La Cucina di Pastella a Roma, la friggitoria gourmet di Montesacro diventa bistrot al Pigneto

  • La Cucina di Pastella a Roma, la friggitoria gourmet di Montesacro diventa bistrot al Pigneto
  • La Cucina di Pastella a Roma, la friggitoria gourmet di Montesacro diventa bistrot al Pigneto
  • La Cucina di Pastella a Roma, la friggitoria gourmet di Montesacro diventa bistrot al Pigneto
  • La Cucina di Pastella a Roma, la friggitoria gourmet di Montesacro diventa bistrot al Pigneto

La Cucina di Pastella a Roma. Nel marzo 2015 Puntarella Rossa annunciava l’apertura di Pastella nel cuore di Montesacro. Sono passati tre anni e questo trio di amici-soci ormai consolidati, Martino Bellincampi, Matteo Santucci e Fabio Massimo Moreschini, hanno fatto tanta strada. Dopo Montesacro, il Mercato centrale di Roma, le esperienze di temporary shop a Venezia e Anversa e in attesa  delle prossime aperture a Torino, Bruxelles e Copenaghen, siamo andati a trovarli riprendendo la loro storia in occasione di una evoluzione gastronomica della friggitoria gourmet: La Cucina di Pastella in via del Pigneto.

la cucina di pastella a roma

Il locale ha aperto già lo scorso aprile nella versione della classica friggitoria ma dopo alcuni mesi di preparazione, oggi è nato il piccolo ristorante che porta con sé l’esperienza e i valori di quattro anni di fritti d’autore. La squadra è composta da Martino Bellincampi (fondatore di Pastella), Maurizio De Amicis (lo chef) e Francesco Romanazzi (sommelier). Martino si divide tra le altre Pastella e ci racconta con entusiasmo l’idea, i progetti, le emozioni dietro al progetto la Cucina di Pastella.

L’identità è subito chiara: un bistrot europeo, meno formale di un ristorante ma con alla base un’attenta elaborazione dei piatti e qualità delle materie prime, ovvero rispetto e divulgazione della tradizione in chiave contaminata e innovativa. Un ambiente che accoglie – scaffalatura di legno per il vino, mattoncini rossi, nessun ammiccamento alla trita moda industriale; sedie colorate, lampade tutte diverse che illuminano i singoli tavoli e la cucina a vista,  come uno scrigno, che fa angolo nella sala. In totale trenta comodi coperti interni e circa quindici esterni, nel cuore del quartiere che li ha accolti benissimo e con cui fanno sinergia a partire dai vicini di Birra+ con cui scambiano consigli e chiacchiere.

la cucina di pastella a roma

La cucina. Un’idea di ristorazione semplice ma curata, contaminata dai viaggi di gusto dei suoi fondatori e con una grande ricerca e attenzione alle materie. Una piccola ossessione per l’artigianalità, la cucina concepita come frutto di un sapere che affonda le radici nel lavoro di uomini in carne e ossa. Martino Bellicampi cita il libro “Mangiare è un atto agricolo” di Wendell Berry, per spiegare che la neonata cucina di Pastella è il risultato di una scelta precisa, perfino ideologica, di stare accanto a chi sceglie un lavoro rispettoso della natura e della salute delle persone.

Da qui  la scelta di rifornirsi solo da piccoli produttori come per la carne Liberati (compagno di lungo corso dell’esperienza di friggitoria), la mozzarella e la stracciatella di Alan Farm (Lazio), il maiale di Pork’n’Roll (Puglia), i formaggi francesi di Filrouge (Piemonte) e quelli italiani di Aia Vecchia (Toscana).

I piatti della tradizione vengono rivisitati per divertire i palati e le menti, contaminando gli approcci classici con altre culture soprattutto Francia, Nord Europa e Oriente. Il contenitore del fritto – idea vincente della friggitoria – che racchiudeva ricette ragionate e materie prime selezionate in una versione accessibile a tutti – si apre schiudendo un menu divertente e originale organizzato in tre sezioni, senza la classica divisione in antipasti, primi e secondi: l’aperitivo con alcune proposte classiche come i supplì (3 euro) e le verdure in tempura (6) ma anche il pane, burro e alici (marinate in casa, 4) o il pinzimonio (3).

la cucina di pastella a roma

Lo street food dove ci sono fritti come le alette di pollo fritte (6) o la pizzella ripiena di lonza della Val d’Orcia (5) e anche piatti come il tramezzino del giorno, in questi giorni lo troverete con la parmigiana di melanzane (4) e i Wrap di felafel e tzatziki (7 ).

la cucina di pastella a roma

Tonnarelli con guanciale e fichi

E i piatti, con diverse paste fatte in casa dallo chef come i tonnarelli guanciale e fichi (12 euro), o il macco di fave con friggitelli e pomodoro (7) , o le alici fritte e panzanella (7), e, ancora per pochi giorni, l’insalata del pastore (7) – frutto di un ricordo gustativo di Martino da un viaggio in Corsica: insalata di pomodori con formaggio di capra, odori freschi e pancetta croccante.

la cucina di pastella a roma

E per  finire il polpo rosticciato al limone, hummus e verdure di stagione alla piastra (13).

Tra i dolci i classici fritti come la crema pasticcera panata con biscotti al cioccolato frullati (5),la mousse al cioccolato fondente e il tiramisù (6), entrambe composti al momento.

Il vino è scelto da Francesco Romanazzi (ex Roscioli, poi Epiro), l’architetto del bere di Pastella friggitoria e ora della sua cucina, e accompagna ancora una volta i fritti in un matrimonio di carattere e acidità, ed è ancora naturale: francese e italiano specialmente, molto champagne, piccole cantine (qualche nome: Podere Cipolla, Massavecchia, Ezio Cerruti, Bruno Schueller), in una parola: terroir. Troverete un’originale divisione in limpidi e torbidi per i vini frizzanti; puliti e sporchi per i bianchi e chiari e scuri per i rossi.

Nel solco dell’esperienza vincente del fritto d’autore la Cucina di Pastella ci ha trasmesso una grande libertà che non si limita a una definizione univoca (solo biologico, solo a km0 e così via) e che può far convivere una cena alla carta e uno street food mai fast, come da impronta originale di Pastella friggitoria, con un inaspettato  sushi fritto, o dei tramezzini farciti alla veneziana, fino al cous cous di un presidio slow food e a  una divertente cena della nonna, con tanto di contest dei piatti dei ricordi di amici e clienti, pensata per l’inaugurazione della Cucina di Pastella dello scorso 28 settembre. Da ottobre poi inizieranno gli aperitivi con musica dal vivo.

Due note curiose: per chi tira tardi la cucina chiude all’una di notte; il mercoledì è per gli affamati: le porzioni di pasta sono doppie, allo stesso prezzo.

La Cucina di Pastella, via del Pigneto 111, Roma. Aperto dal martedì alla domenica dalle 18.30 alle 2 di notte SitoPagina Facebook

About author

You might also like

Pubs and bars to watch Roma on TV, seven great places in Rome

Pubs and bars to watch football on Tv in Rome. For anyone who is either unable to travel to support his football  team away or prefers a more lively atmosphere when watching …

Sogno Autarchico a Roma, il nuovo winebar con forno di Gianni Ruggiero

Sogno Autarchico a Roma. Tel 06/68801310 Sempre la stessa storia. E Gianni passo 5 minuti. Gianni bevo solo un bicchiere. Gianni due chiacchiere che poi devo scappare. Chi con ignara …

Mama Pokè e Ami Pokè Roma: dimenticate il sushi, arriva la poke mania

Mama Pokè e Ami Pokè Roma, da marzo e aprile 2018 Il caro buon vecchio sushi inizia a tremare, dopo anni in cui ha dominato incontrastato la scena gastronomica mondiale, …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply