REM Roma, la famiglia di CoSo fa il bis a Trastevere con una drink list ispirata alle fasi del sonno

rem roma

REM Roma. Dopo l’annuncio e una lunga attesa, il nuovo concept bar della famiglia Co.So. ha aperto ufficialmente le sue porte a dicembre 2021, a Trastevere, in vicolo di Santa Margherita 1. “Non ci piacciono le cose semplici”, inizia così la conversazione con Riccardo Bucci, che insieme a Giulia Castellucci e Benedetto Guarino ha dato vita a entrambi i progetti.

Cos’è REM?

Foto di Matteo Vitelli

Un concept bar in cui poter vivere quella fascia della giornata in cui tutti vanno a dormire, tutti tranne gli amanti della notte. Ed è proprio alla notte che si ispira il concept di REM, acronimo di Rapid Eye Movement, ovvero i movimenti oscillatori degli occhi durante la fase più profonda del sonno, appunto la ‘fase rem’. Il concept bar è aperto tutti i giorni dalle 22 alle 5, ed è rivolto a tutti coloro che hanno la necessità di non avere orari fissi.

REM nasce completamente dalla famiglia Co.So: infatti concept, proposta e arredamento derivano dalla loro volontà di creare una sorta di spin-off dell’affermato street bar del Pigneto. L’idea è di riproporre il vecchio SpeakCoso, uno spazio interno al primo locale del team, che successivamente è stato convertito in cucina. Ma non un Co.So 2.0, piuttosto una realtà che, seppur con  piccoli riferimenti al fratello maggiore, viva di vita propria all’interno di un ambiente che è una vecchia stalla romana del 1500. Così nasce REM, un luogo sviluppato sul concetto di rimanere sempre “sveglio e attivo“.

La drink list

L’esperienza che REM vuole far vivere ai clienti va di pari passo con la sua filosofia che ruota intorno ai concetti di “notte, sonno e sogno”. In particolare, la drink list proposta è stata creata appositamente per percorrere ad occhi aperti le quattro fasi del sonno: Awake, Light sleep, Deep sleep, REM. Ma non finisce qui. Il locale varia la sua proposta in base all’orario d’arrivo del cliente offrendo, oltre a drink diversi in relazione alla fase di sonno associata, anche un mood diverso, inteso come musica e illuminazione.

Come spiega Riccardo “i drink sono studiati in base alle sensazioni che il cervello percepisce in ogni ciclo di sonno, con l’obiettivo di far percepire le medesime emozioni però da svegli”. Nella Hypnogram drink list merita una menzione, per esempio, il drink Sweet Sea (Tequila, Mezcal, Limone lacto fermentato, Sciroppo alga kombu, Spuma acqua di mare), associato alla fase del sonno profondo, dove la sapidità della spuma di mare trova equilibrio con la dolcezza del Tommy’s Margarita. O ancora, il drink pensato per la fase rem, l’Electric Bull (Gin, Electric bitter hm, Cordiale citrus, Taurina, Soda al gelsomino), è studiato per ricordare un energy drink, essendo questa la fase in cui il cervello è più attivo. Associando il gin a dei fiori elettrici, viene rilasciata in bocca una sensazione anestetizzante con note di gelsomino.

Ogni drink è caratterizzato dall’utilizzo di spezie e erbe per curare e gestire le problematiche del sonno,  spiega Riccardo, il che corrisponde ad un gran lavoro a livello di erboristeria. Il team di REM, che come il locale, resta sempre attivo, si diverte a produrre liquori homemade, come ad esempio un drink erbaceo ritrovato su un antico libro, dove si è voluto dare un tocco di personalità aggiungendo della canapa. Ad affiancare l’hypnogram drink list, i timeless drink (classici e long drink di linea), presenti in tutte le quattro fasi della notte, dove c’è ampio spazio per la personalizzazione.

Ma ci sono già nuove idee che stanno prendendo vita, come quella di creare una secret drink list, per dare la possibilità di scoprire qualcosa di segreto da consumare, dove i drink saranno legati ad indizi presenti all’interno del locale stesso.

Il locale

Foto di Matteo Vitelli

Nel locale, si mescolano le sue tre anime: “convivialità, eleganza e intimità”. Sono così state create tre aree distinte per permettere al cliente di vivere la triplice personalità dell’ambiente. Quindi le alte sedute al bancone dello street bar si alternano a sedute eleganti con materiali di pregio dell’hotellerie, e a salottini intimi dello speakeasy. Nel re-styling del locale si è voluta mantenere comunque l’autenticità della vecchia stalla romana: non passano inosservati, infatti, il bancone in travertino romano e i mattoni a vista.

Alla guida di questa nuova avventura Valeria Tummolo e Claudio Diamantini come head of bar, sotto la supervisione e la gestione della famiglia Co.So.

REM. Vicolo di Santa Margherita 1, Roma. Tel. 06 5812766. Sito. Facebook. Instagram

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*