Pasticceria Bompiani Roma, riapre la boutique del dolce al quartiere ardeatino

Pasticceria Bompiani Roma, riapre la boutique del dolce al quartiere ardeatino

Pasticceria Bompiani Roma. Ha riaperto a Roma al civico 8 nell’omonima piazza capitolina, la pasticceria Bompiani: Walter Musco (supportato da Federico Cari e Joanna Irena Milewsk) torna a deliziare occhi e palato del quartiere ardeatino. Tante le novità, con una costante: la contaminazione tra arte e pasticceria. Non a caso, dopo l’installazione di Hirst presso l’Osteria Francescana di Bottura, quella di Musco è la prima pasticceria in Italia ad ospitare l’opera d’arte di un collettivo, “Brutalismo in pasticceria“.

Musco_Cari_rid

Il lavoro di restyling del locale nasce 6 mesi prima dall’incontro del mastro pasticcere, (ex gallerista di via Giulia, spazio Gondwana), con Piùtrentanovesei architetti associati, al quale è affidato il progetto architettonico. “Non si tratta di una sola ristrutturazione – ci dice Musco – ma di un lavoro più complesso, dove i materiali, le linee e i colori sono strettamente connessi con il prodotto, per accompagnarlo ed esaltarlo”.

nuova pasticceria bompiani 2_rid

Il cioccolato, protagonista indiscusso del locale, è fornito senza deroghe da Valrhona: 15 tipologie dal bianco al fondente trasformate in praline (90 euro al kg), torte e mignon (30 euro al kg) che fanno di Bompiani una vera boutique del dolce.

vetrina bompiani_rid

Se da 4 anni la squadra di Musco propone uova pasquali d’autore per svincolarsi dall’idea di Pasqua tradizionale, con la riapertura il concetto viene esteso a tutta la pasticceria, che si amplia passando da 8 a 15 torte ispirate a Pollock ed altri geni pittorici del suo calibro (disponibili anche in monoporzioni da 3,50 euro cad.)

Action Painting - Torta Tre Cioccolati-113_rid

Non lasciamoci ingannare dall’insegna “pasticceria“: da gennaio ci sarà spazio anche per il salato, con 5 panini espressi e altri prodotti creati ogni giorno nel laboratorio del piano superiore. Ma la novità assoluta del 2016 sarà “Il dessert al piatto”: 4 proposte che per Walter Musco rappresentano il futuro della pasticceria per dare la possibilità ai clienti di apprezzare il dessert in pasticceria come fosse la portata di un ristorante.

Omaggio al Castagnaccio - Ricotta, Castagne e Strusel al Castagnaccio-206_rid

Dopo il maritozzo alla carbonara arriva il gelato allo zafferano, che insieme a bacon croccante, viene servito in un panino per sorprendere gli ospiti durante l’opening. Una provocazione che non sarà inserita nella linea ma offerta nelle occasioni speciali. E’ invece possibile assaggiare, questa volta durante tutto l’anno, gli 8 gusti selezionati tra creme e frutta (risolvendo il problema della stagionalità con le puree di Boiron)

Gelato_Pasticceria Bompiani

La caffetteria, affidata a Luca di Lorenzo, propone le miscele della torrefazione romana Mondi, alle quali si aggiungono miscele monorigine, una linea di tea design e lo champagne dell’azienda francese Pommery.

Frollino al Sesamo-177_rid

Per Natale la filosofia prevede l’assoluto rispetto della tradizione, senza colpi di scena, come il target del quartiere richiede. In aggiunta al classico panettone Milano (25 euro al kg) troverete anche quest’anno la variante al cioccolato, rinnovata grazie all’inserimento delle pere in cottura per conferire una maggiore umidità all’impasto.

Da lunedì a domenica, Pasticceria Bompiani accompagnerà d’ora in poi ogni momento della giornata, dalla colazione a partire dalle 6:30 fino alla chiusura prevista alle 20.30.

Pasticceria Bompiani, Largo Bompiani 8, Roma. Aperto tutti i giorni, dalle 06.30 alle 20.30. Sito

About author

You might also like

Uovo à Pois a Roma, una pasticceria naturale a Porto Fluviale

  Uovo à Pois a Roma. Domenica 29 novembre ha aperto a Porto Fluviale una nuova pasticceria 100% naturale, integrale e senza latte. L’obiettivo è reinterpretare la pasticceria classica usando solo …

Héco Roma, pokè, pinse e mixology con giardino e terrazza sul Tevere

Héco Roma, pokè, pinse e mixology con giardino e terrazza sul Tevere – tel.3285428752. Nuova apertura tra il Tevere e Porta Portese in via Portuense 47. Héco è un locale su più …

La Santeria di Mare Roma, il bistrot del Pigneto raddoppia con cucina di pesce e oyster bar

La Santeria di Mare, al Pigneto raddoppia la pizzicheria-bistrot. Tel. 0689230730 – La Santeria di via del Pigneto, insegna che abbiamo imparato a conoscere negli ultimi anni per qualità e buon gusto, raddoppia e diventa …

3 Comments

  1. Andrea
    dicembre 21, 16:23 Reply

    Ci sono andato, le torte sono delle opere d’arte e il posto è molto bello, ma come rapporto qualità prezzo decisamente non ci siamo. Non è che la ristrutturazione del locale la deve pagare il cliente.

    • Testina
      dicembre 26, 08:02 Reply

      La qualità si paga.. Se una torta è un “opera d’arte” ,vuol dire che dietro ci sono ore e ore di lavoro, prove su prove e ricerca, affinché tutto sia perfettamente bilanciato alla vista e al gusto.
      Io personalmente sono ben disposto a pagare il giusto prezzo per un prodotto alla cui base non vengono utilizzati surrogati e/o preparati industriali, aromi artificiali, bustine e semilavorati ma materie prime di assoluta eccellenza provenienti da tutto il mondo, cioccolato proveniente dalle migliori piantagioni del mondo,aromi rigorosamente naturali e ingredienti delle migliori aziende italiane.
      Conosco Bompiani da anni e conosco il lavoro che fanno, sono tra i pochi artigiani che non cedono al compromesso ( oggi molto facile ) del rapporto qualità prezzo delle materie prime e questo ovviamente si riflette anche sul prezzo finale al cliente.
      A quest’ultimo rimane la scelta finale, se mangiare un prodotto di eccellenza e pagarlo al giusto prezzo o mangiare un prodotto mediocre e pagarlo la metà.
      Credo che se una persona non è disposta a pagare il giusto prezzo per un “opera d’arte”.. Il mondo è pieno di imitazioni…

Leave a Reply