A Testaccio, tra sushi e steakhouse

A Testaccio, tra sushi e steakhouse
A guardarlo da fuori, di fronte all'ex Mattatoio, sembra un nuovo, brutto, centro commerciale. Una di quelle robe gigantesche che mettono agitazione solo a guardarle. E' il Nuovo Mercato  di Testaccio che dopo mesi di ritardi aprirà i battenti ufficialmente il 30 maggio (l'inaugurazione ufficiale sarà a metà giugno). Tra le polemiche: dalla chiusura del vecchio mercato trasferimento del Farmer's Market ( di cui vi abbiamo parlato, qui) agli elevati costi del canone di affitto dei box, che a quanto pare, aumenterà da 0,42 euro a metro quadro al giorno a 0,63 euro. I 5000 metri quadri ospiteranno 103 operatori (ma per l'inaugurazione sarà pronto meno del 40 per cento). Per il momento, i più lesti ad aprire sono stati due ristoranti perfettamente in linea con la tradizione popolare romanesca: il Roadhouse Grill, nota catena di steakhouse italiane a imitazione Usa, e il Junsei Kaiten Sushi, imponente ristorante giapponese con tanto di parcheggio riservato. Ottimo, no?  Lo storico quartiere di Testaccio, simbolo del più puro spirito popolare, punto d’approdo di merci e materie prime, come grano e vino, che arrivavano da Ostia, insomma, il cuore della vecchia Roma, si mostra ai romani e ai turisti con due bei simboli dei (declinanti) imperi statunitensi e giapponesi.
.
 
Dove c’era il cuore della Roma popolare, adesso c’è un Roadhouse, steakhouse del gruppo Cremonini, che vende Ribeye, New York Strip, Filet Mignon e T-Bone Steak. E un Junsei Sushi.
 
 
Appena di fronte all’Ex Mattatoio, ecco  una bella mucca di plastica, a grandezza naturale, a segnalarti la presenza del fast food.
 
E io che m’immaginavo di trovarci un mercato. Uno di quei mercati veraci, sani, che mettono allegria. Invece, sarà per via della la pioggia, ma di allegria neanche l’ombra. Quando chiedo ai ristoratori limitrofi, tutti tradizionali e storici, se questo cambiamento ha intristito anche loro, mi rassicurano. Flavio, chef e titolare di Flavio Al Velavevodetto, mentre coordina i lavori nella sua cucina, in via di Monte Testaccio, mi dice: "Fa un po' male pensare che vogliano cambiare questo quartiere. Ma non basterà un fast food a spazzare via la nostra romanità".  Neanche i titolari di Pecorino, che il Roadhouse ce l'hanno proprio sul marciapiede di fronte, temono la competizione: “A noi nun ce toccano”. Vedremo.

About author

You might also like

Spaghetti con aglio nero, anemoni e mandorle dello chef Luigi Nastri alla Stazione di Posta Roma

Spaghetti aglio nero, anemoni e mandorle: la ricetta dello chef Luigi Nastri, Stazione di Posta Roma. “Quando creo un nuovo piatto, non ci penso tanto, lo metto subito in carta” esordisce …

Cups Testaccio, al Mercato arriva la Bowerman (e apre Foodbox)

Cups Testaccio e Foodbox al Mercato Sarà pur ancora lontana dagli standard dei più bei mercati d’Europa, ma Roma ce la sta mettendo tutta per diventare competitiva. Testaccio il suo fiore …

Stazione di Posta a Roma diventa bistrot sotto le stelle di Testaccio (e all’interno del Gay Village)

Stazione di posta a Roma diventa bistrot sotto le stelle di Testaccio. Nella Città dell’Altra Economia, ex Mattatoio e quest’anno parte del Gay Village, sorge lo stellato Stazione di Posta …

5 Comments

  1. Riccardo I.
    maggio 23, 09:03 Reply

    Terribile.
    Ma fu già terribile quando Pecorino prese il posto dello storico Turiddo e Acqua e Farina quello di Al Vecchio Mattatoio. E quando Felice non fu più…Felice.
    A Testaccio non c'è più niente di autentico da anni.

  2. Ale Roma
    maggio 23, 13:40 Reply

    Evitate la streaking house, provata domenica scorsa. Pessima presentazione, hamburger  mediocre.  In piu' addebito del servizio 3.20. Anziché' il conto ti portano il preconto. Evitate….. Il farmer market era come me lo ricordavo 10 anni fa'…..mah

  3. […] mercato di piazza Testaccio. Quando le saracinesche dei vecchi box si sono abbassate per sempre, non sono mancate le polemiche. A luglio 2012, la nuova realtà di via Galvani ha preso finalmente forma. Tra i 5mila metri […]

Leave a Reply