Nuove aperture a Milano giugno 2022, Ricci Osteria, Locale, Kaiseki, Marcel Boum

Nuove aperture a Milano giugno 2022. Con l’estate alle porte Milano è sempre più attiva, e sono diversi i ristoranti nuovi da provare in città anche a giugno (qui, quelli aperti a maggio). Come sempre, menu, indirizzi e prezzi.

  • Si inizia con Locale, che offre ai suoi ospiti sia la possibilità di mangiare all’interno sia l’opzione pic-nic, da gustare con vista Arco della Pace: prodotti a chilometro zero, anzi 100, nel senso che arrivano entro un raggio di 100 chilometri da Milano.
  • Sbarca in città anche Kaiseki, all-you-can-eat di qualità che in carta ha pensato anche una serie di omaggi alla città meneghina in chiave nipponica. Avete mai immaginato di mangiare un maki al ragù di luganega?
  • Rotonda Bistro, citato anche nella Milanese, ha riaperto sotto la guida dello chef di Innocenti Evasioni Tommaso Arrigoni, con un menu ispirato alle famiglie e una proposta beverage a basso contenuto alcolico curata da Benjamin Cavagna.
  • Dalla collaborazione tra Gaia Trussardi e Cesare Battisti del Ratanà nasce invece Marcel Boum.
  • Due proposte internazionali: DedasPuri per la cucina georgiana e Ellis per la tradizione italoamericana.
  • Tra le nuove aperture troviamo anche Corner58 by Roberto Conti, già una stella Michelin da Trussardi alla Scala, che reinterpreta la pizza napoletana con personalità
  • Anche gli chef stellati Antonella Ricci e Vinod Sookar puntano su Milano, aprendo Ricci Osteria, un ristorante contemporaneo pugliese che si ispira al  celebre, e ottimo, locale di Ceglie Messapica.
  • Infine, il South Garage Cafè & Bistrot a Corvetto, un locale all-day-long situato all’interno di un concept store per gli amanti delle due ruote.

Ma vediamoli nel dettaglio, con menu, indirizzi e prezzi.
Per info su nuove aperture, segnalazioni o correzioni, scrivere a puntarellarossaweb@gmail.com

Scopri qui i migliori ristoranti di Milano del 2022!

Nuove aperture a Milano giugno 2022

Locale – Arco della Pace

Picnic Locale Milano

Locale nasce da un’idea di Veronica Pagani e Gaetano Spadoni, che hanno deciso di puntare sulle piccole realtà agroalimentari della Lombardia creando una proposta interamente a km0. Il menu cambia settimanalmente, e tutti gli ingredienti provengono entro e non oltre i 100 chilometri di distanza dal capoluogo lombardo: troviamo realtà come il Consorzio del Parco Agricolo del Ticino, ma anche Pascol, che fornisce carne bovina di qualità di piccole aziende selezionate e certificate. Anche la proposta beverage riflette la filosofia del locale, dai vini sperimentali Rukh e Theia di Nove Lune fino ai fin di Eugin e il whisky di Strada Ferrata. Durante il weekend Locale dà ai suoi ospiti la possibilità di fare un pic-nic in Parco Sempione, grazie a un cesto in vimini che contiene un’ampia selezioniedi salumi e formaggi, una quiche di verdure e un dolce.

Locale, via Domenico Cirillo, 12, Milano; Tel. 02 36588110; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 19 alle 23.30, chiuso la domenica
Orari pic-nic d’asporto: venerdì dalle 19 alle 21.45, sabato dalle 12 alle 14 e dalle 19 alle 21.45 e domenica dalle 12 alle 14

Ricci Osteria – dal 1966 – Risorgimento

Antipasto Osteria Ricci dal 1966 Milano

Antonella Ricci e Vinod Sookar approdano a Milano, con un progetto volto a celebrare la cucina pugliese tra tradizione e approccio personale. L’ambiente comprende due piani e un piccolo dehor: l’arredamento è ispirato alle masserie pugliesi, con elementi verde oliva e ruggine, tessuti naturali e ceramiche di Grottaglie di Enza Fasano. La carta punta alla valorizzazione dei sapori del territorio: si inizia dagli antipasti, tra cui segnaliamo la Burrata di latte vaccino per due persone (18 euro), per poi proseguire con i primi, tra cui spiccano le Orecchiette di semola rimacinata fatte a mano, condite ai tre pomodori Regina, Tombolone e Fiaschetto, e cacioricotta (16 euro). Tra i secondi menzioniamo il Cappello del prete di manzo CBT, riduzione di Primitivo, purea di sedano rapa e chips di tuberi (27 euro). Non mancano due tra i Signature Dishes provenienti dalla carta del ristorante a Cegli Messapica (1 stella Michelin): le Gocce di ricotta avvolte nella semola con pesto di zucchine, pancetta croccante e tartufo nero (26 euro) e il Mojito di Vinod, un frozen mojito con infusione di menta e lime privo di ghiaccio (12 euro).

Osteria Ricci – Dal 1966, via Sottocorno, 27, Milano; Tel. 02 49705612; Sito, Pagina FB
Aperto dal martedì alla domenica dalle 19 alle 23, sabato e domenica aperti anche a pranzo dalle 12 alle 16

Kaiseki – Sarpi

Sushi K Kaiseki Milano

Non è il solito sushi che apre in città: K – Kaiseki sbarca a Milano con un all-you-can-eat di qualità che contamina la cucina milanese con quella giapponese. Ci sono tutti i classici della cucina asiatica, tra dimsum, maki, rolls, cone, zuppe, carpacci, cirashi e pokè, con qualche incursione sudamericana come il tacos omakase e italiana. Ma soprattutto c’è una sezione che omaggia i quartieri di Milano:  come “Hosomaki in Isola, maki al ragù di luganega e porri; “Un salto all’Arco”, crocchette di riso allo zafferano al salto con cassoeula e mostarda di frutta; “Unagi in Darsena”, chirashi leggermente piccante di lenticchie con il caratteristico pesce d’acqua dolce flambato e foglia di barbabietola, “Tokyo a Nolo”, unagi in carpione giapponese con aceti di riso e verdure saltate allo zenzero; “Involtino Moscova” con foglia di riso, ripieno di cotoletta di vitello e accompagnato da una salsa agropiccante; “Il Maki di Porta Romana”, un uramaki in foglia di cavolo cinese con ossobuco di vitello, gremolada e quartirolo sbriciolato e caramellato.
Il costo è variabile: si pranza durante la settimana con 18 euro, nei weekend e festivi con 22 euro, mentre la cena ha sempre un costo di 33 euro.

K – Kaiseki, via Paolo Sarpi, 5, Milano; Tel. 379 255 9999; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15.30 e dalle 19 alle 23.30

South Garage Cafè & Bistrot – Corvetto

South Garage Cafè & Bistrot Milano

A dieci anni dall’apertura dell’attività, South Garage amplia la sua offerta e diventa un concept store dedicato agli amanti delle moto, che comprende una boutique, un atelier finalizzato a personalizzare le due ruote, il flagship store di Triumph e ora il Cafè & Bistrot, che si affaccia sul cortile interno e gode di un dehor. L’offerta è all-day-long: si inizia dalla caffetteria e si prosegue con il pranzo, il cui menu da piatti unici come il Riso thai con gamberi, copollotto, salsa di soia, coriandolo, zenzero, anacardi e zeste di limone (12 euro) fino alle insalate, senza dimenticare la pizza alla pala e i sandwich come Tokyo, a base di tonno tataky, cipolla caramellata e maionese allo yuzu (13 euro). La formula aperitivo costa 20 euro e propone quattro finger food e un cocktail, da scegliere tra i classici o gli special proposti da Filippo Sisti ispirati alle moto come lo Spritz Garage, a base di aperol, prosecco allo zenzero e soda all’arancio. La sera il bistrot diventa un’osteria contemporanea guidata da chef Marco Pietrafesa: in carta troviamo piatti più classici come la Battuta di fassona con nocciole, salsa bernese e chips di riso (14 euro) ma anche specialità come lo Spaghettone alle cicale, con spaghetto di Gragnano, cicale di mare, cioccolato bianco e caffè (18 euro). Tra i secondi segnaliamo la Guancia di vitello cotta a bassa temperatura con topinambur, lime e zafferano (20 euro), tra i dolci Oro nero, una mousse di cioccolato fondente, pesche gialle e croccante alle mandorle (6 euro).

South Garage Cafè & Bistrot, via Eugenio Brizi, 4, Milano; Tel. 02 2222 3866; Sito, Pagina FB
Aperto da martedì a domenica dalle 08.00 alle 00.00 con orario continuato

Corner 58 by Roberto Conti – Acquabella

Pizza Margherita Corner 58 by Roberto Conti Milano

Corner 58 è il nuovo progetto di Roberto Conti, una stella Michelin da Trussardi alla Scala, che a due passi da piazzale Susa ha inaugurato una pizzeria contemporanea, in coppia con il pizza-chef Michele Botta, con precedenti esperienze da Marghe e Cocciuto. L’ambiente, di ispirazione newyorkese, è caldo e accogliente, grazie a mattoni a vista, tavoli in legno accostati sedie e lampadari nero opaco; a breve verrà allestito un piccolo dehor. Il menu è ampio, e spazia dai classici come la Margherita con Pomodoro San Marzano e giallo, fiordilatte, basilico, olio extravergine d’oliva (9 euro) fino alle Pizze Contemporanee, tra cui menzioniamo la Milanese, a base di pomodoro giallo, parmigiano, alici del Cantabrico, limone, ossobuco, zafferano, riso croccante (12 euro). La carta prevede anche altre sezioni, di cui una dedicata ai triangoli di focaccia abbinati al pesce, tutti a 10 euro, ma anche tartare di pesce creative, come quella con Gambero rosso, olio, limone, latte di cocco e asparago di mare (25 euro), due proposte della tradizione milanese e infine i dolci. Ci teniamo a segnalare che, caso abbastanza raro, da Corner 58 non si paga il coperto.

Corner 58 by Roberto Conti, viale Argonne, 11, Milano; Tel. 02 4942 0188
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 14.30 e dalle 19.30 alle 23

DedasPuri – Sant’Ambrogio 

Tra le nuove aperture a Milano giugno 2022 c’è  DedasPuri, letteralmente “pane della mamma”. Alla sua guida troviamo due amiche e imprenditrici, Lela Khoriauli e Stefania Achillei, che dopo tre anni dall’apertura del primo locale a Pavia hanno deciso di puntare su Milano (qui il nostro articolo completo). L’obiettivo è quello di proporre l’autentica cucina georgiana in un contesto familiare, con un menu ampio e variegato che comprende molti piatti tipici anche poco conosciuti. Si inizia dagli antipasti, tra certezze come l’Insalata Russa (8 euro) e specialità come Mtsvane Lobio, taccole stufate profumate con un mix di erbe (8 euro); si prosegue con varie tipologie di Pkhali, un classico della cucina georgiana a base di verdure tritate combinate con aceto, cipolle, aglio, erbe e salsa di noci. Spazio alla pasta ripiena fatta a mano: segnaliamo i Khinkali, tradizionali ravioli ripieni di carne mista speziata (12 euro), anche in variante veg ripieni di funghi stufati (10 euro). La carta prosegue con altre sezioni dedicate alle focacce, come il Khaciapuri Imeruli, farcito con formaggio georgiano vaccino filante e leggermente salato; presente anche la carne, declinata in specialità come lo Tsitsila Tabaka, un galletto intero coperto con Ajika, una salsa piccante (15 euro) o gli Spiedini di pecora con patate alla georgiana (16,50 euro). Non mancano i dessert: da DedasPuri si può assaggiare la Churchkhela, dolce tradizionale preparato con noci, nocciole, mandorle, semi di zucca e frutta essiccata che vengono infilzati in uno spago e immersi a più riprese in un succo di uva altamente condensato (5 euro).

DedasPuri, via Edmondo de Amicis, 44, Milano; Tel. 02 84574 576; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15 e dalle 19.15 alle 23.30, chiuso il lunedì

Ellis – Risorgimento 

Spaghetti Meatballs Ellis Milano

Nel 1921 una coppia di emigranti italiani apre un ristorante di cucina italiana a New York; anni dopo è la figlia Olivia, insieme al marito italoamericano Bryan, a raccogliere l’eredità dei genitori: nasce così Ellis, che per trent’anni resta un punto di riferimento per gli italiani nella Grande Mela. Nel 1985 Olivia torna in Italia, ed è qui che incontra la futura nuova proprietà, che ha deciso di dare una seconda vita aprendo Ellis a Milano, per assaggiare la cucina tradizionale italoamericana. Si parte dagli antipasti, tra cui spicca il Polpo Ellis 1955, cotto alla griglia e servito con rucola, patata americana, cipolle di Tropea e pomodori pachino (15 euro); si prosegue tra classici come le Fettuccine Alfredo (13 euro) o gli Spaghetti & Meatballs (15 euro), fino a (non urlate) l’American Carbonara, con Guanciale di Amatrice servita con panna montata e pancetta croccante (13 euro). Tra i secondi menzioniamo i Veal Rollatini, involtini di vitello e scamorza con salsa agli agrumi di Sicilia e capperi di Pantelleria (17 euro); i dolci, tutti a 6 euro, spaziano da cannoli siciliani e pastiera fino alla New York cheesecake. Segnaliamo una sezione cocktail, una dedicata ai bambini e alcuni menu speciali pensati per il pranzo.

Ellis Milano, via Carlo Goldoni, 3, Milano; Tel. 02 540 77034; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni alle 12 alle 15 e dalle 19 alle 23, chiuso il lunedì 

Osteria Democratica – Navigli

osteria democratica sala interna 

Dalle ceneri di un locale in disuso di proprietà del Comune di Milano nasce Osteria Democratica (ne abbiamo parlato meglio qui), un locale dove l’atmosfera è rilassata e informale, complice un menu veloce e ben pensato accompagnato da una ricca carta di vini. La proposta è essenziale e punta sulla valorizzazione di piccole realtà locali, come gli agricoltori del Parco Agricolo Sud Milano. Il menu comprende una sezione di piatti unici come l’Anguilla marina di Comacchio (10 euro) o la Culaccia di Fontanellato (8 euro), per proseguire con le tartare, tra cui quella di trota affumicata (12 euro) fino ad arrivare a taglieri e crostoni: segnaliamo il Tagliere della Bassa, con prosciutto crudo, lardo, gola stagionata, sculaccia, salame e giardiniera (12 euro) e il Crostone con lardo e miele (7 euro). La carta dei vini conta più di 70 etichette, prediligendo vini naturali e piccoli produttori; l’ambiente è ampio e luminoso, ma quello che attira più di tutto è sicuramente il dehor, caratterizzato da tavolini in legno, tende bianche e una grande varietà di piante di contorno. 

Osteria Democratica, via Ettore Troilo, 14, Milano; Tel. 02 8407 7290; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 18 a mezzanotte, il venerdì e il sabato fino all’una, chiuso la domenica

Rotonda Bistro – Guastalla

Nuova vita per Rotonda Bistro, che riapre sotto la guida di chef Tommaso Arrigoni: l’offerta è all-day-long, pensata per accompagnare tutti i momenti della giornata e soprattutto le famiglie, complice la vicinanza con il MUBA, il Museo dei Bambini. La proposta comprende classici come gli gnocchi, le uova, il ragù preparati con tecniche moderne; i piatti sono disponibili anche nelle mezze porzioni, così da far avvicinare anche i più piccoli all’alta cucina. La proposta beverage è curata da Benjamin Cavagna, che ha ideato una cocktail list con un grado alcolico inferiore ai 21 gradi adatta per essere consumata durante il pasto: la proposta consiste in 11 classici a cui il bartender ha dato un twist, come il Coffee Martini 2.0 o il Negroni in vigna. Il tutto viene arricchiato dalla location, lo splendido giardino circondato dal colonnato con vista sulla la settecentesca chiesa di San Michele ai Nuovi Sepolcri. 

Rotonda Bistro, via Enrico Besana, 12, Milano; Tel. 388 859 3490; Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 10 alle 20.30, chiuso il lunedì

Marcel Boum – Tortona

Tra le nuove aperture a Milano giugno 2022 c’è Marcel Boum, che vuole essere ancor prima di un posto dove si mangia uno dove la multiculturalità viene apprezzata in modo autentico. L’idea alla base nasce con Gaia Trussardi durante la pandemia, che chiama Cesare Battisti per creare un nuovo indirizzo di cucina afroitaliana a Milano: un locale semplice e divertente, con elementi di giallo a fare da richiamo al sole e un piccolo dehor con pochi tavoli. In cucina troviamo ragazzi italiani, camerunensi, ma anche pakistani, proprio a dimostrare come l’integrazione debba tenere conto di tutti: la proposta ruota dunque attorno allo street food africano, che è stato rivisitato da Cesare Battisti per poi essere proposto in maniera più leggera e smart; da notare che per ogni piatto è specificato il paese di provenienza. Tra i cartocci segnaliamo il Matoke, platano cotto, schiacciato e fritto con mayo e kethup arisa, tipico dell’Uganda (8 euro), mentre si può scegliere anche l’Hummus algerino, a base di ceci e raparossa. Presenti anche primi, come il Wali Wa Nazi, riso al cocco con avocado, basilico, curry di burma, lime e zenzero, originario del Kenya (12 euro) e l’egiziano Babaganoush, crema di melanzane arrosto con yogurt al cumino (14 euro).

Marcel Boum, via Savona, 13, Milano; Tel. 3515218173, Sito
Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 23

Scopri qui i migliori ristoranti di Milano del 2022!

Nuove aperture a Milano giugno 2022

Seguici sui social: Facebook, Instagram

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*