Street food Festival, internazionale: cosi Eataly Roma festeggia il suo primo compleanno

Street food internazionale Eataly Roma

 

Street Food Festival, da Eatay Roma. Falafel, pizza, tacos, tapas, pita gyros, arancine, kebab, kalakukko, piadina, ovvero street food, mille declinazioni, tante calorie e tanta passione.  Osannato dai media, questo tipo di cibo incuriosisce e appassiona tutti mettendo d'accordo palati dai gusti semplici e più sofisticati. Noi italiani ne siamo grandi estimatori, la nostra Palermo è al quinto posto come miglior cibo di strada nel mondo (classifica stilata dal sito web Virtual Tourist). Anche Eataly decide di festeggiare il suo primo compleanno celebrando il cibo di strada del mondo con tre giornate dedicate allo street food internazionale, il 21, 22 e 23 giugno. Il programma è ricco e molto allettante. In ogni ristorantino, bar o angolo si potrà gustare  uno street food internazionale e uno italiano a tema, ad esempio per il pane si accompagneranno il  bahn mi vietnamita e il nostrano panino con la porchetta, al bar del crudo ceviche dal Perù e tartara di alletterato con zuppetta fredda di pomodoro cuore di bue. E ancora cupcakes/ tiramisù di Montersino per il dolce, empanadas/arrosticini d'agnello alla carne e tanti altri divertenti abbinamenti per un totale di 40 proposte. Il bere non delude con una piccola selezione di vini, birre e acqua offerta dalla casa. Ci sembra una festa interessante e originale, una bella occasione per un giro del mondo insolito che consente di scoprire nuovi sapori e saperne di più, anche alla luce del fatto che lo street food è ormai un fenomeno culturale, su cui vale la pena interrogarsi.

street food

Perchè lo street food ci piace tanto? Certamente coniuga bontà e prezzi contenuti, ma forse c'è di più. In un tempo in cui la semplicità viene riscoperta come un valore universalmente condiviso, ecco che lo street food vince con i suoi sapori incontaminati e carichi di valore. E' il cibo per tutti e di tutti, che non richiede conoscenze erudite e non alza barriere. Inoltre il cibo di strada è per definizione legato all'identità di un popolo, è quindi un modo spensierato per avvicinarsi a culture diverse, pone pochi interrogativi ma è in grado a piccoli bocconi di favorire l'integrazione.

Il programma completo