I ristoranti nei musei di Milano, tra cene stellate e bistrot d’autore

I ristoranti nei musei di Milano, tra cene stellate e bistrot d’autore

Metti una notte al museo. Non a inseguire statue animate, come nel celebre film con Ben Stiller, ma a regalarsi una cena in contesti – per una volta – ricchi d’arte e cultura. Si può fare nei tanti locali allestiti all’interno delle più importanti strutture espositive milanesi. Dove fermarsi anche per un lunch veloce o un caffè, con una fetta di torta o un sandwich, al termine di una mostra o di un tour in pinacoteca.

Ristoranti nei musei di Milano

MUDEC MUSEO DELLE CULTURE

Enrico Bartolini al MUDEC

Shooting Enrico Bartolini/Mudec 2017

All’interno del museo di via Tortona, il ristorante porta il nome del suo chef, che si è appena aggiudicato la terza stella Michelin. Motivo in più per sperimentare la cucina del pistoiese Bartolini nell’ex area industriale Ansaldo. Il MUDEC è un museo dalla forte vocazione interculturale, dedicato a un patrimonio etno-antropologico di oltre 7.000 opere d’arte e oggetti provenienti da tutti i continenti, in una visione che unisce suggestioni antiche e attuali. Ben si inserisce la proposta di Bartolini che, coadiuvato dal sous chef Remo Capitaneo e dal direttore di sala Sebastien Ferrara, punta sulla contemporaneità (“Be contemporary” è il nome del menu degustazione da 7 piatti, 225 euro). Ma con chiari i richiami alla tradizione, anche a quella della natia Toscana. Ne sono un esempio i Bottoni di olio e lime al sugo di cacciucco e polpo arrosto (45 euro alla carta, presenti nel menu degustazione “Ritorno alle mie origini”, 7 portate, 180 euro).

Enrico Bartolini MUDEC, via Tortona 56, tel. 02 84293701, Sito

TRIENNALE

Terrazza Triennale – Osteria con vista

Design, architettura, arti visive, sceniche e performative. Sono diversi i percorsi possibili all’interno della Triennale, istituzione nata negli anni Venti che ospita una collezione permanente di 1.600 oggetti. Qui troviamo i Moon Boot, disegnati da Giancarlo Zanatta (1970), la Valentine, fiammante macchina da scrivere progettata da Ettore Sottsass e Perry King per Olivetti (1969). All’ultimo piano del Palazzo dell’Arte, sede del museo, è collocato uno scenografico padiglione in vetro che regala una vista impagabile sulla città dal Castello Sforzesco alla Torre Unicredit e ospita Terrazza Triennale – Osteria con Vista. La cucina, guidata da Stefano Cerveni, vede come resident lo chef Matteo Ferrario. La location, glamour e modaiola (vedi le luci soffuse create dalle abat-jour disseminate sui tavoli), ha forse poco dell’osteria. Ma a riportare alla migliore tradizione italiana è la concretezza di alcuni dei piatti. Come gli ottimi Spaghetti di Gragnano, pomodoro San Marzano… con Vista (18 euro) o la Costoletta alla milanese (28 euro), perfetti nella semplicità. Affiancati da portate moderne e originali, come il Calamaro morbido su crema di lenticchie rosa con foglia d’ostrica e polvere di caviale (24 euro) o l’inaspettato Risotto al sedano bianco (fermentato nella vodka), mentuccia e ricci di mare (23 euro).

Terrazza Triennale – Osteria con vista, viale Alemagna 6, tel. 02 36644340, Sito

PINACOTECA DI BRERA

Caffè Fernanda

Caffè Fernanda a Brera

Porta la firma di Filippo La Mantia l’offerta gastronomica del Caffè Fernanda. Il locale è intitolato a Fernanda Wittgens, prima donna e storica direttrice della Pinacoteca di Brera. C’è una donna anche ai fornelli, Angela Adamo, a fianco di La Mantia dal 2015 e interprete della cucina dell’oste palermitano. Qui declinata in chiave artistica, come nel signature dish Il gusto di un quadro (16 euro) composto da un uovo in camicia su una cialda di pasta sfoglia a forma di conchiglia, ispirato alla celebre Pala di Piero della Francesca, opera tra i fiori all’occhiello della Pinacoteca. Tanta Sicilia nelle altre proposte, come l’Insalata di finocchi, arance, finocchietto selvatico, olive e noci (12 euro) e la Caponata di melanzane (10 euro), che è un classico dello chef. Ancora la Norma che seduce l’amatriciana (14 euro) o il Polpo scottato con macco di fave e confettura di limone (20 euro). Per una pausa veloce, i panini (9 euro) sono dedicati a Mantegna e Bramante, i toast (6-7 euro) alla Wittgens e a Franco Russoli che la seguì nel ruolo di direttore.

Caffè Fernanda, via Brera 28, tel. 345 0504846, Sito

FONDAZIONE PRADA

Bar Luce

Il bar Luce by Wes Anderson

Foto Attilio Maranzano

Al Bar Luce, il primo dei due locali che offrono ristoro ai visitatori della Fondazione Prada, si accede anche da strada. L’atmosfera anni Cinquanta scaturisce dai colori accesi, da materiali come la formica, il legno, i pavimenti in graniglia ed è frutto della creatività di Wes Anderson, il regista che ha progettato lo spazio. Il lungo bancone mette in mostra paninetti e tartine dolci (4,50 euro), offre caffetteria, drink e cocktail classici (10-13 euro). Si chiude con una vetrina che sembra uscita dal negozio di un vecchio salumiere. Qui sono preparati al momento gli ottimi panini (6,50-12 euro) divisi per farcitura principale e sue declinazioni: da quelli al salame (il più curioso lo abbina a patè di fegato di maiale, olio al tartufo e brie) ai raffinati al foie gras d’oie.

Bar Luce, largo Isarco 2, Sito

Ristorante Torre

Il ristorante Torre alla Fondazione Prada

Foto Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti

Cocktail, lunch e dinner sono serviti anche al sesto piano della Torre della Fondazione Prada, quella che ospita l’esposizione permanente Atlas (dai tulipani di Jeff Koons ai funghi di Carsten Höller, dalle mosche di Damien Hirst alle Chevrolet di Walter De Maria). La sala è dominata – tra le altre opere – dalle sculture di Lucio Fontana. Il ristorante partecipa al progetto CARE’S Chef Under 30, in collaborazione con CARE’S di Norbert Niederkofler, che dal 15 al 30 novembre vedrà protagonista il singaporiano Lennard Yeong. La carta “standard” è costruita intorno a piatti mainstream della tradizione meneghina: dal minestrone con crema di parmigiano e funghi croccanti (15 euro) al risotto alla milanese (16 euro), dalla cotoletta (24 euro) al tiramisù (9 euro). Bellissimo il bancone bar, affacciato sul quartiere di Scalo Romana .

Ristorante Torre, via Lorenzini 14, Sito

GAM GALLERIA D’ARTE MODERNA

LùBar

Tre fratelli per un progetto di ristorazione legato alla tradizione siciliana. LùBar nasce dall’intraprendenza di Lucilla, Lucrezia e Ludovico Bonaccorsi. Partiti con un chiringuito a Noto, sbarcati a Milano con un apecar e un chiosco, approdati dal 2017 al museo di arte moderna di Villa Reale, affacciato sui Giardini Montanelli. Il percorso museale racconta neoclassicismo, romanticismo, scapigliatura, simbolismo e soggetti sociali. Si passa così da Canova ad Hayez, da Mosè Bianchi a Segantini. Con una bella selezione di tele e sculture del Novecento italiano e straniero. Da Carrà, De Pisis, Modigliani, Morandi e Sironi a Picasso, Matisse e Renoir. Dopo tanta arte, è piacevole il relax nel verde del giardino d’inverno in cui è ambientato questo locale che funziona come caffè, bistrot e ristorante. Ci sono le “scutedde” (5-12 euro), mangiari di strada che comprendono arancini mignon assortiti, polpette di melanzane o baccalà, pane di tumminia con cedro e acciughe, alici fritte. Ci sono i crudi di pesce come la tartare di tonno (14 euro). E poi i piatti tipici come le Busiate integrali con pesto di mandorle, basilico e pomodorini confit (16 euro) e le Polpette di manzo in foglia di limone (16 euro). Tra i dessert, immancabili il Cannolo di ricotta (3,50 euro) e il Biancomangiare alle mandorle (9 euro).

LùBar, via Palestro 16, tel. 02 83527769, Sito

MUSEO DEL NOVECENTO

Giacomo Arengario

Il museo dedicato al Novecento vale la visita già solo per ammirare il maestoso Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo, che apre la collezione permanente organizzata in ordine cronologico, dai primi del ‘900 agli anni ’80. Se l’esposizione racconta la recente storia dell’arte, il locale sulla terrazza narra quella della ristorazione cittadina in cui ha avuto gran parte il patron, recentemente scomparso, Giacomo Bulleri. Parliamo di un protagonista indiscusso della ristorazione milanese per oltre cinquant’anni. Bulleri ha lasciato la guida del suo network (tre ristoranti, un bar, una pasticceria, una rosticceria e una tabaccheria) alla figlia Tiziana e al marito Marco Monti. Straclassico il menu dello chef romano Emanuele Settel. Tra i piatti alla carta, si possono scegliere l’Uovo poché al tartufo, funghi porcini e orzo soffiato (26 euro), gli Agnolotti cacio e pepe, crema di riccio di mare e semi di zucca tostati (26 euro), il Filetto di manzo al pepe verde in crosta di patate (32 euro). Compresa nel prezzo la vista sulle guglie del Duomo e sulla Madonnina.

Giacomo Arengario, via Guglielmo Marconi, 02 72093814, Sito

PALAZZO REALE

Giacomo Caffè Letterario

Siamo sempre in piazza del Duomo, e siamo sempre in compagnia di Giacomo Bulleri. Il ristoratore amava dire che arrivare di fronte alla cattedrale meneghina era stato il suo più grande sogno realizzato. E una piccola parte del sogno è questo delizioso bistrot dove rifocillarsi al termine di una visita. Le occasioni, anche nei prossimi mesi, non mancheranno (sono in corso sia la mostra di de Chirico, fino al 19 gennaio 2020, che l’esposizione della collezione Thannhauser dal Guggenheim di New York, fino al primo marzo 2020). Una sosta al Caffè promette proposte semplici come panini e piadine (7 euro), merende (12 euro) ovvero piatti compositi con pane, salumi e verdure, insalate (10 euro). Ancora piatti freddi (il Tonnato alla Giacomo costa 14 euro) e caldi, come il Tortino di riso Milano con fonduta di parmigiano (10 euro). Completano l’esperienza l’atmosfera d’antan e il servizio comme il faut.

Giacomo Caffè, piazza Duomo 12, tel. 02 89096698, Sito

About author

You might also like

Classifiche 0 Comments

Aperitivi a Milano, 3 drink list pazzesche firmate Mattia Pastori

Aperitivi a Milano 2019, le drink list di Mattia Pastori. Di origini pavesi, Mattia Pastori vanta nei proprio curricolo una serie di esperienze internazionali. Da quando è tornato in Italia, …

Natale 2017 a Milano fuori porta, otto cascine e ville per la cena della Vigilia e il pranzo del 25

Natale 2017 a Milano fuori porta. Anche i milanesi che non opteranno per il pranzo di Natale in casa home made, che siano accompagnati dalla famiglia o da un gruppo …

Classifiche 0 Comments

I migliori pokè in Italia, cucina hawaiana da Roma a Milano

I migliori pokè in Italia, cucina hawaiana da Roma a Milano. Un viaggio culinario che unisce idealmente Roma, Milano, Genova e Firenze all’arcipelago delle Hawaii, nell’Oceano Pacifico, tra vegetazione tropicale …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply