Felice a Testaccio Milano, la cacio e pepe della storica trattoria romana alle Colonne di San Lorenzo

Felice a Testaccio Milano, la cacio e pepe della storica trattoria romana alle Colonne di San Lorenzo

Felice a Testaccio Milano, tel. 02.80506690La data dell’apertura a Milano è il 14 novembre 2017, in via del Torchio 4, stradina tranquilla e defilata in zona Colonne di San Lorenzo, che tra l’altro conserva ancora molte tracce di romanità del passato (nel IV e V secolo d.C. Milano era la capitale dell’Impero Romano d’Occidente). Un’apertura figlia di “Felice a Testaccio“, trattoria storica di Roma, datata 1936, nel quartiere Testaccio, appunto. I piatti forti nel menu che hanno conquistato anche americani e giapponesi? Carbonara e cacio e pepe, con i tonnarelli sapientemente mantecati al tavolo. Ecco cosa si deve aspettare la clientela milanese, dalle parole di uno dei Trivelloni, famiglia che da quattro generazioni ha sempre gestito l’insegna romana, nata dal capostipite Guido come vecchia osteria, e resa celebre dal figlio Felice.

Segui Puntarella Rossa Milano su Facebook

STESSA FORMULA –Stessi piatti della tradizione popolare romana, stesse materie prime, stesso nome, stessi prezzi (cacio e pepe a 13 euro. Prezzo medio di un pranzo/cena: 40-45 euro – bevande escluse), a Milano cambia solo la via e, per ora, gli orari“, ci dice Maurizio Trivelloni, figlio di Franco, che, dopo la morte di Felice, oggi tiene le redini del locale romano. A Milano toccherà invece a Giulia Trivelloni, nipote di Felice. Dalla cucina escono saltimbocca, amatriciana, carciofi romani (le cosiddette mammole), abbacchio. Avvertenza per i milanesi? “A Roma abbiamo tanti clienti di Milano che apprezzano le specialità romane. Qualche sapore, come la pajata, la coda alla vaccinara, la trippa, può essere forte per alcuni, ma le polpette al sugo o il bollito sono per tutti i palati”.

COSA CAMBIA NEL MENU – In realtà qualche piccola variazione c’è: “Ci sono due, tre esclusioni come segno di rispetto alla piazza milanese, a partire dall’ossobuco che non faremo, anche perché a Roma lo facciamo diversamente (nella Capitale si fa con i piselli, mentre a Milano l’ossobuco, ossia lo stinco di vitello, è accompagnato da risotto allo zafferano)”.

LA ZONA  – “Volevamo essere in una parte centrale della città, e poi non c’era molta scelta. Diciamo che a Roma, in questo momento, c’è più possibilità di spazi per i locali. A Milano un po’ meno. E tra l’altro, quella delle Colonne di San Lorenzo è una zona romana per eccellenza di Milano (l’antica Mediolanum): il locale ha infatti all’interno i resti di colonne di un circo romano. Migliore posizione non potevamo trovarla”.

GLI ORARI – “Partiamo piano. Se a Roma siamo aperti  7 giorni su 7, sia pranzo che a cena,  l’idea è di arrivare a questo anche a Milano, dove per ora serviremo la cena in settimana e il pranzo solo nel weekend. Intanto, dobbiamo abituarci a un’altra città. A Roma non passa giorno che non abbiamo 3 – 4 tavoli di milanesi. E’ una sorta di scambio. Ci auguriamo che possa avvenire lo stesso a Milano. Se poi non piacciamo ci riportiamo tutto a casa e ritorniamo a Roma”.

Felice a Testaccio Milano, via del Torchio 4, Milano. Tel. 02.80506690 – +39 3473251324

Aperto da martedì a domenica 19.30 – 24. Sabato e domenica 12.30 – 15. Chiuso il lunedì. Pagina Facebook

About author

You might also like

Pescaria Milano, il fast food del pesce crudo di Polignano a Mare sbarca in zona Garibaldi

Pescaria Milano, via Bonnet 5, zona Garibaldi. Apre mercoledì 7 settembre, a Milano, il tanto sospirato fast food del pesce crudo. Pescaria nasce a Polignano a Mare da un’idea di Bartolo L’Abbate e Domingo Iudice, …

Nuove aperture Milano dicembre 2017: raddoppiano Pescaria e SorryMama, l’Antica Pizzeria da Michele al posto de Il Ricci

Nuove aperture Milano dicembre 2017. Con l’arrivo di dicembre le nuove aperture milanesi non si fermano. Anzi, mai si è visto un inverno con tanto fermento gastronomico. Dal pokè hawaiano …

Mudec Restaurant Milano, lo chef stellato Bartolini approda al Museo di via Tortona

Mudec Restaurant Milano. La primavera porta il profumo dei piatti d’autore in città: lo chef brianzolo pluristellato Enrico Bartolini, dopo l’apprezzata consulenza al romano Buff, si trasferisce da Cavenago a Milano. Ma non in …