Pisù Roma Pizza & Sushi, il sogno d’integrazione di cinque ragazzi afghani del Pigneto diventa realtà

Pisù Roma Pizza & Sushi, il sogno d’integrazione di cinque ragazzi afghani del Pigneto diventa realtà

Pisù Roma, Pizza & Sushi al Pigneto. Come dice il nome, mette tutti d’accordo quelle sere in cui ‘ho voglia di pizza’, ‘no, io di sushi’. E’ il primo ristorante a Roma che nel menu offre sia vari onigiri e uramaki che la pizza romana. Si può anche ordinare e portar via. Ma è anche e soprattutto il sogno di un gruppo di ragazzi afghani, in Italia da 10 anni, che si sono conosciuti in un centro di accoglienza e che, contando solo sulle proprie forze e con l’aiuto di varie associazioni di volontariato, sono riusciti a lavorare e alla fine a creare Pisù, al Pigneto, il quartiere più multietnico di Roma. Dopo due anni di lavori, ha aperto i battenti a maggio, in via De Magistris 74.
Una storia di integrazione possibile, cominciata nel 2006, quando i cinque arrivano in Italia ancora giovani e senza sapere una parola d’italiano. Saravan trova un appoggio e un aiuto alla Liberi Nantes, squadra di calcio di Pietralata che promuove la libertà di accesso allo sport per rifugiati e richiedenti asilo.

pisù1

Il locale è ideale per una cena veloce in settimana: piatti buoni e prezzi onesti. L’estetica è essenziale, con una grande vetrata, uno spazio ampio che permette lunghe tavolate, il bancone per la pizza al taglio e la cucina a vista, dove Saravan prepara il sushi e Abdullah la pizza, leggera a fragrante (che ha imparato a fare lavorando da Alice Pizza). Ahmad ha messo a dispozione la sua pratica nella gestione di un locale: un piccolo e apprezzato take away giapponese, Kokoro, accanto al Cinema Aquila, chiuso dopo due anni per inziare questa nuova avventura, un po’ più in grande.

Pisù Roma

Il nuovo menu, allargato, porpone quindi dalla pizza fiori di zucca e alici o gorgonzola e radicchio a lenta lievitazione (6 – 6,5 euro) a un’ampia scelta di sushi e sashimi. Ad esempio il menù primavera, con 24 pezzi, tra nigiri (riso e pesce), uramaki e maki (i roll con alga nori, pesce, riso e verdura), con la possibilità di scegliere tra salmone, tonno, polpo e gambero (21 euro). Per dolce il mochi al tè verde o alla vaniglia (3 euro). Oltre alla pizza al taglio (13 euro per la teglia).

Come mai questa scelta e non far conoscere a Roma la cucina afghana? “Ognuno di noi fa quello che ha imparato qui in Italia. Io ho lavorato sempre in ristoranti giapponesi”, dice Saravan, che in Afghanistan non aveva mai cucinato. E’ partito quando era ancora uno studente.

pisù3

Abdullah, invece, ha imparato a fare la pizza grazie a un corso di formazione, poi ha lavorato nelle Marche e in Sardegna. E perché avete scelto di rimanere e aprire qui la vostra attività? “I ragazzi arrivati nel 2006 sono rimasti tutti qui. Nessun altro Paese accettava i rifugiati, così sono venuti tutti in Italia. Per fortuna”, dice Ahmad che ammette che la sua scommessa è azzardata, ma farebbe la stessa scelta: “È molto difficile. Per pensare di stabilirsi qui bisogna avere una tranquillità economica e ci siamo messi insieme per avere una stabilità”.

Pisù – Pizza & Sushi – Pigneto – Via L. F. de Magistris 76. Tel. 0697613368 e 0669348219

About author

You might also like

Livello 1 a Roma, il nuovo ristorante di pesce in zona Eur (con la consulenza di Felice Lo Basso)

Livello 1 a Roma. Buoni ristoranti all’Eur ne abbiamo? Ma di pesce? Fino a qualche mese fa, neanche l’ombra. Zero. Nisba. Ci si fermava al massimo in zona Ostiense (dove …

Nuove aperture a Roma giugno 2021: si riparte con Gastromario, Carnale, Horti ed Enoteca La Torre in Prati

Nuove aperture a Roma giugno 2021. Ci siamo. Finalmente si riapre (si dovrebbe, da quello che dicono): prima fuori, poi dentro, poi senza coprifuoco. Se poter mangiare e bere all’aperto, nei …

Barnaba Roma, il winebar parente di Remigio debutta a Piramide (con dehors)

Barnaba Roma, via della Piramide Cestia 51 Tel 3930584057 Il 18 aprile 2018, a Roma nel quartiere di San Saba, apre i battenti Barnaba Wine Bar e Cucina, un locale per bere …

8 Comments

Leave a Reply