Mancano camerieri e chef, ecco i ristoranti che danno una seconda chance ai detenuti

Mancano camerieri e chef, diamo una seconda chance ai detenuti.Siamo un popolo di camerieri“, diceva Indro Montanelli. Lui lo diceva in modo sprezzante, per intendere il servilismo sciocco degli italiani. Noi, invece, che rispettiamo un lavoro serio e importante, diciamo: magari lo fossimo. E invece, come è noto, non se ne trova uno neanche a pagarlo. Certo, li si pagano poco, e questo fa parte del problema. Ma non lo esaurisce, perché il problema è strutturale.

Le Serre by Vivi Roma
Le Serre by Vivi

La manodopera manca, sia in sala sia in cucina. Dopo le polemiche su Lamantia, e abbiamo parlato qui e ne ha scritto bene anche Paolo Manfredi qui. Ma resta il punto. Manca personale. Dove trovarlo? Flavia Filippi, giornalista di La7, ha avuto un’idea semplice ma importante. Da una parte, ha pensato, c’è il mondo del lavoro che ha bisogno di personale e non lo trova. Dall’altra, ci sono migliaia di persone che hanno sbagliato, si sono macchiate di qualche colpa e la stanno scontando in carcere, che possono avere una possibilità di redimersi, di riconciliarsi con la società.  Come mettere in contatto questi due mondi?  Un primo passo l’ha fatto la legge Smuraglia, che offre importanti sgravi fiscali a chi assume, anche a tempo determinato, detenuti. Il secondo è quello di far parlare il mondo del carcere e quello delle imprese. E qui si è spesa, e si spende, in prima persona. I risultati ci sono e sono già molto importanti.

Qui ci sono tutte le informazioni per capire come funziona esattamente.

Il progetto è ampio e non riguarda solo la ristorazione. Sono state coinvolte grandi imprese private ed enti pubblici. Ma noi proviamo a soffermarci sul mondo della ristorazione. Ecco alcune delle realtà, soprattutto romane, che stanno provando a dare una Seconda chance ai detenuti e, nel contempo, ad aiutarsi.

  • Il titolare dei 6 ristoranti Porto  sta assumendo tre camerieri
  • Andrea Fassi della Palazzo del Freddo Fassi in via Principe Eugenio ha richiesto un banchista
  • Il Gruppo Palombini – bar, caffetterie, ristoranti, ricevimenti – ha richiesto quattro camerieri
  • Il titolare del ristorante Mediterraneo al Maxxi ha richiesto 6 persone
  • Il ristorante e l’albergo Argileto in via della Madonna dei Monti stanno assumendo due aiuto cuoco
  • L’Antica Pizzeria Da Michele ha assunto un ragazzo appena uscito da Rebibbia
  • La Birreria bavarese di via Tunisi è interessata a un cameriere
  • L’agriturismo Casali di Martignano sta valutando due persone
  • Il ristorante di via Arnobio, Acquacotta, sta valutando un aiuto cuoco
  • Il ristorante Uniq di via Settembrini sta assumendo due aiuto cuoco
  • Le Serre by Vivibistrot ha assunto un aiuto cuoco
  • Ethicatering sta valutando quattro persone del carcere di Velletri (hanno frequentato l’Alberghiero)
  • L’ Osteria degli Avvocati, a san Pietro, sta assumendo due aiuto cuoco

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*