Passami ù coppu Palermo, la prima friggitoria d’arte di Natale Giunta

Passami ù coppu Palermo, la prima friggitoria d’arte di Natale Giunta

Passami ù coppu Palermo Tel.  091 584498Natale Giunta, chef fiore all’occhiello della ristorazione glamour di Palermo non si ferma. Non lo ha mai fatto neanche davanti alla mafia che gli chiedeva il pizzo e nonostante i numerosi atti intimidatori ricevuti in tanti anni di carriera. Con grinta e dedizione porta avanti i suoi progetti. E proprio per questo lo abbiamo incontrato nel suo ufficio di via Enrico Albanese, a Palermo, per farci raccontare della sua ultima idea dedicata alla valorizzazione del cibo da strada siciliano.

Passami ù coppu, questo il nome del bar e friggitoria d’arte di Natale Giunta, apre alla vigilia della prima grande festa di Natale, il 7 dicembre 2017, all’angolo tra via Roma e Corso Vittorio Emanuele, nelle stanze occupate per 26 anni dal negozio di calzature Vitti. Obiettivo del progetto, come ci spiega lo chef, è quello di creare e diffondere un marchio d’eccellenza della gastronomia siciliana da esportare in tutto il mondo. Dietro Passami ù coppu, infatti, c’è un progetto territoriale di espansione dove il legame con la Sicilia è indissolubile.  Una volta collaudato il brand sarà immesso nel mercato del franchising.

Al centro dell’idea, neanche a dirlo, è il nostro tanto amato coppo. Non quello tipico a cui siamo abituati ma una nuova versione ricca di prelibatezze gourmet con ingredienti a km 0, farine biologiche di grani antichi siciliani, pesce locale freschissimo, verdura e frutta rigorosamente di stagione, senza compromessi, additivi e conservanti di alcun tipo. Le arancinette, la rascatura, le panelle, le crocchette, la paranza, la milza incontrano l’alta cucina. E saranno gli stessi avventori ad essere testimoni di questo matrimonio gustosissimo ma insolito. Nel progetto dello chef Giunta, infatti, Passami ù coppu è un luogo dove tutto è preparato a vista con ingredienti di alta qualità e impasti che lievitano ore ed ore.

Il claim è del locale è  infatti: “Noi lo facciamo a vista“. Dimenticatevi dell’arancina o della iris fritte e preparate tempo prima per poi essere riposte nei banconi ad aspettare di essere divorate. “Non appena entrerete nel mio locale – ci spiega Giunta – il tempo si fermerà. Non troverete nulla di pronto, sarà tutto fatto al momento e tutto punterà alla vera cucina da strada con un concetto di arte dentro”. Gli avventori avranno la possibilità di interfacciarsi con i cuochi, senza muri, in un rapporto di scambio reciproco a prezzi assolutamente economici.

Il legame di colori e di emozioni siciliani sono il filo conduttore che emerge anche nel design e negli arredi del locale che riporta in vita la Sicilia di una volta con materiali di recupero e banconi e mobili dipinti da artisti locali. I colori accesi della nostra terra riprendono vita: il rosso, il blu, il verde che negli ultimi anni  si erano spenti e non si vedevano più insieme al velluto, autentico tessile siciliano, sono ancora protagonisti negli accessori e nelle suppellettili.

Passami ù coppu sarà aperto dalle 7.30 a notte fonda.

Passami  ù coppu, angolo via Roma corso Vittorio Emanuele, Palermo. Tel: 091 584498. Facebook

About author

You might also like

Bastione&Costanza Cefalù Palermo , Caffè Letterario con pizza slow food e birra alla manna

Bastione&Costanza Cefalù Palermo, Caffè Letterario-Bistrot con cucina e pizza Slow Food . Marco Durastanti e sua sorella Costanza, vulcanici e inarrestabili proprietari di Villa Costanza, ristorante tra i più apprezzati di Palermo, non si …

Eventi 0 Comments

Palermo Food Fest 2016, al via l’evento gratuito tra ‘rascatura’ e band musicali

Palermo Food Fest 2016. Una settimana dedicata alla quaruma, alle stigghiola ma anche allo sfincione, al pane, panelle e cazzilli, senza dimenticare ‘a rascatura (perché a Palermo consideriamo “da leccarsi i …

Recensioni 0 Comments

Pâtisserie Palermo, croissant e rustici a metà tra la pasticceria francese e il bar siciliano

Pâtisserie Palermo tel. 091 345658. Una piccola e graziosa oasi nel deserto è la nuova pasticceria, anzi no,  pâtisserie, aperta in via Tommaso Gargallo, una delle strade più anonime della città, frequentata …