Ercoli 1928 Trastevere a Roma, la storica bottega apre la sua terza sede: 700 metri quadri di sapori

Ercoli 1928 Trastevere a Roma, la storica bottega apre la sua terza sede: 700 metri quadri di sapori

Ercoli 1928 Trastevere a Roma. Era il 1928 quando Ercoli apriva la sua storica bottega, la prima, a Prati. Non ci è voluto molto, poi, per diventare un punto di riferimento del buon cibo e del buon bere per i romani. Il successo di questa gastronomia, ha spinto la famiglia ad aprire, nel 2016, una nuova sede ai Parioli, ampliando l’offerta: si va da Ercoli per una spesa di qualità, ma conquista spazio anche la parte relativa alla ristorazione, con orari più lunghi (7 giorni su 7, dalle 8 di mattina all’una di notte). Arriviamo a oggi. Il 14 ottobre 2021 Ercoli ha inaugurato la sua terza sede (come vi avevamo anticipato qui), a Trastevere, in via Giggi Zanazzo 4, negli spazi che furono del teatro Puff di Lando Fiorini: 700 mq che tornano a nuova vita grazie al progetto dell’architetto Roberto Liorni, dove si raccontano e si mostrano tutte le anime del locale, salumeria, formaggeria, gastronomia, prodotti ittici, ristorante, cocktail bar, a cui si aggiungono i nuovi corner, ovvero la bakery con pani e pizze, la grande caffetteria con le diverse miscele, la drogheria con le spezie, i legumi e i cereali, e la cioccolateria. Ercoli, dunque, oltre alla qualità dei prodotti che offre fa emergere in maniera sempre più marcata il suo spirito aggregante: un luogo per fare la spesa, per mangiare ma soprattutto per stare bene.

Com’è il nuovo locale

Ercoli 1928 a Trastevere Roma

Spazi ampi e ben articolati, che abbracciano il cliente e lo accolgono per fargli scoprire i prodotti sugli scaffali, le materie prime alla gastronomia, gli ingredienti nel piatto. L’obiettivo, infatti, è quello di non mettere confini tra negozio e ristorante. Andiamo con ordine. Ci sono tre zone (ma prima di entrare si trova il grande dehors) e, come per gli altri due negozi, anche qui a Trastevere il perimetro di tutta l’area è delineato dagli scaffali: pasta, riso, olio, conserve, sottoli, biscotti, caffè, vini, birre, cioccolata, liquori, tè e tisane, marmellate. Profumi e colori ovunque, quello che si compra lo si può ritrovare nei piatti proposti. Tre zone, dicevamo, come una sorta di mercato al coperto, con banchi sparsi qua e là, in una ricerca continua tra piccole e grandi aziende italiane (e non solo), e tante figure ognuna con un ruolo preciso.

Tutte le anime di Ercoli Trastevere

Ercoli 1928 Trastevere

Tra le novità c’è la bakery, uno dei primi corner che si incontrano entrando, un grande banco bianco e tutto intorno panche e tavoli. Dal forno a vista escono pane, pizza, cookie, cornetti, sandwich, bagel, maritozzi, insalate. A fare da contraltare il banco nero della caffetteria. Qui i clienti possono assaggiare le miscele dell’azienda Mogi e caffè che arrivano dall’America centro-sud e dall’Africa. La colazione, quindi, si preannuncia piuttosto ricca.

Ercoli 1928 Trastevere_caffetteria

Dal classico espresso agli specialty: tre monorigine (Guatemala, Etiopia e Messico) e un blend realizzato appositamente per caffè filtro. È quindi facile intuire che proprio il caffè, proposto macinato fresco al momento o in chicchi, è una delle grandi novità nella proposta di Ercoli Trastevere, a cui va aggiunta anche la selezione di tè e tisane

Ercoli 1928 Trastevere

Il tour prosegue per trovare l’angolo del prodotti ittici, tra crudi, tartare e crostacei, ma anche alici del Cantabrico, il salmone norvegese, il salmone selvaggio dell’Alaska pescato ad amo, tre tipi di caviale, il baccalà mantecato, le ostriche (tra cui le Gillardeau e le Tarbouriech). E ancora la gastronomia, fiore all’occhiello dei locali Ercoli, da sempre. Quasi 100 referenze di salumi e 10 metri di vetrine, circa 200 prodotti lungo i 4 metri della cabina formaggi, tra produzioni italiane e francesi, ma anche inglesi e spagnole. E poi di nuovo una novità, anzi due: la drogheria e la cioccolateria, all’interno di uno spazio che ospita spezie, sali, frutta secca, semi e selezionate cioccolate (Leone, Gobino, Venchi giusto per fare qualche nome). In questa stanza, inoltre, i clienti possono organizzare cene speciale circondati da queste prelibatezze con i loro profumi avvolgenti.

Il ristorante e il drink theatre

Ercoli 1928 Trastevere_chef Luigi_Ubertini

Lo chef Luigi Ubertini

La spesa, dunque, non può lasciare delusi. Ma per chi si vuole fermare a mangiare e bere? La cucina è a vista. I clienti possono quindi osservare lo chef Luigi Ubertini, l’executive chef Andrea Di Raimo e tutto il resto della brigata al lavoro. L’obiettivo è quello di esaltare i prodotti in vendita: il menu racconta il patrimonio gastronomico italiano, guarda alla tradizione, ma più di tutto alla genuinità delle materie prime. Nascono quindi piatti come le Mezze maniche alla carbonara con guanciale di cinta senese e pecorino romano Dop (14 euro), gli scialatielli ai tre pomodori (12 euro), i paccarielli freschi con crostacei e aglio nero (19 euro).

Ercoli 1928 Trastevere

Polpo arrosto con burrata, olive taggiasche e pappa al pomodoro

Tra i secondi da provare il filetto di tonno rosso con gazpacho e le sue verdure (26 euro) o il polpo arrosto con burrata, olive taggiasche e pappa al pomodoro (22 euro). Per gli amanti della carne di passa dalle tartare come la tartare di manzo alla piemontese con burrata e crispy di riso selvaggio (10 euro) a tagli di carne internazionali.

Ercoli 1928 Trastevere

Grazie al Josper, una particolare macchina che fonde griglia e forno, il cliente può gustare Fiorentina, Costata, Entrecôte sia nella selezione Sashi che nella selezione Sakura Hanami, il Filetto di manzo canadese (36 euro), l’Entrecôte di Manzetta Prussiana (23 euro) o la tagliata di Cube Roll (24,5 euro). Su richiesta, arrivano al tavolo anche pane e pasta senza glutine. E poi i dolci, dal tiramisù (7 euro) alla crostata (6,5 euro), fino alla pavlova con susine, crema all’arancia e cannella (7 euro), a cui è possibile abbinare i vini dolci.

Ercoli 1928 Trastevere

Il Drink Theatre

Passiamo, infine ai drink, da sorseggiare al momento dell’aperitivo o dopo cena. Per questa sezione del menu viene in aiuto l’architettura originale dello spazio. Quello che era il palcoscenico dello storico teatro resta uno spazio scenograficamente simile al ruolo originario: ad accogliere gli ospiti, infatti, un Drink Theatre. Il maestoso banco dei cocktail bar si trova al centro della sala, e tutto interno una platea a gradoni che può osservare il lavoro dei barman. La proposta, realizzato grazie alla consulenza di Federico Tomasselli, ruota intorno alla filosofia Tini, ovvero drink shakerati e serviti in coppa V, utilizzando come distillati principali la vodka o il gin. In carta si trovato sei Tini che sono sono dei twist di classici nella cui composizione si trovano frutta, spezie, caffè e cioccolato.

Da non dimenticare, infine, il vino, da assaggiare in loco o da comprare e portar via per arricchire la propria scorta personale. La selezione Ercoli vanta circa 400 etichette tra Champagne, bollicine, bianchi, rossi e rosé, con qualche etichette anche di vini naturali e biodinamici.

Ercoli Trastevere. Via Giggi Zanazzo 4, Roma. Tel. 06 96527412. Sito. Facebook. Instagram.
Aperto dal lunedì al giovedì e la domenica dalle 8 all’una di notte. Il venerdì e il sabato fino alle 2 di notte

About author

You might also like

Dove comprare la pasta fresca a Roma: botteghe e laboratori per tortellini, ravioli e fettuccine

Dove comprare la pasta fresca a Roma. Di grano duro, all’uovo, lunga o corta, ripiena o semplice, poco importa: a Roma la buona pasta non può mancare, specialmente a Natale. …

Reserva a Roma: delivery sudamericano con tacos, ceviche e cocktail in bottiglia

Reserva a Roma. Tra i pochi indirizzi per la gastronomia sudamericana a Roma, c’è Reserva Restaurante y Cocteles: nel pieno centro della città un luogo dedicato alla cucina e ai sapori di …

Pizzerie nuove a Roma 2017: Seu presto a Trastevere. Callegari apre a San Pietro un cocktail bar. E poi Exquisitaly, Alma Buona e That’s Amore

Pizzerie nuove a Roma 2017, i nuovi progetti di Pier Daniele Seu e Stefano Callegari. Qualche settimana ancora e Stefano Callegari, chef e gran pizzaiolo romano, a sorpresa alzerà un’altra saracinesca. Per gli amanti …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply