Clivo Roma, a Monteverde un nuovo bistrot policulturale

Clivo Roma, a Monteverde un nuovo bistrot policulturale

Clivo Roma, nuovo bistrot policulturale a Monteverde. Tel. 06 45441326 Ha aperto sabato 5 Dicembre Clivo Roma, a Monteverde, a pochi passi da Villa Pamphili. Il progetto, frutto dell’unione di quattro soci con competenze trasversali (fra cui uno chef, una pasticciera e un architetto) è stato quello di creare uno spazio poliedrico e multiforme, un luogo dai tanti volti e dalle tante contaminazioni positive. Clivo vuole essere così un bistrot policulturale, dove si incontrano il buon cibo, le discipline olistiche e la letteratura. Il locale è contenuto negli spazi ma ben diviso: una manciata di tavolini, un grande divano blu e una poltrona sui toni dell’azzurro. Domina ovunque il legno chiaro che ricrea l’atmosfera da locale nordico, un piccolo angolo di Scandinavia a Roma. Alla destra della sala invece c’è una libreria per ragazzi, con edizioni di qualità. Fino a Natale troverete in vendita vasi peruviani i cui ricavati verranno devoluti in beneficenza, ma da gennaio in poi questo spazio tornerà ad essere solo libreria, con una sua autonomia.

Bancone dolci clivo

Attraverso una finestra dietro il bancone dei dolci si intravede la cucina. La proposta culinaria di Clivo Roma spazia dalla prima colazione al pranzo, dal tè pomeridiano con torte  fino alla cena. La cucina è improntata al Km zero e alla stagionalità, tanto che un vero e proprio menu non esiste perché i piatti vengono preparati in base a quello che offre giornalmente il mercato. Tante verdure e tanto pesce, nessuna traccia della carne invece, non inserita nel menu per una questione di sostenibilità. Oggi per esempio troverete una crema di gamberi con le zucchine, gli spaghetti con i lupini (8 euro) (le vongole non allevate), un cous cous al profumo di arancio e limone e come contorno le verdure di stagione. I prezzi spaziano dai 6 euro per i piatti senza pesce fino ai 8 o 10 euro per i piatti con il pesce. Per quanto riguarda il lato dolce della cucina, le origini lussemburghesi della socia pasticciera fanno sì che i dolci abbiano forti contaminazioni nord europee. Largo quindi alle torte come la Gugelhupf, la Tarte di mele, la torta lamponi e cioccolato e all’uso dei grassi nobili, come il burro francese di altissima qualità. Non mancano comunque le incursioni nelle tradizioni nostrane, come i tozzetti. Poche cose elaborate, tanta sostanza. Per quanto riguarda i prezzi dei dolci, si parte dai 2 euro per le crostatine con le visciole e si arriva massimo a 3,50 euro per una fetta di torta cioccolato e lamponi.

clivo spazio olistico

Sulla sinistra invece ci sarà uno spazio dedicato alla musica e alle discipline olistiche, che al momento ospita la mostra di Lorenzo Terranera (il vignettista di Ballarò). Questo angolo camaleontico si presterà ad ospitare laboratori creativi, attività musicali e serate di coro, jazz e musica etnica, proiezioni di corti e documentari, lezioni di yoga antigravitazionale, olistica posturale, massaggi shiatsu, taijiquan. Durante queste attività la sala verrà separata dalle altre con una porta ermetica e insonorizzata. La domenica invece le tre sale rimarranno tutte comunicanti perché si terrà il brunch con un concerto di pianoforte.

Clivo Bistrot, Clivo Rutario 63-65a, Roma. Tel 06 45441326. Pagina Facebook

About author

You might also like

Nuove aperture Roma gennaio 2017: Santarelli con enoteca-ristorante a piazza Capranica, Pipero trasloca a Corso Vittorio

Nuove aperture a Roma gennaio 2017. Tra traslochi e aperture eccellenti, sono tante e importanti le novità che da qui alle prossime settimane coinvolgeranno la scena gastronomica romana. Come il …

Osteria da Francesco a Roma: cucina calabrese e gamberi di Mazara del Vallo a Montesacro

Osteria da Francesco a Roma. Tra i locali di Montesacro, di cui vi avevamo parlato qui, pronti ad accogliervi dal pranzo all’aperitivo fino a cena e dopocena, si è aggiunto da …

Pandalì a Roma, il nuovo forno gluten free a largo di Torre Argentina

Pandalì a Roma, nuovo forno gluten free a pochi passi da Largo di Torre Argentina.  Il 21 dicembre scorso ha aperto i battenti Pandalì, forno immerso nel vivo centro storico che utilizza farine a filiera …

2 Comments

  1. Skywalker
    gennaio 20, 15:08 Reply

    La torta non si chiama Kuglopf ma Gugelhupf o Kugelhupf….

Leave a Reply