Santi Sebastiano e Valentino a Roma, nuova panetteria con ristorante nel quartiere Trieste

Santi Sebastiano e Valentino a Roma, nuova panetteria con ristorante nel quartiere Trieste

Santi Sebastiano e Valentino Roma. Sabato 20 febbraio 2016 ha aperto a Roma un nuovo laboratorio di panificazione che oltre a produrre pane, pizza bianca e dolci è anche un ristorante che al pane abbina piatti sapientemente pensati e inseriti in un menu della tradizione e dal gusto internazionale.

FullSizeRender

Un forno con vetrina a vista su strada, che dal lunedì al sabato produce pane fatto con lievito madre e farine biologiche di alta gamma selezionate tra i più importanti produttori.

FullSizeRender

L’arte bianca a Roma ha origine arcaiche e i suoi santi protettori Sebastiano e Valentino hanno pensato a un luogo molto accogliente che all’interno è un vero e proprio laboratorio a vista, con un farinaio che presto diverrà anche un angolo dove si potranno degustare selezioni di rum e whisky (una novità non solo per la zona, ma per il panorama degli amanti del settore).

FullSizeRender

L’ambiente è elegante, sobrio e adatto per fare colazione, pranzo e aperitivo (a breve anche cena). Un lungo tavolo in marmo al centro invita a trascorrere un po’ di tempo staccando la spina dal caos e dai rumori cittadini.

Santi Sebastiano e Valentino è  frutto della collaborazione tra più soci: dal mondo della ristorazione e dell’imprenditoria Angelo Belli e Angela Buono (di Urbana 47 e Zoc). Il progetto del pane è seguito da Laura Palombi, Franco Palermo e Martina Caponetti, panificatori con esperienze diverse all’estero. A seguire la linea della pasticceria  un nome noto sulla scena romana, quello di Valerio Coltellacci mentre per la ristorazione Sharon Landersz, cuoca di respiro internazionale.

IMG_0349

Nel menu sottotitolato “pane e mangiare” troviamo piatti divertenti come ad esempio il Daikon alla piastra, con riso rosso aromatizzato, chips di cavolo nero (8 euro).

12744440_1709647722604269_5686693068600322487_n

O il Polpo con amaranto aromatizzato, cipollotti brasati, avocado e pepe rosa (14 euro).

Il pane come denominatore comune di tutta la proposta food, rende questo avamposto della lievitazione naturale ancora ancora più accogliente. Una curiosità: per rendere l’esperienza dei “Santi” ancora più vera è possibile degustare lo “staff meal”, il pasto di chi lavora all’interno del forno e del ristorante a prezzo più basso. Un invito a stare in un luogo familiare con un’atmosfera davvero conciliante, che lo rende tale.

Santi Sebastiano e Valentino – Via Tirso 107/109 – Tel. 333.9694528 Pagina facebook

 

About author

You might also like

Er Murena 2 Comments

Fisherman Burger Roma, la risto-pescheria trendy che ti resta addosso

 Fisherman Burger Roma, tel 333 845 6803. E’ la moda, bellezze, e non ci potete fare niente. E allora visitiamo l’ennesima pescheria che si infiocchetta e diventa ristorante, anzi “risto-pescheria”, e …

Libri 1Comments

“Roscioli il pane la cucina e Roma”, il libro (voluto da Bonilli) che racconta la storia dell’antico forno

“Roscioli il pane la cucina e Roma” il libro. E’ uscito l’8 giugno, edito da Giunti e scritto da Elisia Menduni, con la prefazione di Massimo Bottura e le foto di …

Classifiche 0 Comments

Nuove aperture Roma gennaio 2018, Rimessa Roscioli, Banchina 63, Blind Pig, China Cuisine e Saulo

Nuove aperture Roma gennaio 2018. Cucina cinese originale, cocktail bar d’autore in profumeria, fish bar, bistrot e vinoteca, lounge bar sudamericano. E’ quanto si affaccia tra dicembre e l’inizio del …

4 Comments

  1. […] Santi Sebastiano e Valentino è un vero e proprio laboratorio di panificazione che fa anche ristorazione. In pasticceria troviamo il pastry chef  Valerio Coltellacci con la sua nuova giovane aiutante Fatima Raoui, e ultimo arrivo, appena fresco degli studi triennali dell’Institute Paul Bocuse, Arturo Maria Giordano. Per i lievitati nessuna farina tecnica da pasticceria, né stabilizzatori o additivi, solo ed esclusivamente farina biologica di grani antichi misti del Molino Sobrino, un piccolo molino delle Langhe. La lievitazione è mista: oltre al lievito madre nella fase finale viene aggiunto all’impasto il lievito di birra, per sfruttare le positività di ambo le lievitazioni. Il lievito madre per la durata del prodotto, l’umidità, la morbidezza e soprattutto per gli aromi che riesce a sviluppare, e il lievito di birra che aggiunge forza e spinta in fase finale e in cottura. E poi burro Corman, uova biologiche dell’azienda agricola Cupidi e zucchero di canna bio. Dunque cosa assaggiare? La scelta è tra cornetto semplice farcito su richiesta con marmellate, crema pasticcera o crema alla nocciola con olio d’oliva e cacao, croissant alla francese o cornetto integrale con miele nell’impasto e semi tostati. […]

Leave a Reply