Simone Dal Cortivo è il Birraio dell’anno 2014, il Birrone vince a Firenze

birraioanno4Birraio dell'Anno 2014: il vincitore è Simone Dal Cortivo del birrificio Birrone. E' stato eletto a Firenze nel corso della cerimonia allo Spazio Alfieri. Secondo posto per Giovanni Campari del Birrificio del Ducato che si prepara a sbarcare a Londra con il primo pub di sola birra artigianale italiana.

Il mondo della birra ha eletto il suo campione per il 2014. Il vicentino Simone Dal Cortivo, re delle basse fermentazioni, ha avuto la meglio su Giovanni Campari del Birrificio del Ducato. La sesta edizione del premio Birraio dell'anno, ideato e organizzato da Fermento Birra, ha visto Dal Cortivo spuntarla su altri due avversari che si erano aggiudicati il titolo già negli anni passati: Valter Loverier del birrificio LoverBeer di Marentino (Torino) nel 2010 e Luigi Schigi D'Amelio del birrificio Extraomnes nel 2013. Outsider della serata infine Donato Di Palma del Birrificio Birranova di Triggianello (Bari).

La cerimonia di premiazione de Il Birraio dell'anno, che per la prima volta si è svolta a Firenze, ha dimostrato l'ottimo stato di salute dei birrifici tricolori. Riconoscimenti internazionali, impianti ristrutturati pur in un momento di grande difficoltà sotto il profilo degli investimenti e soprattutto tanta voglia di sperimentare e trovare nuove ricette, sono la costante per i cinque finalisti. Lorenzo "Kuaska" Dabove lo ha detto subito presentando la cinquina ad inizio di serata: non esiste la birra, esistono le birre. Basta dare un occhio ai profili dei cinque finalisti per rendersi conto di come la birra italiana sia diventata una realtà internazionale per innovazione e ricerca pur nel segno della tradizione.

Birrone

Simone Dal Cortivo

birraioanno1Il 2014 per Simone Dal Cortivo è stato un anno da incorniciare: il titolo di Birraio dell'anno 2014 è l'ultima soddisfazione in ordine di tempo. Gli ultimi dodici mesi hanno visto il suo Birrone protagonista per il nuovo stabilimento subito in piena produzione, i festival in giro per l'Europa e i riconoscimenti a go-go per le sue birre "artigianali da bere" come si legge nel logo. Birra dell'anno 2014, primo posto per Scubi e per Cibus, quest'ultima inserita nella Guida alle birre d'Italia 2015-Slow food editore nella categoria birra quotidiana, mentre Brusca e Gerica figurano nella categoria Grandi birre; primo premio come migliore birra senza glutine per H, al Gluten Free di Rimini. Buono il rapporto qualità-prezzo al punto che gli esperti le definiscono "birre democratiche". Un 2014 davvero ad altissimo livello per il Birrone, specializzato nelle basse fermentazioni. Pensare che Dal Cortivo nasce panificatore, abbandona l'attività nel 1998 per dedicarsi all'homebrewering. Una passione per la birra che l'ha guidata a raggiungere i risultati più alti.

 

Extraomnes

Luigi Schigi D'Amelio

extraomnes_schigiNel 2014 ha vinto quattro ori nel campionato italiano birre artigianali organizzato dall'Associazione degustatori birra. D'Amelio ama fare birre che piacciono a lui, nel rispetto della storia e della tradizione senza però rinunciare al gusto personale. La Extraomnes nella sua giovane vita (è nata nel 2010) rispecchia l'approccio di vita di Schigi. Nel 2014 ha lanciato sul mercato tre nuove birre: Imperial ZestCiuski e Dram. Personaggio eclettico e amante delle sfide, in collaborazione con il forum Il Barbiere della Birra  Schigi sta lavorando alla creazione di una birra che dovrebbe chiamarsi Chien Andalou, da lanciare ai primi di marzo. In questi giorni è in corso il contest per la realizzazione dell'etichetta. In futuro sta studiando la realizzazione di una birra al mango perché questo frutto esotico si sposa bene con il Citra, luppolo nordamericano.

 

Birrificio del Ducato

Giovanni Campari

Giovanni CampariLe vie della birra sono infinite. Ne sa qualcosa Giovanni Campari che da tempo punta a una presenza sempre più strutturata sui mercati internazionali. Ad oggi esporta le sue birre nelle Americhe, in Asia, Oceania e in Europa. Nel 2015 riuscirà a coronare il suo sogno nel cassetto, aprire un pub a Londra. The italian job sarà inaugurato a febbraio in Inghilterra e sarà il primo pub a proporre solo birra artigianale italiana. Nell'attesa Campari si gode i successi delle sue birre: il secondo posto della Viaemilia nella categoria Kellerbieer alla World cup di Denver e il terzo della Chimera all'European Beer Star. Riconoscimenti anche per Chrysopolis, Verdi Imperial Stout anniversario 200 e New Morning. Il suo birrificio si avvia a diventare il primo in Italia per capacità produttiva e automazione a fronte dei lavori di ristrutturazione degli ambienti e al potenziamento tecnologico. Un 2014 quindi di grandi soddisfazioni per il Birrificio del Ducato.

 

LoverBeer

Valter Loverier

valter_loverierPer Valter Loverier il 2014 è stato ricco di soddisfazioni e riconoscimenti. E' stato invitato e ha partecipato al Copenhagen Beer Celebration di Mikkeller (a cui parteciperà anche quest'anno) unico italiano presente tra i 40 superselezionati birrifici, sono uscite le prime 3 birre del progetto Saison de l'Ouvrier (Saison de l'ouvrier, Serpilla e Griotta, con ciliegie), ha partecipato a un Innovation Camp negli States con 10 tra i migliori birrai al mondo (tra i partecipanti Kris Herteleer di De Dolle, Matthias Trum di Schlenkerla, Toshi Kiuchi di Hitachino) e ha prodotto una birra celebrativa, con le albicocche, in edizione esclusiva per 10 tra i migliori pub italiani (For Fan, tributo alla  Fou' Foune di Cantillon). Una curiosità: la birrificazione con il mosto d'uva è la specialità di LoverBeer.

 

Birranova

Donato Di Palma
donato_di_palma_1

Triggianello è un paradiso della birra a 40 chilometri da Bari. Qui è  lo stabilimento di Birranova di Donato di Palma, il più a Sud d'Italia tra i birrai in finale. Il 2014 ha visto tanti riconoscimenti a cominciare dal primo posto per Negramaro Extra e Moscata e il secondo per Abboccata nell'ambito di Birra dell'anno 2014. La guida di Slow Food per le birrerie d'Italia ha premiato Linfa nella categoria birra quotidiana, Arsa (birra slow) e Tensione Evolutiva (categoria grande birra). Infine due nuove nate in stabilimento: la Ruffiana con le vinacce di un vitigno della zona, il Fiano Minutolo e la Margose, salata con acqua di mare. Il 2015 si apre con la voglia di sperimentare e magari di acquistare una linea di imbottigliamento per diventare ancora più grande.

Per informazioni: www.birraiodellanno.it, pagina Facebook.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*