Le migliori cacio e pepe di Roma, le sette imperdibili con ingredienti e prezzi

Le migliori cacio e pepe di Roma, le sette imperdibili con ingredienti e prezzi

Le migliori cacio e pepe di Roma. La cacio e pepe è il piatto povero per antonomasia della cucina romana, a base di ingredienti semplici ma tutt’altro che facile da preparare. C’è chi preferisce il tonnarello all’uovo, chi propende per lo spaghetto: a Roma si sa il rispetto delle tradizioni è sacro, ma in questo caso non si disputa tanto sugli ingredienti ma sul loro accorto dosaggio e sulla mantecatura su cui si gioca l’abilità dello chef e la riuscita del piatto. La cacio e pepe non deve essere secca e grumosa ma morbida, liscia, cremosa  e con sapori sapientemente bilanciati. Dopo le migliori amatriciane, quindi, ecco le migliori cacio e pepe di Roma. Secondo Puntarella Rossa, naturalmente.

Le migliori cacio e pepe di Roma

7) Flavio al Velavevodetto

Sempre a Testaccio, lo chef-patron Flavio De Maio porta in tavola le specialità della romane. Polpette di bollito, pasta fresca fatta a mano, puntarelle. Gli ingredienti sono tutti scelti da produzioni locali, e la lavagna del menu è aggiornata di giorno in giorno. Ma la ricchissima cacio e pepe la troverete sempre. La ricetta non prevede alcun passaggio in padella, ma una mantecatura a freddo con pecorino romano, pepe nero, l’acqua di cottura e un filo d’olio “per evitare che il formaggio, raffreddandosi, si rapprenda oltre il dovuto e aggiunge un po’ di sapore al piatto, limitando così il ricorso al pecorino”.

Voto: 8

Prezzo: 11 euro

Il tocco in più: mantecatura a freddo

Flavio al Velavevodetto, Via di Monte Testaccio, 97. Tel. 06 5744194. Sito.

6) Felice

Da quando Felice Trivelloni, nel 1936, aprì la sua osteria, il locale è diventato un’istituzione della cucina romana (arrivando anche a Milano). Il cavallo di battaglia è proprio la cacio e pepe, abbondante e gustosa: tonnarelli, acqua di cottura, pecorino, olio di oliva, per una cremosità irresistibile. Ulteriore ingrediente è la coreografia con la quale viene servita dal personale di sala, che provvede ad amalgamare l’acqua di cottura della pasta con il pecorino direttamente nel piatto del commensale. Dopo averla mangiata, lunga passeggiata d’obbligo, ma è un peccato che vale la pena.

Voto: 8

Prezzo: 13 euro

Il tocco in più: la mantecatura nel piatto

Felice, Via Mastro Giorgio, 29. Tel. 06 5746800. Sito

5) Da Danilo

Tra le cacio e pepe a Roma, quella servita alla Trattoria Da Danilo, all’Esquilino, è sicuramente tra le più conosciute. Tovaglie a quadroni, piatti del giorno sulla lavagna e un’atmosfera familiare delle osterie di un tempo. Il pezzo forte del menu sono proprio loro: i tonnarelli cacio e pepe. Olio, pepe macinato al momento, acqua di cottura e pecorino romano. La particolarità della cacio e pepe di Danilo consiste nel fatto che la pasta, rigorosamente fatta in casa, viene mantecata direttamente nella forma di pecorino romano e servita ai commensali. Il risultato: cremosa e dal gusto intenso.

Voto: 8

Prezzo: 10 euro

Il tocco in più: la mantecatura nella forma di pecorino

Da Danilo, Via Petrarca, 13. Tel. 06 77200111. Sito.

4) Da Cesare

Al Casaletto – periferia ovest, dove si muovevano i ragazzi di vita di Pasolini – negli anni ’50 c’era la trattoria della Palma, di Anna e Vittorio e poi passata al figlio Cesare. Da qualche anno in cucina c’è Leonardo Vignoli, chef e sommelier con esperienza internazionale, partito da Monterotondo e tornato in cucina a Roma, dove ha reso Cesare un cult. Qui la cacio e pepe è proposta in due versioni: pasta secca (spaghetti, rigatoni, mezze maniche) e pasta fresca fatta in casa, i tonnarelli. Lo chef spiega che per preparare una cacio e pepe da manuale bisogna miscelare il pepe nero macinato grosso con il pecorino romano grattugiato (meglio se stagionato sei mesi) e poca acqua fredda, aggiungere gli spaghetti al dente e dare una prima mescolata lontano dal fuoco. Si aggiunge quindi un mestolo generoso di acqua di cottura, si rimette sul fuoco e si attende che si formi l’anelata cremina. Oltre alla cacio e pepe sono da menzione anche gli gnocchi fritti, altra specialità da non perdere.

Voto: 8

Prezzo: 9 euro

Il tocco in più: due versioni, pasta secca e pasta fresca fatta in casa (miglior rapporto qualità prezzo)

Da Cesare, Via del Casaletto, 45. Tel. 06 536015. Sito.

3) VyTa enoteca regionale del Lazio

I tanti prodotti del Lazio e i piatti tradizionali abbinati con i vini regionali fanno di Vyta, in via Frattina, un punto di riferimento per chi ama la cucina romana. In uno uno spazio a due piani con al  primo bancone in rame e marmo nero e tavolini da aperitivo e al secondo una cucina la vista e 4 salette. Questo è il regno di Dino De Bellis, executive chef di Vyta dal 2017, cresciuto nelle campagne romane,  profondo conoscitore della cultura contadina e cultore del  rispetto delle materie prime, senza mai perdere estro e creatività. I suoi tonnarelli cacio e pepe sono proposti in due versioni, quella classica e quella estiva: tonnarelli all’uovo, pecorino romano dop, pepe fresco, limone e menta romana. Tra le miglior cacio e pepe di Roma, anche se i puristi protesteranno. Ma la variante con il tocco di freschezza della menta e del limone è da provare. Questa la preparazione per 500 gr: cuocere i tonnarelli in abbondante acqua salata. Mentre la pasta è ancora sul fuoco togliete un mestolo d’acqua di cottura e mettetelo in una padella ampia. Mettete il pepe appena macinato nell’acqua. Scolate la pasta e mettetela nella padella, mescolandola. Sempre a fuoco molto lento mescolare, unendo 100 gr di pecorino e la buccia grattugiata del limone. In questo modo si formerà  la cremina della cacio e pepe. Unire le foglioline di menta. Servire subito aggiungendo altri 50 gr di pecorino. Se volete vedere lo chef all’opera nella preparazione della cacio e pepe ecco il video.

Voto: 8

Prezzo: 13 euro

Il tocco in più: limone e menta

VyTa enoteca regionale del Lazio, Via Frattina, 94,Tel. 06 47786876. Sito

2) La terrazza dell’Hotel Eden

Nella cucina di uno degli alberghi più esclusivi di Roma, l’Hotel Eden in via Ludovisi, regna lo chef stellato Fabio Ciervo, classe 1979, da Sant’Agata de’ Goti, esperienza internazionale e nonni agricoltori di cui conserva sapienza e amore per le materie prime. Uno dei suoi piatti simbolo sono gli spaghetti cacio e pepe del Madagascar. Ovvero la reinterpretazione della cucina romana da parte dello chef con spaghettini, brodo di pollo, pecorino Romano Dop, boccioli di rosa e pepe nero del Madagascar. Questa la preparazione: scaldare leggermente l’olio d’oliva in una padella, unire il pepe precedentemente pestato con un mortaio ed infine unire il brodo preparato precedentemente. Iniziare la cottura della pasta. A cottura ultimata versare la pasta al dente nella salsa e terminare la cottura a fuoco moderato. Passare quindi alla mantecatura unendo il pecorino, un filo d’olio e mescolando con l’aiuto di un forchettone. Finire il piatto con una spolverata di pepe pestato al momento. Tra le migliori cacio e pepe di Roma, ma il prezzo è spaventosamente fuori misura rispetto agli altri piatti.

Voto: 9

Prezzo: 45 euro

Il tocco in più: il brodo di pollo e i boccioli di rosa

La Terrazza Hotel Eden, Via Ludovisi 49. Sito.

1) Roscioli

Una tradizione dal 1824 e che ha visto il susseguirsi di quattro generazioni: Roscioli insegna storica di Roma. Un nome che racchiude tante realtà diverse, primo tra tutti l’Antico Forno ma anche il caffè pasticceria, il wine club e, dal 2002, anche una raffinata bottega gourmet con cucina. Nel menu potrete trovare tutti i piatti classici della tradizione romana, tra cui un’eccellente carbonara, anche se la vera protagonista è la cacio e pepe. Gli ingredienti? Tonnarelli all’uovo, pecorino romano dop, cacio di Moliterno, pecorino di fossa di Sogliano del Rubicone e pepe malesiano. La descrizione non è affatto una semplice lista di ingredienti, perché è il mix  dei formaggi a dare un carattere speciale al piatto. Infine il pepe di Giava e quello di Sarawak macinati al momento e appena tostati in padella, per il risultato finale: strepitoso.

Voto: 9

Prezzo: 12 euro

Il tocco in più: il mix di pecorino, cacio di Moliterno e pecorino di Fossa di Sogliano del Rubicone

Roscioli, via dei Giubbonari, 21 Tel. 06 6875287 Sito

Le migliori cacio e pepe di Roma

Leggi anche

Le migliori amatriciane di Roma

Le migliori carbonare di Roma

About author

You might also like

Iole e la vignarola di Paris

Questa settimana,┬áper la nostra rassegna dei┬ápiatti preferiti di Puntarella Rossa, mangiati, raccontati e fotografati nei ristoranti e nelle osterie migliori di Roma, un piatto tradizionale e primaverile, a base di …

Classifiche 0 Comments

Le migliori amatriciane di Roma, sfida a sette con prezzi e specialità

Le migliori amatriciane di Roma, prezzi e specialità nei ristoranti tra bucatini, spaghetti e gnocchi. Amatriciana, piatto del territorio abruzzese (Amatrice in origine era nel dipartimento dell’Abruzzo delle due Sicilie) da …

I migliori ristoranti pugliesi di Roma, cinque locali per gustare orecchiette, bombette e crudi

I migliori ristoranti pugliesi di Roma, con panzerotti, bombette e crudi.  Il più conosciuto è probabilmente l’Orecchietteria aperta un anno fa da Lino Banfi. Ma nella Capitale di locali dove assaggiare cime …