L’Enoteca La Torre arriva a Roma, nella splendida Villa Laetitia di Anna Fendi: insalata emersa, agnello della Tuscia e maialino in tempura

L’Enoteca La Torre arriva a Roma, nella splendida Villa Laetitia di Anna Fendi: insalata emersa, agnello della Tuscia e maialino in tempura

enoteca la torre a villa laetizia

L'Enoteca La Torre a Villa Laetitia. Per gli appassionati di gastronomia, l'Enoteca La Torre è un nome celebre, associato con Viterbo. Ma da inizio giugno bisogna aggiornare la mappa: perché il ristorante dello chef Danilo Ciavattini è sbarcato a Roma, in una villa spettacolare, di proprietà della stilista Anna Fendi e che vale almeno una visita. Nella sala interna c'è il ristorante gourmet, ma presto ci sarà anche l'aperitivo in quello che è destinato a diventare uno dei più bei giardini di Roma.

villa laetizia a roma

Villa Laetizia è stata progettata nel 1911 dall'architetto romano Armando Brasini e unisce elementi rinascimentali ad altri di arte barocca. Si trova sul Lungotevere delle Armi, nel quartiere della Vittoria, nella stessa area che ospitò Buffalo Bill e il suo circo.

anna fendi a villa laetizia

La stilista Anna Fendi (a sinistra nella foto) ha ristrutturato la foresteria, con l'aiuto del nipote Giulio Cesare (Dio l'aiuti, con quel nome) e allestito una residenza di lusso.

enoteca la torre a villa laetizia

Quel che si dice un "hotel boutique", finora privo di ristorante. Ed eccolo qui, elegante e raffinato.

enoteca la torre a villa laetizia

Dal 6 giugno è infatti arrivata l'Enoteca La Torre: non un ristorante qualunque, visto che è stella Michelin dal 2010, ha 2 forchette del Gambero Rosso ed è considerato uno dei migliori ristoranti italiani.

enoteca la torre a villa laetizia

In cucina c'è Danilo Ciavattini (subentrato al noto Nodaro Kota, ora al Jumerah di via Veneto, andato via in circostanze rocambolesche), il sommelier è Luigi Picca. A Viterbo rimane il Ristorantino dell'Enoteca La Torre. Il piatto più famoso di Ciavattini, chef viterbese classe 1980, è la "patata interrata".  

Ma come si mangia a Villa Laetizia? E come si sta nel salone del ristorante?

La prima cosa da sapere è che si tratta di un'esperienza piuttosto formale: niente bistronomia alla francese, qui siamo al lusso e all'affettazione italica dei ristoranti di alto lignaggio. Un esempio? Il grissino single che ci viene portato in pompa magna nel suo apposito piatto. Buono, per carità, ma in copia singola e anche piuttosto corto (che non si sia in linea con il formalismo, lo dimostra l'imperdonabile dimenticanza del cellulare sul tavolo, che va a turbare la raffinata sobrietà del mono grissino). Poco prima il cameriere aveva pronunciato una frase che non dimenticheremo presto: "Vi presento i nostri pani" (ottimi, tra l'altro). Ci siamo presentati ai pani, a nostra volta, e li abbiamo guardati con rispetto, prima di ingerirli. Se poi pensate di scambiare due chiacchiere in intimità con il/la vostro partner, girate al largo: presentazione dei piatti, convenevoli e dintorni non consentono di finire più di due frasi di seguito. Detto con il dovuto rispetto per un servizio attento ed encomiabile.

Quello che vedete, in artistica foto sfocata, è l'uovo ripieno di olio di Blera (un olio della Tuscia, Viterbo). Il cameriere lo ha portato con cautela, come fosse pericoloso. E infatti ha premesso: "Mi raccomando facciamo attenzione che ha una forte acidità". Raccomandazione utile, perché davvero appena si rompe il guscio e fuoriesce l'olio si produce una scarica di acidità che lascia senza parole per qualche secondo, con la gola che brucia. Niente di grave, anzi, alla fine un'esperienza sensoriale e gustativa notevole. 

La carta presenta piatti elaborati, in cui lo chef Ciavattini usa i prodotti dell'orto e della cacciagione che ha imparato ad apprezzare a Viterbo e li mette al servizio di una creatività mai scontata.

Capitolo a parte per i vini. La carta parte con una sezione tutta dedicata ad Anna Fendi, targati AFV. Non che si sia messa a produrre vini. Semplicemente ha scelto alcune etichette (21) e le ha "vestite" con il suo marchio (con il suo "marqueting). Che dire? Operazione discutibile, ma si può tranquillamente passare oltre e trovare molte etichette, anche di qualità e a prezzi non esorbitanti.

Cominciamo con un antipasto: una saporita tartare di manzo, con foie gras affumicato alle erbe e uno spicchio di fico (25 euro)

Ecco uno dei piatti forti del ristorante già viterbese: agnello della Tuscia, con patate chips e erbarelle di campo. Sapori forti ma ben equilibrati. Le tre parti dell'agnello, coscia, costoletta e controfiletto, hanno tre tipi e gradi di cottura differente. La carne ha un ruolo predominante nel menu: solo con il trasferimento a Villa Laetizia si è affacciato qualche piatto a base di pesce. 

Piatto decisamente originale, con sapori che però si sposano bene: insalata "emersa" con gelato all'olio di oliva e gelatina all'aceto balsamico  (14 euro)

Lo chef ama sorprendere e allora eccoci al maialino in tempura, gelato all'acciuga e pomodoro al sapore di pizza (25 euro). Piatto tutto giocato sui contrasti, a cominciare dal caldo-freddo, e che però non ci entusiasma fino in fondo. 

Il dolce che vedete si chiama "Anatra all'arancia": in realtà è composto da soufflé ghiacciato all'arancia, sacher torte con marmellata di foie gras e burro caramellato al sale e arancia. 

Chibouste (crema pasticcera con meringa) al Miele e Lavanda, Mele Tatin e Sorbetto al Cioccolato (15 euro).

Sfilata di dolcetti finale per chiudere in bellezza la cena: l'impressione del tutto è positiva, ma la parole entusiasmo non si addice alle nostre sensazioni finali. 

Un'ultima occhiata alla bellissima porta che separa la sala dal giardino. 

Ed eccolo il giardino: una sistemata, un nuovo sistema di illuminazione e presto ci si potrà sedere in cotanta bellezza per un aperitivo pre cena o un bicchiere finale. 

Enoteca La Torre a Villa Laetizia, Lungo Tevere delle Armi 22-23, Roma. Tel 06/45668304

About author

You might also like

Stilelibero Roma, apre a Prati il ristorante e cocktail bar con menu firmato dallo chef Max Mariola

Stilelibero Roma Prati, chef Max Mariola. Tel. 06 321 9657. Prati, ancora una volta, resta regina indiscussa delle nuove aperture. Questa volta a fare il suo ingresso nel quartiere romano è un cocktail …

Settemari a Roma, cosa mangerete nel nuovo ristorante di pesce (con Libera Iovine) che apre a Prati

Settemari Roma Prati. Guazzetto di gamberi, sushi, ceviche di pesce bianco e sauté di mazzancolle: sono alcuni dei piatti che mangerete da Settemari, il nuovo ristorante a firma del celebre ristorante-caffè-libreria a Prati, Settembrini, …

Orto a Roma, il nuovo ristorante vegetariano in Prati

Orto a Roma, ristorante vegetariano. Tel 0645678050 Una pausa pranzo leggera, ma sostanziosa, viste le porzioni tutto fuorché striminzite e un prezzo contenuto. Ma aperto anche per la cena. Ecco l’ultima …

3 Comments

Leave a Reply