Gli gnocchi di Epiro di Michele De Chirico / Cento cose da mangiare a Roma

Gli gnocchi di Epiro di Michele De Chirico / Cento cose da mangiare a Roma

Gli gnocchi di Epiro di Michele De Chirico/Cento cose da mangiare a Roma 5. Qualche indizio: si mangiano per tradizione il giovedì e sono fatti con le patate. Esatto, gli gnocchi. Una preparazione semplice, in una versione qui “quasi romantica” come dice lo chef Michele De Chirico. E qui sta per Epiro, dove questo piatto ne ha visti di sughi e condimenti, con il menu che cambia di mese in mese. Con melanzane e stracciatella d’estate, neri come la seppia, infornati con il cardoncello, di zucca in autunno. Infine con il sugo di coda che va “piano piano, per tante, tante ore” prima di sposare questa pasta, preparata quasi tutti i giorni a suon di gomito nella cucina davanti al mercato di Piazza Epiro.

Cento cose da mangiare a Roma / 5

In questo piatto c’è lo scarto, c’è la tradizione, senza necessità di reinterpretazioni. Ma c’è anche un collegamento con la storia coraggiosa di Epiro che, aperto nel 2013, ha cambiato rotta trasformando la sua proposta. Si sente di ristoranti che aprono, si scopre quasi per caso di quelli che chiudono. Pochi voltano pagina con un risultato felice.  Gli gnocchi sono quelli che restano, si impastavano allora e si impastano ancora oggi.

Nel 2018 i soci hanno sentito l’esigenza di un cambiamento decidendo di portare il nome Epiro a Nizza e lasciare a Roma un concetto rinnovato nella forma e nella sostanza. Si vuole tener fede all’idea della buona cucina, mantenendo per esempio gli stessi fornitori, ma cambiando l’approccio alla tavola, più morbida e golosa. Si dà fiducia a Michele, che allora era il secondo e oggi porta avanti, con grande umiltà, una linea coerente. Il risultato si intravede in questo piatto e in molti altri. Il menu è in movimento, ma con i piedi ben fermi a terra.

Nome: Gnocchi con sugo di coda alla vaccinara
Di: Michele De Chirico
Dove mangiarlo: Piazza Epiro, 26, 00183 Roma
Prezzo: 10 euro
Per chi ama: mercato, pasta fatta in casa, Nonna, cambio di programma

Leggi anche
Cento cose da mangiare a Roma 1: L’anatra arrosto di Jacopa
Cento cose da mangiare a Roma 2: Il tiramisù di Zum
Cento cose da mangiare a Roma 3: Il Panino di Xi’an del Lamian Bar
Cento cose da mangiare a Roma 4: Lo Snickers di Charlotte di Claudia Martelloni

About author

You might also like

L’Osteria Pistoia si fa in tre

I clienti affezionati hanno imparato ad apprezzare l'Osteria Pistoia già da qualche anno, a Monteverde. Un locale di design, ma non aggressivo, con una cucina tradizionale ma con spunti creativi, …

Locanda Rigatoni Roma scrive “froci” a due clienti, il Gay Center: “Revocare la licenza”.

Locanda Rigatoni Roma scrive “froci” a due clienti, il Gay Center: “Revocare la licenza”.La Locanda Rigatoni è un locale senza infamia e soprattutto senza lode che si affaccia su piazza …

Roma, weekend con i vini dell’Etna

Giulia Graglia, autrice del documentario sulle donne del vino naturale "Senza Trucco" e del "Re del Mosto", racconta per Puntarella Rossa la manifestazione Vignaioli dell'Etna, organizzata da Tiziana Gallo all'Hotel …