I migliori vini d’Italia dell’anno: ecco la ‘guida essenziale’ 2016 di Daniele Cernilli Doctor Wine

I migliori vini d’Italia dell’anno: ecco la ‘guida essenziale’ 2016 di Daniele Cernilli Doctor Wine

I migliori vini d’Italia dell’anno, “Guida essenziale ai vini d’Italia 2016”: a Milano, prima, e a Roma, dopo, Daniele Cernilli, alias Doctor Wine, premia i migliori rossi e bianchi (e non solo) dell’anno. Due gli appuntamenti da segnare in agenda: sabato 10 ottobre all’Hotel Principe di Savoia a Milano e domenica 18 a Roma al Parco dei Principi. Due occasioni per conoscere i migliori vini d’Italia, censiti e selezionati scrupolosamente dal guru dell’enologia italiana, e per degustarli in compagnia dei produttori.

COP_2016_Cernilli_Daniele_GUIDA_ESSENZIALE_7

Quali sono i migliori vini d’Italia del 2016 secondo la Guida essenziale (ed. Mondadori) di Doctor Wine? Spulciate questi nomi, magari ne troverete qualcuno nella vostra cantina domestica.

Vino rosso dell’anno: Brunello di Montalcino 2010 Cerbaiona, Toscana; Vino bianco dell’anno: Greco di Tufo Greco G 2010 Pietracupa, Campania; Vino vivace dell’anno: Trentodoc 976 Riserva del Fondatore Brut 2005 Letrari, Trentino; Vino dolce dell’anno: Verdicchio dei Castelli di Jesi Passito Tordiruta 2008 Terre Cortesi Moncaro, Marche; Vino dal miglior rapporto qualità/prezzo: Montepulciano d’Abruzzo Ilico 2013 Illuminati, Abruzzo.

Ecco gli altri premi speciali. Azienda dell’anno: Dettori, Sardegna; produttore emergente: Cascina Amalia, Piemonte; premio cooperazione: Domizio Pigna, La Guardiense, Campania; enologo dell’anno: I Kellermeister dell’Alto Adige; premio vitienologia compatibile: Vincenzo Tassinari, Wine Research Team; premio qualità diffusa: Tignanello Antinori, Toscana.

Il metodo di valutazione, come lo scorso anno, si basa su tre livelli. Uno è quello aziendale, con un punteggio che va da zero a tre stelle. Uno è qualitativo su ogni singolo vino, ed è espresso in centesimi. Il terzo è sul rapporto qualità/prezzo, ed è simbolizzato dal like, il pollice alzato. Di certo non si è trattato di scelte facili, ma si è proceduto a un turn over delle aziende coinvolte di circa il 15 per cento, a sottolineare il fatto che la produzione di vino è strettamente legata all’annata e il posto in guida non è un dato di fatto acquisito. Tradotto in numeri, significa 876 aziende selezionate e valutate (da 0 a 3 stelle) di cui 86 con il massimo punteggio delle 3 stelle; 2.168 vini  con un punteggio qualitativo in centesimi, di cui  198 premiati con il ʺfaccinoʺ di DoctorWine; 11 premi speciali a vini e aziende.

vino_rosso_bicchieri

Se volete degustare alcuni dei prodotti premiati, approfittate delle presentazioni della guidaA Milano, a partire dalle 10,30, la premiazione dei vincitori. Nel pomeriggio, dalle 16 alle 21, ci sarà una grande degustazione con 130 produttori partecipanti (premiati e non) gratuita e aperta a tutti previa registrazione. A Roma, dopo la presentazione della guida, dalle 16 alle 21 degustazione gratuita aperta al pubblico nella quale 77 tra i migliori produttori italiani serviranno i loro vini; dalle 17:30 alle 18:30 degustazione verticale di Tignanello (6 annate) guidata da Daniele Cernilli (costo di partecipazione 20 euro, evento già sold out).

About author

You might also like

Recensioni 5 Comments

C’è del Grano in piazza Rondanini

La piazzetta è deliziosa, il dehors adorabile, il desco squisito. Dopo avere sdoganato i tre aggettivi più atroci a disposizione nel nostro arsenale lessicale, possiamo andare al sodo e dire …

Dove mangiare la domenica a Milano, i migliori ristoranti aperti la sera

Dove mangiare la domenica a Milano, i migliori ristoranti aperti la sera Ok il brunch, ma la domenica sera? Molti locali a Milano sono chiusi e allora proviamo a darvi un …

Recensioni 2 Comments

Quiriti, Flavio vince e raddoppia

Si presenta un po' più "pettinato" rispetto al ristorante di Testaccio, la nuova sede di Flavio al Velavevodetto, aperta da poche settimane con una formula simile. Del resto siamo a …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply