirano alla carne e al pesce, ma anche quelli che mettono al centro i prodotti dell’orto. Escono, allora, piatti come il Flan di barbabietola, yogurt greco, gel di lime, maggiorana e capperi essiccati o il Risotto, cavolfiore arrosto, Castelmagno e polvere di caffè, serviti in un ambiente di 130 metri quadrati e circa 40 coperti, semplice e ispirato, guarda un po’, alla natura. Misticanza è aperto dal martedì al sabato dalle 19.30 alle 23.30, il sabato e la domenica anche a pranzo, dalle 12.30 alle 15.30.

Misticanza Osteria della Terra. Via Cesare Baronio 179, Roma. Tel. 06 69306952. Pagina FB

Forte Street Sud – Piazza Bologna

Dopo l’apertura di Forte – Terra, Sole, Passione, punto di riferimento della gastronomia calabrese nato due anni e mezzo fa in via Giuseppe Marcotti 20, nel quartiere Tiburtino, nasce  Forte Street Sud, il nuovo format ideato dal patron Giuseppe Marturano, che riscopre e ripropone l’autentico cibo da passeggio calabrese. Il menù si articola in quattro sezioni principali, a partire dai panini integrali, proposti in alcune versioni ispirate alla tradizione calabrese. Una novità assoluta, per Roma, arriva dall’Aspromonte ed è rappresentata dalla Lestopitta, una sorta di sottile piadina a base di farina, olio e sale, che viene fritta nell’olio bollente, fino a diventare croccante, e poi farcita a piacimento. Non manca la Pitta Chjina, ovvero la focaccia al forno farcita. Tra i dolci, zippulesupplì alla ‘nduja, vecchji, vrascioli, frittelle e peperone crusco.

Forte Street Sud, via Catania 94 – Roma. Tel . 06 8393 0974

Hanna’s ristorante – Centro

Hanna's ristorante Roma

Aperto in sordina da un paio di mesi, ma inaugurato ufficialmente il 19 febbraio. Hanna’s ristorante è stato riprogettato là dove un tempo c’era una banca, creando un ambiente elegante e minimale. Due sale: quella del ristorante, dove si incontrano cucina internazionale e piatti italiani, e quella del cocktail bar, con le sue vetrate su via XX settembre. Se il menu è ridotto e si basa su ingredienti di stagione, con qualche prodotto del territorio, la drink list spazia dalle proposte classiche ad altre più originali, accompagnate da finger food e ostriche.
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19 alle 23.

Hanna’s ristorante. Via XX settembre 28, Roma. Tel. 06 295883. Sito. Pagina FB

Ibz Yebisah – Centocelle

IBZ Yebisah Roma

Mese nuovo, nuovo locale che apre a Centocelle. Questa volta si tratta di un tapas bar, dall’atmosfera tipicamente isolana. Come si può dedurre, qui tutto richiama Ibiza (Yebisah era l’antico nome dell’isola spagnola): non solo l’atmosfera, calda e avvolgente, ma anche gli ingredienti e le materie prime. Tapas di carne, di pesce e di verdure, crude e cotte, e poi i salumi, dal jamon iberico al chorizo, e ancora i formaggi con le relative salse, tutti provenienti dalla Spagna. In cerca di un posto per una cena alternativa, tra tapas e patatas bravas, IBZ propone oltre alla sangria anche abbinamenti con vini spagnoli. E dopo? Ecco il tipico liquore artigianale di Ibiza, Hierbas (un amaro alle erbe), e i numerosi cocktail in carta. Aperto dal lunedì al sabato dalle 18 alle 2.

Ibz Yebisah. Via delle Acacie 27/B, Roma. Tel. 06 90208887. Pagina FB. Sito

Almatò – Prati

Almatò Roma

Foto di Alberto Blasetti

Da qualche settimana anche Prati ha un nuovo indirizzo. Si chiama Almatò e nasce da tre giovani romani intraprendenti, ognuno con un ruolo ben preciso. Alberto Martelli, Manfredi Custureri e Tommaso Venuti, rispettivamente responsabile di sala e sommelier, restaurant manager e chef. Partiamo dall’ambiente: 28 coperti interni e una decina nel dehors, che si aprirà con la bella stagione. Una sala piuttosto intima, arricchita dal gioco di luci (le lampade sono fatte da un piccolo artigiano), con i colori vanno dal grigio alle tonalità del legno, tranne il nero e il blu delle sedie. Una ambiente nitido e lineare, un po’ come la cucina di Tommaso Venuti (passato sia da Heinz Beck che da Antonino Cannavacciuolo). Pochi ingredienti sul piatto (in base alla stagionalità), ma sempre alla ricerca del gusto, nonostante il giovane chef si diverta ad accostare consistenze e sapori differenti. Cinque proposte in carta, tra terra e mare, per ogni portata come Scampi, radicchio, radici (17 euro); Ravioli di coda, erbe amare, salsa mirepoix (14 euro); Anatra, patata viola, cipollotto, lavanda (25 euro). Non mancano i percorsi degustazione, da 5 o da 7 portate da 50 e da 70 euro (bevande escluse). E per il pranzo? Due formule: lunch tasting, 3 portate a 30 euro, e fast lunch in 30 minuti, benvenuto dello chef, un piatto a scelta e una bottiglia d’acqua a 20 euro. Per quanto riguarda i vini, ci sono circa 80 etichette in carta, quasi tutte italiane e qualcuna francese, oltre alle bollicine. Aperto dal lunedì al sabato, dalle 13 alle 15 e dalle 20 alle 23.30

Almatò. Via Augusto Riboty 20C, Roma. Tel. 06 69401146. Sito. Pagina FB

Forno Ottavi dal 1921 – San Lorenzo

Forno Ottavi Roma

Alla soglia dei 100 anni, il Forno Ottavi di San Lorenzo rinasce e si rinnova. Cambia tutto: la proprietà (Simone Braghetta, ma la squadra è numerosa e di livello), l’estetica, la proposta offerta, anche se è difficile modificare tanto e cercare di mantenere intatta l’anima di un locale così storico. Il progetto è in piedi da oltre un anno e mezzo, ma l’apertura ufficiale c’è stata solo da qualche settimana. Il pane è sempre protagonista (specialmente il pane di San Lorenzo, pagnotta casereccia triangolare), ma il ventaglio delle proposte si è completamento aperto. Dalla colazione sia dolce che salata, a partire dalle 7.30 del mattino, al pranzo, alla merenda, al momento aperitivo fino alla cena (per adesso c’è la pizza, poi il menu si farà più ampio). Insomma, una mutazione perenne e continua per tutto l’arco della giornata. Ah, dettaglio importante: al Forno Ottavi hanno sposato la causa plastic free. Aperto tutti i giorni (tranne la domenica) dalle 7.30 alle 23.

Forno Ottavi. Via dei Dalmati 3, Roma. Tel. 06 65498083. Pagina FB

Woods Lounge Bar – Pigneto

Woods Pigneto Roma

Dopo Centocelle, Woods arriva anche al Pigneto, accanto alla metro C Malatesta. Inaugurato il 15 febbraio, è aperto 18 ore al giorno, dalle 6 a mezzanotte: ogni fascia oraria avrà la sua formula. Woods è infatti un caffè, una sala da the e cioccolateria, un posto dove fare pranzo (formula fissa a 7,50 euro), ma anche aperitivo (10 euro più drink) e cena e assaggiare un nuovo cocktail. L’ambiente, con colori sulle sfumature del bronzo, è stato realizzato con materiali ecosostenibili.

Woods Lounge Bar. Via Roberto Malatesta 67/69/71, Roma. Tel . 06 4576 3559. Sito

Genever Gin Club – Centro

Genever Roma

Per chi se lo stia chiedendo, Genever altro non è che uno dei tanti nomi con cui è stato chiamato, nel corso del tempo, il Gin. Da qui nasce il nuovo Gin Club a Fontana di Trevi. In realtà, l’idea di Genever è nata a Formentera, dove i due proprietari hanno giù un locale: “Abbiamo scoperto il mondo che si nasconde dietro questo distillato che, fino a qualche anno fa in Italia era visto solo come un superalcolico da miscelare con una tonica commerciale ed una fettina di limone”. Adesso il distillato è stato accuratamente selezionato in 50 etichette (più sette di tonica), per una “Gin list” davvero infinita. In carta anche una sezione di drink (quasi tutti a base di Gin), oltre ai Midget, piccole degustazione di Gin e tonica, e ai Gominolas, orsetti gommosi fatti in casa e a base di Gin.

Genever Gin Club. Vicolo dei Modelli 51/A, Roma. Tel. 333 3204586. Pagina FB

Sushisen – Ostiense

Non è una nuova apertura, ma uno dei giapponesi più famosi di Roma, aperto 15 anni fa. La notizia è che, dopo lavori durati diverse settimane, riapre ristrutturato Sushisen. Il proprietario Giuliano Kunihiro divide nettamente l’ambiente della sala, del dining vero e proprio dalla zona kaiten. Grande importanza viene data ora dallo chef Eiji Yamamoto ai percorsi di degustazione Omakase in un menù che resta invariato solo nella zona kaiten e che adesso nella sala degustazione si presenta più diretto e autentico, esclusivo per i tavoli. Stop ai computer, si torna ai menu cartacei. nuovi arredi con tavoli neri, nudi a specchio, mentre le pregiate brocche della soia sono realizzate a mano. Nella cucina attenzione alla cucina giapponese nel suo complesso, non solo sushi e sashimi,  e non manca una carta dei sakè.

Sushisen, via Giuseppe Giulietti 21a | Tel. 06 5756945

B.ro Birra Burger Bar – Parioli

bro burger roma

Apre venerdì 6 marzo ai Parioli, al posto del ristorante La Scala e poi del Big Al Wine Bar, B.ro Birra burger bar, il nuovo pub 3.0 dove i protagonisti saranno burger, birra ma anche proposte di street food dal sapore internazionale come tacos, pokè, arrosticini e soprattutto i coni salati (coni di cialda salata con tartare di manzo e farcitura di carne, pesce e vegetale, accompagnate da salse tutte homemade). In cucina lo chef Alessandro Usai, mentre  l’ambiente prevede la zona banco bar, con il bancone monolitico in acciaio, cuore pulsante dell’intero locale, e la grande sala ristorante, parte della quale lascia vedere il lavoro della cucina. Sono 90 i posti interni e 60 quelli esterni (pronti in primavera).

B.Ro Birra Burger Bar Roma, viale Parioli 79/D. Tel. 06. 39724232 Pagina Facebook

Nuove aperture marzo 2020 a Roma

in ordine alfabetico

Almatò – Prati
Amerina la pizzetta – Campo de’ Fiori
Bencò – Prati
B.ro – Parioli
Cioccolateria Hotel Eden – Centro
Forno Ottavi dal 1921 – San Lorenzo
Genever Gin Club – Centro
Forte Street Food – Piazza Bologna
Hanna’s Ristorante – Centro
Ibz Yebisah – Centocelle
Il tuo Vissani – Centro storico
Meglio Fresco – Ponte Milvio
Misticanza Osteria della Terra – Appio Latino
Open Colonna Bistrò – Termini
Sushisen – Ostiense
Woods Lounge Bar
– Pigneto

About author

You might also like

Feria sul tetto del Lanificio 159 Roma, torna l’aperitivo con fritti e bbq che annuncia l’estate

Feria sul tetto Roma al Lanificio 159. Siamo ancora lontani dalla rovente estate in città, ma il caldo di domenica vi ha fatto venire voglia di aperitivi in terrazza e …

I migliori ristoranti di Roma dove mangiare al bancone, da soli o in compagnia

I migliori ristoranti di Roma dove mangiare al bancone. Stanchi di mangiare da soli in un tavolino triste, guardati a vista e un po’ commiserati dal cameriere di turno? E …

Madeleine Roma, salon de gastronomie parigino in Prati

Madeleine Roma, salon de gastronomie. Tel. 063728537 Il 4 dicembre 2015 va in scena una nuova bella realtà nel quartiere Prati. Per esser precisi ci troviamo a Delle Vittorie, nella residenziale e tranquilla …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply