Lamian Bar a Roma, spaghetti cinesi e la vera cucina di Lanzhou a Ostiense

Lamian Bar a Roma, spaghetti cinesi e la vera cucina di Lanzhou a Ostiense

Lamian Bar a Roma. Dopo il successo del Dumpling Bar, apre il 5 marzo 2019 a Ostiense Lamian Bar, in via dei Conciatori, il ristorante dedicato ai lamian, gli spaghetti cinesi. Gianni Catani, che qualche anno fa ha iniziato a convertire la propria passione per la Cina aprendo il primo riuscitissimo Dumpling Bar a Roma (prima in via Vitalleschi, oggi in Piazza Meucci a Marconi), sfida il gusto degli italiani proponendo una nuova tradizione culinaria cinese, strettamente legata alla capitale, Pechino.

Se il ramen è una di quelle specialità orientali di cui non riuscite più a fare a meno, evidentemente non avete ancora assaggiato i lamian, gli spaghetti cinesi, quelli dai quali i giapponesi hanno preso ispirazione e che ritrovano le proprie origini nel nord della Cina. Per Gianni Catani, che ha iniziato a cucinare cinese nel 1984, l’idea di aprire il Lamian Bar è stata concomitante a quella del Dumpling Bar. Ma ci sono voluti quattro anni e mezzo perché il cuoco, Jing Shan, conosciuto dopo tanti anni in Cina a studiare le varie cucine, arrivasse direttamente da Lanzhou.

lamian bar roma_chef

Li incontriamo il giorno prima dell’apertura: gli chef si adoperano nell’immenso spazio dedicato alla preparazione delle pietanze, affinché tutto sia perfetto. La pasta viene passata dentro un macchinario, perché sia più morbida, omogenea e fine; quando raggiunge lo spessore adeguato, lo chef ne ricava precisissime linee di pasta.

lamian bar roma_sala

Rispetto al Dumpling Bar, il locale si presenta più ampio: i coperti sono il quadruplo e i piatti, non più usa e getta, si presentano come degno componente di un ristorante vero e proprio. La prassi però rimane la medesima: fascia di prezzo medio-bassa (una ciotola di lamian non costa più di 5 euro) e anche il menu rispetta la stessa formula.

lamian bar roma_piatto

Ogni venti giorni verrà proposta una nuova pietanza caratteristica delle località nord della Cina, “fino a riportare in Italia tutte le ricette originarie regionali di quella zona”, in particolare appunto “i lamian alla Lanzhou, città in cui li hanno inventati circa 4 mila anni fa con condimenti originali e stessi sapori”.

lamian bar roma_spiedini

Oltre a ciò ci saranno gli “spiedini di Xian, forse gli unici in Europa, perché fatti con gli spaghetti: stesi a fuso, fatti dei panini con all’interno carne di maiale (nonostante la tradizione musulmana) o salmone, che somigliano quasi una sfogliatella napoletana”, e l’anatra alla pechinese “cotta in un forno che proviene direttamente dalla Cina”.

lamian bar roma

Oltre agli spaghetti però, si potranno anche trovare alcuni tipi di ravioli e antipasti tipici freddi, che saranno anche protagonisti dell’AperiCina, dove i piatti verranno accompagnati da cocktail, appositamente studiati dal barman Federico Valli. L’angolo bar, d’impronta asiatica (che si potrà rendere indipendente dall’area del ristorante) è dedicato alla miscelazione di grappe tipiche, molto pregiate, con alcolici più nostrani; si potranno anche gustare lisce. Presenti proposte analcoliche con una selezione di cinque tè. Il barman Federico ci spiega che l’invito è quello “di bere qualcosa di diverso, rimanendo sui toni semplici e i gusti familiari, unendoli ad ingredienti che non conosci” come ad esempio la modifica sul Moscow Mule, che vedrà la variazione di “liquore alle prugne e kumquat”.

E per concludere la cena tre scelte di dolci: una tra queste è una sfoglia al tè verde con in mezzo una crema di azuki.

Il Tibet, parte un nord-ovest del Paese e quindi non proprio attinente alla cultura di Pechino, avrà solo una piccola dedica in un’unica pietanza (originariamente a base di yak) rivisitata qui con carne di agnello proveniente da allevamenti che ne esaltano fortemente il sapore.

Lamian Bar, Via dei Conciatori, 9a Roma. Pagina Facebook

About author

You might also like

Buff a Roma, le bacche di goji e il menu gourmet di Bartolini

Buff a Roma. Tre cose ci hanno colpito, positivamente, di Buff, il nuovo locale di Trastevere, di cui vi abbiamo annuciato in anteprima l’apertura: le bacche di goji fresche (ma usate …

Hotel Butterfly Roma, l’oasi estiva alla Wes Anderson

Hotel Butterfly Roma, Guido Reni District. Una graziosa cameriera in gonnellino e movimenti sincopati finge di spolverare un albero, guardando i clienti con aria professionale, tra l’imbronciato e l’ammiccante. Il …

A Modo Bio a Roma, pausa pranzo e take away ‘green’ nella nuova apertura a due passi dal Vaticano

A Modo Bio a Roma, pausa pranzo e take away biologico a due passi da Vaticano. Ha aperto da quattro mesi appena "A modo Bio", dietro il mercato Trionfale, vicino la metro …