Waraku Roma via Prenestina: la trattoria tradizionale giapponese riparte con nuova sede e (presto) un giardino d’inverno

Waraku Roma via Prenestina: la trattoria tradizionale giapponese riparte con nuova sede e (presto) un giardino d’inverno

Waraku Roma via Prenestina tel. 06 2170 2358. Soprelevate, tangenziale, periferia di Roma ma non troppo: è qui che dal 10 febbraio, defilato dal centro e da operazioni commerciali che hanno ben poco di autentico, è ripartito il progetto di Maurizio Di Stefano e di sua moglie Miwako. Dopo il  grande successo di Waraku al Pigneto, nato nel 2010 come associazione culturale con annessa palestra, dove all’insegnamento delle  arti marziali si univa un piccolissimo bistrot di cucina casalinga giapponese, il passo è fatto: un nuovo locale, in stile ramen-ya, che potremmo tradurre trattoria con piatti della tradizione popolare, semplice ma curato e con uno spazio esterno che tra qualche tempo sarà una piccola perla dove godersi la primavera.

IMG_7129

Siamo stati tra i primi clienti di questo angolo di Giappone dove non solo la cucina ma soprattutto la mite gentilezza dei gestori, contribuiscono a portarvi in un mondo lontano dove staccare e godersi tempo, gusti, parole sussurrate. Molto prima che la moda del ramen spopolasse anche a Roma, Maurizio Di Stefano e sua moglie hanno sempre promosso la vera  cultura giapponese.

IMG_7125

Il rischio con l’ampliamento e il cambio di sede era però di  snaturare l’anima di Waraku, che per dimensione e fedeltà alla tradizione ha raccolto negli anni tantissimi affezionati, disposti ad attendere giorni per una prenotazione che desse accesso a quel posto un po’ segreto nel retro della palestra di via Albimonte, che rivelava un altro mondo della ristorazione, dodici posti e sapori autentici.

IMG_7124

Ma la formula del bistrot del nuovo Waraku, che non cede all’immaginario zen minimalista ma punta su una sala informale senza cucina a vista (come molti izakaya ovvero risto-pub giapponesi), si rivela un compromesso riuscitissimoLa sala rinnovata ha circa cinquanta coperti o poco più tra l’interno e l’esterno, ancora oggi chiuso ma dove verrà creato una sorta di  giardino d’inverno, (e scommettiamo sarà piacevolissimo mangiare all’aperto). 

waraku roma

Buta kimchi (fettine di maiale marinato nella soia con verza piccante coreana condito con cipollina fresca e Kochujang, crema coreana al peperoncino)

La cucina continua a essere centrata sui ramen (12-15 euro)realizzati secondo tradizione con ingredienti freschi, carne e verdure reinterpretata tenendo conto delle peculiarità dell’acqua e degli ingredienti italiani rispetto a quelli giapponesi. E poi buta kimchi (maiale) 4.50, gyoza da 6 pezzi (6 euro). Maurizio ci spiega però che ha in cantiere l’idea di ampliare il menu con piatti della cucina tradizionale giapponese che alcuni imprevisti al momento della ripartenza hanno rallentato. I nuovi piatti spazieranno dal pollo teriyaki, al wafu hambagu, un hamburger molto comune in Giappone, e poi le già apprezzate tokoyaki ovvero frittelle di pastella col polpo (6).

Waraku, via Prenestina 321 /A, Roma. Tel. 06 2170 2358   sito. Orari: Martedì: 20-22.30; da mercoledì a domenica: 12.30-14.30  – pranzo; 20-22-30  – cena

Autore

Potrebbe interessarti anche

L’Arrosticinaro a Roma: nuova apertura in via di Pietralata, che si candida a patria dell’arrosticino

Nuove aperture: l’Arrosticinaro a Pietralata. Il locale di ispirazione abruzzese che ha la sua sede storica in un casaletto su via Nomentana al 1051, da qualche mese ha aperto un …

Spiazzo Roma, pizza gourmet (né romana né napoletana) e ‘lingotti’ fritti a Ostiense

Spiazzo Roma, pizzeria Ostiense Tel. 065562738. Una pizza né romana né napoletana ma sicuramente più vicina ai gusti della Capitale: croccante, friabile, dai bordi alti e condita con buoni ingredienti …

Classifiche 0 Commenti

Nuove aperture Roma novembre 2016: arrivano Magasin, Mahalo, Coho Apartment, Dylan&Co e la Schiacciateria

Nuove aperture Roma novembre 2016. La cucina esotica delle isole Hawaii, l’eleganza di un bistrot nero e oro, il tradizionale pane, burro e marmellata, lo street food toscano e il cosiddetto …