Le Carrè Français a Roma, la Francia sbarca a Prati

Le Carrè Français a Roma, la Francia sbarca a Prati

Le Carrè Français a Roma. Da lunedì 14 settembre ha aperto i battenti a due passi da piazza Cavour Le Carrè Français , un piccolo Eataly in salsa francese che si propone come bistrot, patisserie (pasticceria), boulangerie (panetteria), boucherie (macelleria), fromagerie (formaggeria), epicerie (drogheria), cave à vin (enoteca). Un progetto affascinante che in 600 metri quadri vuole proporre un angolo di Francia, vicino ad altri grandi locali (anzi, locali grandi), da Splendor Parthenopes a Camillo B (che dopo una partenza difficile ha ingranato bene).

Come annunciato dalla stampa transalpina a suo tempo, il progetto prende corpo grazie all’unione di cinque artigiani francesi: il pasticcere Michel Galloyer, il panettiere Jean-Noël Julien, l’allevatore e macellaio Alexandre Polmard, il “cavista” Axel RondouinAlexandre Viron, con una lunga storia di mulini e macinazione del grano alle spalle.

carrè vetrina

Carrè Français si presenta su più vetrine e su due piani. All’entrata c’è un grande bancone e ai lati pochi tavolini per mangiare, con poltroncine di pelle.

carrè laterale

Il design, elaborato dallo studio d’architettura Archea, è di un’eleganza raffinata ma un po’ fredda.

carrè tavoli

Alle pareti, la cave a vins, con una parata di bottiglie di vino francese, molte pregiate (noi abbiamo assaggiato un buon Bordeaux Saint Emilion, 6,5 a bicchiere).

carrè prodotti

Circumnavigando il bancone, ecco lo spazio panetteria, i prosciutti, il banco dei formaggi e ampi scaffali con quello che vi aspettereste di trovare in una bottega parigina.

carrè confit

Foie gras in quantità, e di qualità, confit de canard, biscotti al burro, confiture, tè e molto altro.

carrè tipo

Il direttore di sala è un francese di buona stazza e piglio burbero (si ode a distanza la sua voce strigliare con veemenza i camerieri nostrani). E’ lui che ti accoglie in sala: e siccome parla esclusivamente francese, si crea un clima piuttosto surreale  (per i clienti non francofoni o anglofoni ma anche per i camerieri che masticano poco la lingua di Corneille).

Il menu

Il menu

Ecco il menu provvisorio di questi giorni (sarà ampliato prossimamente).

carrè burroSimpatica l’offerta iniziale, in puro stile idrogenato francese: burro da spalmare sul pane, con apposito coltellino (mancano le ostriche, purtroppo).

Pollo di allevamento bio, arrostito al dragoncello e schiacciata di patate

Assaggiamo pollo al dragoncello, buono ma sovrastato da un eccesso di cipolle, che si ritrovano anche nell’ottima tartare.

IMG_7337

Le patatine fritte sono incluse e sono servite a tavola in un cestello.

carrè eclaire

Per chiudere, un’éclaire al caffè, dolce poco conosciuto in Italia, ma che in Francia è popolarissimo.

carrè veng

Per il piano di sopra, ancora non si è deciso. Perché, come spiega un cameriere, “non siamo mica a Parigi, bisognerà capire come reagiscono i romani e solo allora decideremo la disposizione definitiva”.

IMG_7343

Le Carrè Français, via Vittoria Colonna 30, Roma. Tel.320 642 2558 

About author

You might also like

Pianostrada a Roma, apre a Trastevere il laboratorio di cucina con street food di qualità

Pianostrada, laboratorio di cucina, apre a Roma. Prendete una donna che si dimena in cucina con invidiabile dimestichezza e contagioso entusiasmo. Poi prendetene un’altra, piccolo portento della comunicazione, che accende la miccia e …

Panella Roma raddoppia: presto un luxury bistrot alla stazione Termini e una nuova miscela di caffè

Panella Roma nuovo bistrot. Dopo 80 anni nell’unica sede di via Merulana 54, lo storico panificio romano, che negli anni non hai mai smesso di ingrandirsi e rinnovarsi, sceglie una nuova …

Nuove aperture Roma febbraio 2017, 16 ristoranti da Materia a Ugo, da Altrove a Rosemary

Nuove aperture Roma febbraio 2017. English version. Tra grandi ristoranti, nomi eccellenti e piccoli spazi gastronomici di qualità, l’offerta delle nuove aperture invernali è varia. Dovrebbe aprire a fine mese, i rumors parlano del …

7 Comments

  1. Margot
    settembre 15, 16:12 Reply

    Chissà cosa metteranno all’ultimo piano, visto che Roma non è Parigi…

    • Alessia
      ottobre 16, 01:44 Reply

      Lo ripetono sempre,ma qualcosa gli sfugge…
      Infatti per colazione servono un orribile caffellatte fatto con latte a lunga conservazione francese e lo chiamano cappuccino…..
      Purtroppo x loro sono circondati da bar
      X fortuna Italiani
      Gli auguro di tornare presto nella loro bellissima citta’

  2. Alberto Rinaudo
    settembre 15, 16:34 Reply

    Diciamo che è una cattedrale nel deserto ed ha dei prezzi raccapriccianti. I dolci in vetrina – belli a dire il vero – hanno un costo monoporzione quasi da cena in trattoria… Gli auguro ogni bene!

  3. Andrea De Toma
    febbraio 17, 22:47 Reply

    ci sono andato quattro volte. Baguette gommose, Croissant mediocri, pasticceria di basso livello. Locale bellissimo ma non merita mezzo euro.

Leave a Reply