Bulzoni Vini & Cucina Roma, ecco il wine bar della storica enoteca ai Parioli

Bulzoni Vini & Cucina Roma, ecco il wine bar della storica enoteca ai Parioli

Bulzoni Vini & Cucina Roma, ecco il nuovo wine bar ai Parioli. Tel. 068070494. Il vino è affar loro da quasi novant’anni. I Bulzoni già nel 1929 lo vendevano sfuso al civico 36 di via dei Parioli. Dopo quasi un secolo hanno deciso di cambiar forma perché vendere vino non gli bastava. E così, dopo la vendita di aceto e olio sfuso e dopo esser diventata enoteca meta degli amanti dello champagne e delle etichette biologiche e biodinamiche (queste non gli hanno risparmiato qualche inconveniente), è nato il wine bar con cucina. Il nuovo spazio, che vi avevamo anticipato qualche mese fa e che è stato messo a punto con Laurenzi Consulting, apre al pubblico il 12 ottobre.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

La prima attività di “Vini e Oli” è nata nei primi anni ’30 del Novecento, in quello che era ancora considerato il “periferico” quartiere Parioli. Allora gli spazi erano di Emidio Bulzoni, nonno di Alessandro e Riccardo, che oltre ad essere titolare del negozio si era cimentato a scrivere un trattato di “Consigli e pratica del commercio vinicolo”. Il negozio vendeva soprattutto vino, aceto e olio sfuso agli operai e alle famiglie che allora abitavano nella zona.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

A vent’anni dall’apertura, a metà del secolo scorso, subentra nel negozio il Sergio Bulzoni, figlio di Emilio. Con lui arrivano sugli scaffali i primi vini imbottigliati e i prodotti dall’estero. Insieme all’enoteca evolve anche il quartiere. Cambiano gli abitanti, alle famiglie romane operaie di sostituiscono quelle più benestanti, disposte ad acquistare vino ogni giorno per il fabbisogno di tutta la famiglia. Così nel 1972 i vini si vendono ormai esclusivamente in bottiglia, con una piccola mescita al bicchiere che permette al cliente di assaggiare il vino sul posto. E in quella data Bulzoni diventa ufficialmente “enoteca”.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

Eredi di terza generazione sono Alessandro e Riccardo. Il primo lavora nel negozio dalla metà degli anni ’80, mentre il secondo dalliinizio del 2000. I due fratelli per primi hanno portato sugli scaffali bottiglie di produttori artigiani e piccoli artisti del vino. Bulzoni dunque è diventata un punto di riferimento per la vendita di vini artigiani, prodotti senza l’aggiunta di sostanze chimiche, né in vigna né in cantina, quelli che più banalmente vengono chiamati “vini naturali“. Definizione che nel 2012 ha causato alcuni problemi alla storica enoteca, accusata di pubblicità ingannevole.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

I vini: moderni, “come una volta”, estremi

Bulzoni Vini & Cucina Roma

Multe a parte, Bulzoni vanta ancora un’ottima selezione di vini artigiani. Nel nuovo wine bar, che si apre con un bel bancone in marmo e ballatoi sospesi che portano dritti alle bottigliere, l’offerta è varia. Il menu delle etichette è declinato in Moderni, ossia secondo un modello che si basa su tecniche di enologia moderna, “Come una volta” quando l’intervento umano era poco invasivo sia in vigna che in cantina (“sono i vini che piacciono a noi”, si legge nel menu) e gli “Estremi“, dei vignaioli che non usano sostanze chimiche con l’obiettivo di ottenere vini da fermentazioni spontanee, lunghe macerazioni, nessuna filtrazione.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

I ricarichi sul vino non sono eccessivi. Per chi infatti vuole bere una bottiglia direttamente nel nuovo locale ogni bottiglia costa 7 euro in più rispetto al prezzo da asporto. Sia che il prezzo di partenza sia 20 euro sia che superi i 100 euro.

La cucina con tapas e piatti espressi

Bulzoni Vini & Cucina Roma

Quello che mancava alla vecchia enoteca c’è nel nuovo wine bar: la cucina. Gran parte è a vista, sia su strada che dall’interno. I piatti non sono sofisticati. Tapas, pintxos e vassoi di salumi e formaggi riempiono il banco per l’intero arco della giornata. Qui trovate il menu completo.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

Mentre a pranzo e a cena è possibile scegliere da una carta di piatti espressi che lasciano spazio alla sostanza. Come pappardelle con le frattaglie, ossobuco e riso al salto, pollo con i peperoni, lasagna con le verdure, ma anche insalate con sott’olio e altri prodotti della gastronomia. La scelta dei produttori e fornitori segue la stessa idea di artigianalità che accompagna da sempre famiglia Bulzoni: per alcuni piatti di carne Bottega Liberati, la pasta di Verrigni, i salumi e i formaggi di DOL e le Orme, la pasta fresca di Aldo Manzo.

Bulzoni Vini & Cucina Roma

Infine, tra gli scaffali troverete anche l’olio e il vino Bulzoni, del casale a Torri in Sabina, nell’alto Lazio, della stessa famiglia. Qui il vino rosso si è sempre fatto, ma adesso arriva anche il bianco e in primavera il nuovo vino frizzante.

Bulzoni Vini & Cucina Roma, aperti al lunedì al sabato, dalle 10 a mezzanotte. Chiusi la domenica. Tel. 068070494. Pagina Facebook

 

banner_VAN_novembre-2017_300x250

About author

You might also like

Recensioni 0 Comments

Antica Fonderia Roma, Alba Esteve Ruiz torna: ecco prezzi e menu (e recensione)

Antica Fonderia Roma, Alba Esteve Ruiz torna: ecco prezzi e menu (e recensione). Si attendeva con interesse e attenzione il ritorno sulla scena romana della giovane e talentuosa chef spagnola …

Eggs a Roma, storia di un’idea

Eggs a Roma, storia di un’idea. Cercavamo un’idea per realizzare un locale che non avesse la pomposità e le pretese estetiche di un ristorante classico e che non decadesse nella …

Dafne Garden Cafè Roma, il ristorante con giardino segreto dell’Apollo Boutique Hotel di Prati

Dafne Garden Cafè Roma tel. 06 39745319. Nelle Metamorfosi di Apuleio viene narrato il mito di Apollo e Dafne. Una storia d’amore non corrisposta. Cupido, arrabbiato con il Dio del …

3 Comments

  1. […] Nuove aperture Roma ottobre 2017. Questo mese il quartiere principe delle nuove aperture è sicuramente il rione Monti: dalla cucina cinese fusion di Cu_Cina alle polpette di Viveri, dal gelato di Glauco fino al grande progetto di ristorazione contemporanea Perpetual. Anche in centro, dopo la grande apertura della Rinascente (con due piani dedicati al cibo), spuntano nuovi indirizzi che promettono bene: Flora in via Veneto, la cucina ricercata di Penna D’Oca e il nuovo street food di Arcangelo Dandini. L’estrema periferia di Centocelle invece torna a far parlare di sé con Cento, ristorante firmato da due chef con importanti esperienze stellate alle spalle e un bar dedicato ai formaggi. In zona Tuscolana arrivano le oltre mille etichette biologiche e biodinamiche dell’enoteca Verso, a Monteverde un nuovo bistrot fusion giapponese all day long. Infine, a Prati si preparano ad aprire Stilelibero (di cui vi abbiamo già parlato il mese scorso) e un grande fish bar elegante e contemporaneo a cui lavora la Laurenzi Consulting, reduce da poco della nuova veste di Enoteca Bulzoni. […]

Leave a Reply