Caperì Napoli: dalla carne al pesce al risotto, apre il ristorante che accontenta tutti

Caperì Napoli: dalla carne al pesce al risotto, apre il ristorante che accontenta tutti

Caperì Napoli, carne, pesce e risotti: apre il ristorante che accontenta tutti i gusti. Siete sempre indecisi fra voglia di carne o di pesce? Meglio un primo o meglio un secondo? La scelta del ristorante è sempre un dilemma? A Napoli arriva la soluzione che mette d’accordo tutti: Caperì, e cioè carne-pesce-risotto, l’originale ristorante inaugurato a gennaio in via Cesare Battisti, a due passi da via Toledo, ha portato una ventata di novità in pieno centro storico.

È aperto sia a pranzo che a cena, ideale per una pausa pranzo dall’ufficio diversa dal solito oppure per la cena nei weekend, quando mettere d’accordo le proposte di tutti gli amici è un’impresa.

caperì-napoli-interno

Moderno, luminoso, con ampie vetrate, arredato con dettagli post-industriali, i protagonisti indiscussi del locale sono i banconi della “carne” e del “pesce fresco”. Proprio come in macelleria, o in pescheria, infatti, da Caperì i clienti vedono e scelgono personalmente cosa mangiare: il taglio, il tipo di cottura, se fritto, al forno o alla griglia, oltre a tante varietà di risotti conditi con i sapori della terra o del mare.

caperì-napoli-antipasto-mare-crudi

Il menu è ricco e molto particolare, cominciando dagli antipasti in cui la classica frittura all’italiana viene rivisitata proponendo l’arancino di riso Carnaroli con gamberi di Crotone, e il  crocchè di patate di Avezzano con salsiccia di maialino nero casertano oppure con branzino, capperi di Salina e olive di Gaeta, che insieme alla mozzarella di bufala impanata e fritta, compongono la “frittura Caperì” (13 euro). Per gli amanti delle cruditè di pesce, invece, il “Crudo re Nettuno” a base di gamberi di Crotone, scampi, tonno, salmone di Balik, tartufi di mare e branzino è una bontà tutta provare (50 euro per due persone).

risotto funghi porcini e pera caperì Napoli

Un menu all’insegna delle eccellenze campane e dei presidi slow food, che ritroviamo anche nei primi, come ad esempio nell’invitante risotto con funghi porcini avellinesi, capicollo di maialino nero casertano e pera spadona, sfumato all’Aglianico del beneventano (12 euro).

paccheri-genovese-totani-capeì-napoli

Oppure, per chi preferisce il pesce, il risotto al nero di seppia con caviale di salmone di Balik e latte di mare con cannocchie emulsionate (13 euro), o i paccheri di Gragnano con genovese di totano (12 euro), possono essere delle validissime scelte.

caperì-napoli-bancone-carne-pesce

Dal bancone pescheria, per il secondo, la scelta varia dalle classiche spigole e orate, alla pezzogna, alle vongole veraci, ai fasolari, ai tartufi. Molto particolare la lasagnetta di spigola, scarola liscia, olive di Gaeta, capperi di Salina, pinoli e uvetta (16 euro), oppure la cotoletta di pesce spada con friarielli (14 euro), che sfida la tradizionalissima accoppiata vincente tutta partenopea di salsicce e friarielli.

La carta dei vini rende giustizia alla Campania, dal Fiano di Avellino, al Greco di Tufo, al Taurasi, al Rubrato Aglianico dei Feudi di San Gregorio, passando per il Biancolella, il Pallagrello e l’Aglianico del Beneventano. Ma anche per chi preferisce i vini del nord, la scelta va dallo Chardonnay al Gewurztraminer, al Montepulciano, al Pinot Nero.
Insomma, Caperì è una buona scusa per scoprire una bella novità a Napoli, conoscere nuovi sapori e bere un calice di buon vino, ma soprattutto, per mettere tutti d’accordo.

Caperì, via Cesare Battisti, 21-23, Napoli. Tel. 081 1917 9227 – Aperto a pranzo e cena – Pagina Facebook

About author

You might also like

Bakery & Love Napoli, la tradizione pasticcera a stelle e strisce sbarca al Vomero

Bakery & Love Napoli, un po’ d’America nel cuore del Vomero. Dopo il grande successo degli store di Frattamaggiore e Caserta, Bakery & Love arriva anche a Napoli. Al numero 89 …

Classifiche 0 Comments

Patatine fritte a Napoli, è boom di catene di chips “olandesi”, bye bye frittura partenopea

Patatine fritte a Napoli, è invasione. Da qualche mese in città spuntano a ogni angolo negozi di patate fritte. Non esiste zona franca: dal Vomero a Chiaia, da Toledo a Soccavo non c'è una lingua …

Gino Sorbillo a Milano, Lievito Madre apre il 20 ottobre. A Napoli arriva la pizza fritta di zia Esterina. E a Roma…

Gino Sorbillo a Milano, Lievito Madre apre il 20 ottobre. La pizzeria attesa da un anno nella capitale meneghina aprirà fra qualche settimana, a rivelarlo a Puntarella Rossa è lo stesso Gino Sorbillo. Il …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply