Pizzicàrola, a Monteverde la bottega che ridefinisce l’idea di bottega con verdure, formaggi, pane e territorio

Pizzicàrola a Monteverde. Gli anni della pandemia sono gli anni della riscoperta della spesa di quartiere. La dimensione degli spostamenti si accorcia e costringe chiunque, soprattutto chi abita in città, a guardare con maggior attenzione il negozietto sotto casa o il piccolo produttore che fa consegne dirette una volta alla settimana.

Ma paradossalmente sono anche gli anni giusti per buttarsi in nuovi progetti, quelli in cui – per chi può – si apre il cassetto e si tirano fuori le idee migliori. Carola Calò è la sintesi di alcuni di questi cambiamenti. Nel 2020 comincia a lavorare all’idea di una bottega di quartiere, con una proposta molto ampia e figlia di una ricerca sul territorio, una bottega dove poter fare la spesa pescando da una filiera più diretta e più umana. E poi a gennaio 2022 ha aperto Pizzicàrola, che nasce da un simpatico gioco di parole, in via di Villa Pamphili.

Carola non è nuova al mondo del cibo. Dopo gli studi in architettura lavora come scenografa nel cinema e nella moda, poi comincia con la cucina, lavora da Retrobottega passando dai fornelli alla sala, con una grande attitudine all’ascolto e all’accoglienza. Pizzicàrola è un progetto indipendente, cercato e trovato a pochi passi da casa, che apre con l’idea di proporre formaggi, verdure, affettati, conserve, vino, marmellate, pane, pasta fresca, frutta secca, riso, farine, snack e tantissimo altro. Pur rimanendo in uno spazio raccolto, la bottega accoglie un grande numero di produttori, aziende e referenze, che Carola ha contattato e conosciuto personalmente nel corso di viaggi e incontri.

Lo spazio si diceva, è sicuramente uno degli elementi più spiazzanti. Il locale, disegnato da Supervoid Architechts, ripensa completamente il concetto di bottega di quartiere. “Ho chiesto espressamente di evitare il legno. L’ispirazione è stata nei grandi mercati all’aperto, con supporti in acciaio, materiali industriali, resistenti e lavabili” racconta Carola. Un approccio che evita l’effetto “NaturaSì” che accomuna tanti negozi che puntano su prodotti biologici e di qualità e vira invece su carattere architettonico e riconoscibilità. Uno spazio anche fluido, dove i banchi centrali che accolgono il fresco, possono essere spostati per creare un ambiente più libero per allestire aperitivi e piccole degustazioni. “Su questo aspetto sto lavorando per organizzarmi, come su tante altre cose”.

Solo per citare qualche nome, pane, pizza e focaccia vengono direttamente da Retrobottega, ci sono le farine di Natura Maestra, le verdure e la frutta solo esclusivamente di stagione e preferibilmente dal Lazio, con Orto dei Terzi, Poggi Agricoltura e Paesaggio alimentare, i formaggi di Gallina Golosa, Foradori, Ammano, le confetture e le creme di Marco Colzani, i mieli Thun, le uova de L’uovo e la Canapa e poi tanti altri prodotti che arriveranno e ruoteranno. “Ho in mente di lavorare sui tagli di carne su prenotazione con Pulicaro” aggiunge Carola, mentre le idee sono molte altre, tra cui anche i prodotti per la casa, oltre quelli per la persona. Prediligendo la vendita sfusa, anche di piccole quantità per assaggiarle e provarle a casa ed eliminare il più possibile rifiuti e imballaggi.

I prezzi sono scritti direttamente sulle mensole e ben visibili. “Dal quartiere abbiamo già avuto una bella risposta. Qui ho scoperto che le persone che sono interessate alla qualità del cibo che comprano, che non scelgono la grande distribuzione, sono molte. E le trovo anche tanto spaventate. La mia idea però era avere un approccio democratico, quindi includere prodotti con più fasce di prezzo e di qualità” spiega Carola, che specifica di non aver selezionato nulla a busta chiusa.

Insomma lo spazio di Pizzicàrola è in movimento. La ricerca di produttori e prodotti non si è fermata con l’apertura, anche se spesso lavorare con piccoli produttori è complesso, perché le consegne e gli spostamenti non sono banali da organizzare. Nel frattempo la bottega è aperta dal lunedì al sabato, la mattina dalle 09.30 alle 14.30 e il pomeriggio dalle 16.30 alle 19.30.

Pizzicàrola. Via di Villa Pamphili 143, Roma. Tel. 06 89876433. Sito. Facebook. Instagram