Archivio Storico Napoli, il cocktail bar inaugura la cucina con antiche ricette borboniche

Archivio Storico Napoli, il cocktail bar inaugura la cucina con antiche ricette borboniche

Archivio Storico Napoli, il cocktail bar inaugura la cucina. L’Archivio Storico – premium bar ormai non ha più bisogno di grandi presentazioni: dal 2013 è una delle mete più ambite in termini di bartendency e mixology, il posto ideale per bere un cocktail a regola d’arte o per scegliere un vino da un’insolita e ricercata cantina. E, dopo 4 anni, l’Archivio Storico ha inaugurato anche la sua cucina con un menu che sa di storia e tradizione, e che porta in tavola un viaggio affascinante alla scoperta della cucina borbonica.

archiviostorico-napoli

Chi è già stato all’Archivio Storico, sa bene che una volta varcata la soglia di un enorme stemma neoborbonico che funge da porta scorrevole, inizia una vera e propria passeggiata della storia, sotto lo sguardo sornione del ritratto di Ferdinando IV di Borbone. Fra antichi trattati e stampe d’epoca, ogni sala è dedicata a uno dei 5 re Borbone del Regno delle due Sicilie e in un attimo si viene proiettati in un’altra dimensione temporale, libera dai rumori e dal caos della Napoli moderna.

ariadipatata-archiviostorico-napoli

Lo chef Roberto Lepre reinterpreta in chiave contemporanea i  grandi classici della cultura gastronomica napoletana. Le ricette, tramandate negli antichi ricettari settecenteschi dai “monzù” – gli antesignani chef provenienti dalla Francia alla corte del Regno delle due Sicilie – così chiamati nel dialetto napoletano che storpiava la parola monsieur – riprendono vita nella cucina dell’Archivio Storico. A cominciare dal gateau di patate – leggenda vuole stato introdotto dai cuochi francesi alle nozze della regina Maria Carolina con Ferdinando IV di Borbone nel 1768 – che lo chef Lepre reinterpreta in una leggerissima e gustosa “Aria di patata al pepe del Sichuan, fonduta del provolone del Monaco, croccante di salame e briciole di pane raffermo” (8 euro).

moscardiniallaluciana-archiviostorico-napoli

Oppure, i polipetti alla Luciana, così chiamati perché pescati dai pescatori del Borgo Marinari di Santa Lucia, diventano “Moscardino alla Luciana, cracker croccante del suo nero, su spuma di ceci di Cicerale” (12 euro). Il polpo cotto a puntino, e il contrasto della croccantezza del cracker con la morbidezza della spuma di ceci, è ben riuscito e da provare.

mussillotempura-archiviostorico-napoli

Il menu prevede altri due antipasti, sia di terra sia di mare: l’immancabile parmigiana di melanzane, e il tocchetto di “mussillo” – parte tenera del baccalà – in croccante di tempura di riso, maionese di alga nori e chutny di pomodoro e peperoncino (12 euro).

genovese-sartudiriso-archiviostorico

Tra i primi piatti non potevano mancare le candele di grano duro spezzate a mano alla genovese (10 euro): il sugo di carne e cipolle è “tirato”, cioè stracotto, corposo e saporito proprio come quello delle nonne. E ancora, il classico sartù di riso napoletano, ma a modo “Archivio Storico”, con purea di piselli e fettina di salame intera, e la zuppa di cicerchie con gambero rosso marinato all’anice e croccante lardo di colonnata (12 euro), e infine la zuppa di patate avezzane, spaghetti di friarielli leggermente piccanti e polpettina di maialino casertano.

maialinonerocasertano-archiviostorico-napoli

Fra i secondi, la rivisitazione del re indiscusso dei piatti poveri della cucina tradizionale partenopea: “’o zuffritto” (il soffritto è una zuppa piccantissima di frattaglie di maiale, pomodoro e alloro), con spuma di patata Polvica e scaglie di tarallo al pepe (12 euro). Per chi invece non è particolarmente fan del soffritto, la pancia di maialino nero casertano cotto dolcemente, carpaccio di verza viola e composta di mela annurca aromatizzata alla cannella è un’ottima alternativa (14 euro). La carne è cotta ad hoc, si taglia anche solo con la forchetta, e i sapori sono tutti ben distinti tra loro in un’armonia inusuale ma molto gradevole.

babacannella-archiviostorico-napoli

Infine, tra i dolci non poteva manca uno dei capisaldi della pasticceria napoletana: il babà, che lo chef Lepre reinterpreta abilmente con un impasto alla cannella, che dà una nuance di colore visibilmente più scuro del tradizionale babà, bagnato al punto giusto e farcito con una crema pasticcera molto delicata e l’immancabile amarena (8 euro). Sempre fra i dessert, altra grande novità e orgoglio del menu dell’Archivio Storico, è la mela annurca cotta al passito, con crumble di cannella e pepe verde (6 euro), una rivisitazione gourmet della classica mela cotta tanto amata dalle nostre nonne.

Archivio Storico, via Alessandro Scarlatti 30, Napoli. Tel. 081 1932 1922 Pagina Facebook

About author

You might also like

I migliori “torroni dei morti” di Napoli: da Silva a Poppella, agli storici Gay Odin e Carraturo

I migliori “torroni dei morti” di Napoli. Se la parola “torrone” vi evoca dita appiccicose e croccantezza omicida per i denti, dimenticate tutto ciò: il torrone napoletano “dei morti” è …

Caffè e Report, la risposta di una napoletana: ‘La Gabanelli mi rende nervosa’

Il caffè di Napoli, Report e Milena Gabanelli Il caffè di Napoli non è buono?! La bevanda sa di rancido, gomma bruciata e cenere?! Dopo la puntata di Report (qui), l'orgoglio dei cittadini è ferito nel profondo. A …

Classifiche 0 Comments

Aperitivi all’aperto Napoli estate 2018: i migliori locali dal lungomare di Mergellina al Vomero passando per Chiaia

Aperitivi all’aperto Napoli estate 2018. Dalle 18.30 alle 21 i migliori bar di Napoli si riempiono improvvisamente per dare spazio al classico aperitivo. Un bicchiere di vino, uno Spritz oppure anche …