Clamoroso, Kotaro rompe con La Torre

Clamoroso, Kotaro rompe con La Torre

Clamoroso a Viterbo: Kotaro Noda, il giovane divo dei fornelli, uno dei primi chef giapponesi stellati in Europa, salito agli onori delle cronache per aver inventato la cucina 'nippo-viterbese', non lavora più all'Enoteca La Torre di Viterbo. Licenziato, a quanto pare. Anche se al ristorante la mettono in modo più elegante, confermando l'indiscrezione avuta da Puntarella Rossa: "Si è esaurita la collaborazione con Kotaro Noda''. Motivo? No comment.

Non era una collaborazione qualunque quella che lo ha portato alla corte del maitre Luigi Picca. Kotaro Noda, 37 anni, dopo l'esperienza all'Enoteca Pinchiorri, ha lavorato per sette anni alla Torre e ha fatto guadagnare all'Enoteca pure una stella Michelin (due forchette nel Gambero Rosso 2010). Uno chef che era un fiore all'occhiello per bravura e che di recente aveva anche dimostrato anche grande sensibilità. Tanto da lanciarsi nell'organizzazione della cena di solidarietà per il suo popolo, martoriato da terremoto, tsunami e crisi nucleare, che si è svolta domenica e di cui vi abbiamo parlato qui. Troppo impegno, forse? Voci dicono che sia stata proprio la cena a far traboccare il vaso di un'intesa che evidente non c'era più. Tanto che l'Enoteca non figura tra gli sponsor della serata.

Comunque stiano le cose, resta una certezza, ovvero che prossimamente non si potranno più assaporare i suoi famosi dolci con i legumi (apice della fusione italo-giapponese), né le capesante arrosto al masala con salsa di bieta, né i doppi ravioli farciti di baccalà mantecato e fagioli bianchi con vongole. Ma solo per ora. Perchè Kotaro ha lasciato Viterbo e si è rifugiato temporaneamente dagli amici di Doozo. Del resto può contare anche sull'amicizia di chef che conoscono bene il panorama romano, come Francesco Pesce. E poi tra i suoi sogni, ci aveva confidato, c'è quello di aprire un ristorante tutto suo ''in una grande città, dove la gente è più aperta e sa apprezzare'' il gusto di una cucina davvero ''cosmopolita''. Roma, a occhio. 

* La sua storia in un'intervista 

** Una recensione di Passione Gourmet

*** L'ultima recentissima recensione sul blog di Luciano Pignataro

Autore

Potrebbe interessarti anche

Il nuovo “All’Oro” di Riccardo Di Giacinto: “Il piatto perfetto? Ci stiamo lavorando”

Il nuovo All’Oro, intervista allo chef Riccardo Di Giacinto. Accolti da un cortile in mezzo a una strada alberata, con le fronde scapigliate da un insolito vento, ci addentriamo nella hall dell’hotel …

Mukbang, eating show e food porn: impazzano i video dove la gente mangia

Mukbang eating show e food porn. La Lettura del Corriere della Sera ci racconta l’ultimo, delirante, fenomeno virale che impazza già da qualche anno e che parte dalla Corea del …

Le migliori birrerie di Roma: 20 pub di qualità, con street food gourmet da provare

Le migliori birrerie di Roma. “Birra stasera?”, chiedeva l’amico. E si rispondeva “sì”. E dove si andava? Ma che domande, al pub sotto casa. Che non era particolarmente curato, ma aveva la …