L’Ov Osteria Vegetariana Firenze, il format Quinoa diventa veg e sbarca in Oltrarno

L’Ov Osteria Vegetariana Firenze, il format Quinoa diventa veg e sbarca in Oltrarno

L’Ov Osteria Vegetariana Firenze è il nuovo ristorante per chi ama la cucina creativa veg. Il locale si trova in piazza del Carmine nello spazio dove ha aperto e chiuso a tempo di record Confusion. Dietro il progetto L’ov Osteria Vegetariana c’è Simone Bernacchioni che promette di stupire in Oltrarno così come ha già fatto sull’altra sponda con Quinoa, il ristorante gluten free poco distante dal Duomo.

lov1

L’ov Osteria Vegetariana non è il classico ristorante veg. La prima sorpresa è già nel menu dove i piatti sono divisi in due categorie: prima e dopo. Ci sono pietanze che rendono omaggio alla cucina regionale, altre a quella etnica: troviamo così nel prima (9-10 euro) l’acqua salata di Portogallo con pane di Altamura e la Frisella salentina con gianfotter, la zucchina tonda ripiena di miglio con friggitelli alla fiorentina. Ci sono però anche El Chicharron, la rivistazione veg del più famoso street food peruviano e gli involtini raw thai con salsa agrodolce e insalata di germogli. Per combattere il gran caldo c’è un’insalatina di anguria, finocchi, feta e olive di Grecia, molto rinfrescante.

lov9

Il dopo (9-15 euro) propone invece parecchie rivisitazioni: il “susci” sano perché vegetariano, le polpette di melanzane al sugo con purè di patate novelle, il tegamino di trippa d’uovo alla fiorentina gratinata al forno, la gran frittura dell’orto con salsa tartara, la chitarra in carbonara di tartufo estivo e il burger di lenticchie e cavolfiore servito con insalata di cavolo cappuccio e guacamole.

lov3

C’è quindi molta tradizione, alcuni piatti appartengono alla cucina toscana ma sono rivisti in chiave veg, altri nascono vegetariani già di partenza come la panzanella croccante con pomodorini, cuore di sedano, cetrioli, uvette e pinoli. Non mancano lo sformatino di quinoa e verdure e il cous cous di quinoa e verdure, ma la proposta è molto varia e originale a dimostrazione che si può mangiare bene anche senza salumi e carne. E questo spiega la filosofia di “L’ov per tutti“: nel menu ci sono proposte per vegetariani, vegani e intolleranti al glutine. Ognuno può trovare il suo piatto o ritrovarlo visto che alcuni dei grandi classici del Quinoa si ritrovano anche qui.

lov menu

Menu da accompagnare con i vini della tenuta del Buonamico (16-28 euro), proposti in bottiglia e al bicchiere. I dolci (6 euro) cambiano con frequenza e quindi il consiglio è di chiedere quelli del giorno al personale in sala.

lov8

L’ambiente conserva il ricordo del precedente ristorante, il Confusion, a cominciare dai murales che lo caratterizzavano e parte degli arredi. Le sedie rosso lacca e le piante in ogni angolo del ristorante sono state inserite per dare un tocco di colore in un locale altrimenti un po’ troppo buio. Il personale è abile nel consigliare e rapido nel servizio. Come già succede al Quinoa, il locale è dog friendly.

L’ov Osteria Vegetariana, piazza del Carmine, Firenze. Tel. 055 205 2388 Pagina Facebook

About author

You might also like

Brunch a Firenze ottobre 2015, dieci proposte per il week-end d’autunno

Il brunch a Firenze, dieci proposte tra novità e conferme per chi trascorre il sabato o la domenica in centro ed è alla ricerca di un pasto sostanzioso, da assaporare …

Nuove aperture Firenze ottobre 2016, da Olivia in piazza Pitti alla Food Factory alle Caldine

Nuove aperture Firenze ottobre 2016. La città di Dante accoglie l’autunno con tre diverse proposte culinarie. In Piazza Pitti l’azienda Gonnelli dello storico Frantoio Santa Téa (1585) apre il 15 …

Berberè a Firenze, la “slow pizza” dei fratelli Aloe sbarca in Oltrarno

Berberè a Firenze: dopo Bologna arriva in Oltrarno la “slow pizza” dei fratelli Aloe. Portare a Firenze una pizza sana, leggera e digeribile, preparata senza lievito e con una miscela di …

1 Comment

  1. […] stagione e cambio menu da L’Ov – Osteria Vegetariana, rigorosamente veg e gluten, free presente ormai da diversi mesi in piazza del Carmine in Oltrarno. Anche stavolta lo chef Simone Bernacchioni non ha rinunciato a […]

Leave a Reply