Enotica 2014 a Roma, quando il vino (critico) incontra l’eros

Enotica fest_13

Enotica 2014, il festival del vino e dell'eros a Roma. Si apre oggi, venerdì 14 marzo, ed è in programma fino a domenica 16 al Forte Prenestino Enotica, l'appuntamento romano con il vino biologico e "critico", ovvero di provenienza certificata e senza speculazioni sul prezzo, e con tutta la sensualità che il vino può stimolare.

Enotica fest_07

Un percorso di sensi, quindi, che si snoda tra le 100 celle sotterranee del centro sociale romano. Una tre giorni di concerti, mostre, spettacoli, il tutto innaffiato dai prodotti di 60 vignaioli e contadini autentici.

Si parte oggi pomeriggio alle 17, e fino alle 23, con le degustazioni nei sotterranei che proseguiranno poi sabato dalle 15 alle 22 e domenica dalle 14 alle 20. Mentre vi addentrate nei percorsi sotterranei, cercate il pasticcere dell’Amore e le sue “Dolci Effusioni”, come la sua crema Enorotica da abbinare a un calice di vino. E poi musica fino a notte (suoneranno tra gli altri Giulia Anania e The Bluebeaters) e DjSet. Immancabili gli spettacoli di cabaret, burlesque e flamenco.

Domenica invece le degustazioni nei sotterranei saranno più soft, anche in vista di un pubblico più familiare, con l'eros che lascia il posto da protagonista al buon cibo naturale e alla convivialità. Nei tre giorni di Enotica anche "Il Mercato" (con TerraTerra, Genuino Clandestino e altre realtà contadine): venerdì dalle 17, sabato dalle 15 e domenica dalle 9.

vignaioli critici

Protagonista di Enotica, dicevamo, il vino dei Vignaioli critici: 60 le aziende presenti. Tutte produzioni che rispettano l’ecosistema, non filtrate dalla produzione agricola industriale di massa. Il Festival infatti vuole esaltare i prodotti degli artigiani del vino e dei cibi biologici e biodinamici nell’incontro con i consumatori, per favorirne un consumo critico e consapevole.

Enotica c/o C.s.o.a Forte Prenestino, via F.Delpino Roma. Sito – Costo: 5 euro / domenica sottoscrizione libera fino alle ore 14 – dalle 14 in poi sottoscrizione 3 euro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*