L’album di figurine di chef e pizzaioli

L’album di figurine di chef e pizzaioli

L'album di figurine degli chef

© Il Fatto Quotidiano / Puntarella Rossa

La rivista Italia squisita pubblica l’album delle figurine, con le facce di cento chef più o meno noti. Dopo trasmissioni televisive, seminari, libri e blog, mancava all’appello solo quello. Pezzi forti, per citarne alcuni, Gualtiero Marchesi, Aimo e Nadia Moroni, Alfonso Iaccarino, Gennaro Esposito. Per essere più precisi non si tratta di una prima volta: la singolare raccolta di stickers è stata lanciata lo scorso anno, quella targata 2013 è l’edizione numero due. Qual è la novità? Scendono in campo accanto ai cuochi anche i pizzaioli, che effettivamente non potevano mancare alla collezione: la pizza è o non è il piatto italiano per eccellenza? E allora largo ai maestri dell’impasto, della mozzarella e della pummarola, con tutte le sue varianti fantasiose e regionali.

Per la speciale collezione di autoadesivi c’è stato anche un evento di inaugurazione, una serata di beneficenza, a Milano (alla Fondazione Bertini), il 22 aprile. La mente dietro tutto questo si cela fra le pagine della rivista Italia Squisita: l’album – che, ammettiamolo, in qualche modo contribuisce a divinizzare la figura dello chef – oltre che un passatempo divertente può essere visto come una sorta di diario per non lasciarsi sfuggire i nomi emergenti, i ristoranti da provare, le pietanze e gli accostamenti culinari da non perdere, seguendo i preziosi consigli di chi passa la sua vita ai fornelli per deliziare anche i palati più esigenti.

Per partecipare bisogna inviare una mail a info@italiasquisita.it: con 15 euro era possibile assaggiare le creazioni di dodici fra i migliori pizzaioli d’Italia, bere a volontà e portarsi a casa il tanto ambito album e i primi tre pacchetti di figurine per cominciare la collezione. Scorriamo l’elenco di proposte della serata, giusto per farci venire l’appetito: fra le più bizzare la pizza al baccalà e spuma di patate, ma soprattutto quelle con l’aceto di lamponi, con la tartare di cervo crudo o addirittura con le lumache. Non mancano i sapori tipici di alcuni regioni come i pomodori Pachino o il Culatello. Non ci resta che iniziare ad attaccare il primo dei cento adesivi alla ricerca dei migliori chef dello stivale, sperando di essere fortunati e non incappare in troppi doppioni.

About author

You might also like

Classifiche 2 Comments

Le migliori birrerie di Roma: 20 pub di qualità, con street food gourmet da provare

Le migliori birrerie di Roma. “Birra stasera?”, chiedeva l’amico. E si rispondeva “sì”. E dove si andava? Ma che domande, al pub sotto casa. Che non era particolarmente curato, ma aveva la …

Ciao Checca, pranzo con cucchiaio (e senza glutine) nel centro di Roma

Ciao Checca non ha solo un nome sbarazzino (si riferisce, naturalmente, alla celebre pasta alla checca, di cui parleremo dopo), ma anche uno stile moderno e innovativo. Si trova nel centro …

Brunch Roma, i migliori indirizzi per l’ultimo weekend di ottobre (e la festa del 1° novembre)

Brunch Roma, i migliori indirizzi. Sabato 28, domenica 29 ottobre e mercoledì 1° novembre

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply