Casadora a Roma: tortellini, tonnarelli e noodles nel pastificio con cucina a Prati

Casadora a Roma

Casadora a Roma. Una nuova realtà si è appena affacciata nell’affollata e variegata ristorazione capitolina. Si chiama Casadora e ha aperto il 6 agosto 2021 a Prati. Poco più di un mese di rodaggio, par scaldare i motori e farsi conoscere, almeno nel quartiere (dove le realtà di settore di certo non mancano e i nuovi locali spuntano come fughi). Adesso è il momento della presentazione ufficiale. A portare avanti il progetto un gruppo di amici che con Casadora ha voluto creare uno spazio che unisse la tradizione della pasta fresca italiana a una proposta gastronomica moderna: un pastificio con cucina dove comprare la pasta fresca o fermarsi a mangiare. Un mix tra bottega (settore che negli ultimi tempi sta vivendo un ottimo momento) e luogo di ristoro.

Le anime di Casadora

Casadora a Roma

Perché Casadora? Dietro ai nomi dei locali c’è spesso una storia da raccontare. In questo caso, sono state fuse due parole che stanno alla base, dicono i soci, della filosofia del progetto: “Casa” e “Dora”, considerate la prima come luogo associato al piacere di consumare la pasta e la seconda come diminutivo di “Azdora” (“zdoura” dal dialetto bolognese), ovvero la padrona della cucina casalinga, colonna portante della famiglia, che nell’immaginario comune indossa un grembiule, ha le mani infarinate e stende la pasta fresca con vigore e sapiente maestria.

Casadora a Roma

L’Azdora di Casadora è Giulia Ghisellini, che non è una signora avanti con gli anni ma una giovane con tante esperienze alle spalle, anche in cucine stellate sia in Italia che all’estero, in particolare in Spagna. A lei ha affidato questo ruolo Valerio Spadaro Guerra, uno dei soci della nuova realtà di Prati che racconta: “Il nostro progetto nasce dalla voglia di modernizzare l’idea del classico pastificio, partendo dalla fondamentale importanza della tradizione per portare la nostra conoscenza del mondo della ristorazione, per dar vita ad un luogo nel quale poter comprare e gustare un’ottima pasta fresca”.

Casadora a Roma

E così ecco Casadora, i cui ambienti sono stati progettati per rispondere alla duplice funzione del locale. Appena entrati ci accoglie un bancone di 3 metri e dietro il laboratorio a vista e la cucina. Quindi oltre ad acquistare e portar via la pasta fresca fatta da Giulia, studiare e magari decidere di acquistare i prodotti in vendita sugli scaffali (tutti italiani e di piccole aziende) tra biscotti, conserve, verdure sottolio, ci si può anche sedere e pranzare sfruttando i 30 coperti interni e i 15 esterni.

Casadora a Roma

A occuparsi dei palati dei clienti in loco c’è Giorgio Romanini, di cui i più attenti si ricorderanno per i suoi tanti anni passati alla guida del ristorante Mavi. Per Casadora ha pensato a proposte come Gazpacho con alici del Cantabrico, olive taggiasche, giardiniera di sedano e mandorle (9 euro), Tagliolini con burro acido, bottarga e limone (14 euro), Ravioli ripieni di totani, patate e zenzero all’ aglio, olio e peperoncino (13 euro); Cannolo di spigola ripieno di gamberi con insalata thai (19 euro) o la Porchetta di coniglio con insalata di friggitelli e pesche (18 euro). In autunno arrivano in menu anche primi della tradizione romana.

Il laboratorio di pasta fresca

Casadora a Roma

Tornando al laboratorio, la scelta di pasta è piuttosto ampia. Giulia e Valerio hanno voluto modulare l’offerta su due filoni: paste più classiche e tradizionali, tagliolini, cappellacci, tonnarelli, ravioli, tortellini; proposte più internazionali come noodles o gyoza. Non solo. Se alcune paste sono fresche e vanno consumate in breve tempo, altre sono abbattute per via del loro ripieni moderni e divertenti.

Casadora a Roma

Qualche esempio? I Tortelli ripieni di tartare di gamberi rosa e lime o i Cappellacci con salsa di pomodori arrosto, e ancora i Cappellacci ripieni di Amatriciana o con ripieno fondente al Brie. Si tratta solo di una piccola, prima, selezione che verrà arricchita piano piano, e da accompagnare per chi volesse con salse, sughi e brodi preparati dalla brigata e disponibili per essere acquistati.

Casadora. Via Oslavia 11, Roma. Tel. 06 97997397. Sito. Facebook. Instagram
Aperto dal lunedì al sabato 9.30-20 per la vendita della pasta; 12.30-15.00 per il pranzo; sabato e domenica anche a cena. Domenica mattina aperto solo per acquistare la pasta fresca

 

 

Puntarella Rossa esiste dal 2009 e dal primo giorno non accetta soldi e contributi da ristoranti.
Se vuoi un’informazione sempre più libera e indipendente, sostieni Puntarella Rossa con una donazione.