Cucina milanese contemporanea: 5 piatti evergreen dal menu del Ratanà

Risotto alla milanese Ratanà
Foto: Brambilla Serrani

5 piatti evergreen dal menu del Ratanà di Milano. È appena uscito in libreria il volume Cucina milanese contemporanea, scritto da Gabriele Zanatta con Cesare Battisti, chef del ristorante Ratanà. Pubblicato da Guido Tommasi Editore, il libro è dedicato ai classici della tradizione meneghina così come si sono naturalmente adattati ai giorni nostri, con la loro grande attrattiva, proprio come si possono trovare al tavolo del ristorante incastonato all’interno del Parco Biblioteca degli Alberi.

libro Cucina Milanese Contemporanea Cesare Battisti

Diamo allora insieme una sbirciata al sempre amatissimo menu del Ratanà, iniziando a mangiare con gli occhi i suoi evergreen.

5 piatti evergreen dal menu del Ratanà di Milano

Vitello Tonnato

Vitello Tonnato Ratanà
Foto: Brambilla Serrani

Rosa e invitante, il Vitello tonnato del Ratanà viene servito con capperi di Salina, un Presidio Slow Food. La golosa salsa è preparata con palamita.

Foiolo alla milanese

Foiolo Ratanà
Foto: Brambilla Serrani

Ancor più tenero della trippa mista, il foiolo è una carne magra. Nello specifico, il Foiolo alla milanese del Ratanà viene preparato con sedano, carota, formaggio grattuggiato, cipolla bianca, fagioli e aromi. Un sapore ed un profumo senza tempo.

Risotto alla milanese con ossobuco

Risotto alla milanese Ratanà
Foto: Brambilla Serrani

Non chiamatelo semplicemente risotto allo zafferano. Il Risotto alla milanese con fiori di zafferano e ossobuco di vitello è un classico del Ratanà che appaga l’occhio, l’olfatto e naturalmente il gusto.

La Costoletta di vitello

Cotoletta alla milanese Ratanà
Foto: Brambilla Serrani

Abbondante e sempre richiesta la Costoletta di vitello alla milanese, preparata con vitello sanato piemontese.

Il Tiramisù del Ratanà

Tiramisù Ratanà

Il Tiramisù del Ratanà con biscotto al caffè per concludere.

Segui Puntarella Rossa Milano anche su Facebook

Seguici anche su Instagram

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*