Roma est, c’è poesia a Centocelle: viaggio tra kebab ed enoteche chic

Roma est, c’è poesia a Centocelle: viaggio tra kebab ed enoteche chic

di Margherita Bianchini

Roma est è da alcuni anni una denominazione geografica tipica, grazie all’imporsi del Pigneto come meta di serate alcolico-culturali (e di Tor Pignattara, che abbiamo raccontato qui). Ma l’est è un orizzonte che si può spostare più in là e, seguendo i binari dei tram che solcano la Prenestina, è semplice raggiungere il quartiere con le vie dai nomi di fiori: Centocelle.

Zona decentrata che gode di fama per la sua popolosità – 55 mila residenti, facile conoscerne almeno uno – e per la presenza dello storico centro sociale Forte Prenestino. Per trascorrere un pomeriggio diverso andate a trovare il vostro amico di Centocelle e fate una passeggiata tra le vie ortogonali lungo le quali si infilano una dopo l’altra palazzine di tre quattro piani dalle linee squadrate e sobrie dell’edilizia anni Sessanta. Lungo via dei Castani potrete notare qualche villino liberty, residenza in origine degli ufficiali aviatori del primo aeroporto d’Italia, una vasta area verde che oggi dovrebbe essere riconvertita a parco archeologico. Il quartiere conserva un’aria tranquilla e vecchiotta, con numerosi bar pasticceria, ristoranti pizzeria e lo sferragliare dei verdi tram. Nel punto di fuga prospettico delle vie orientate a est si scorgono le sagome dei Castelli romani, insomma, c’è poesia a Centocelle.

Se talvolta vi capita di sentire da un’auto in transito note neomelodiche o di avvertire lo scoppio di qualche petardo o fuoco d’artificio, non temete: sono i festeggiamenti per il ritorno a casa di un carcerato o, almeno, così si racconta da queste parti. Nella vostra passeggiata potrete anche andare in cerca delle opere pittoriche di qualche artista "specializzato" in serrande di negozi: l’anonimo ritrae i prodotti venduti e li cala in un altrove rarefatto di nuvolette e sbuffi bianchi che buontemponi di quartiere trasformano in sbuffi di fumo psicotropo aggiungendo ai graffiti grosse joint.

Dopo avere ammirato queste espressioni di street art, con l’amico potete passeggiare nel parchetto dedicato a madre Teresa di Calcutta in attesa che si manifesti un certo languorino. Ma cosa offre Centocelle agli affamati? Certamente una specialità del quartiere è il kebab: la vulgata vuole che in via dei Castani 251 si trovi il migliore di Roma: Ciro kebab. Effettivamente il kebab qui è di qualità superiore, a partire dal pane, fatto in loco. Il personale è super cordiale e allegro e per ingannare l’attesa (c’è sempre un po’ di fila) regala polpette di falafel.

Per un’esperienza più esotica c’è il kebab in via dei Pioppi 6, in una zona caratterizzata dall’immigrazione nordafricana e dalla discreta presenza dell’acquedotto alessandrino. Accanto al kebabbaro c’è una cartolibreria coranica, con “catechismi” anche in italiano, per chi volesse approfondire la sua conoscenza dell’Islam.

A poca distanza, in via delle Azalee 4 è di prossima apertura con nuova gestione L’oasi di Marrakech, che proporrà cucina marocchina, tunisina e italiana.

La prima e terza domenica del mese vale la pena di attraversare i bastioni del Forte Prenestino, in occasione del mercato di prodotti agricoli Terra-terra, tutto biologico, chilometro zero e da mangiare subito sulle panche all’aperto. Restando in tema di centri sociali, ha aperto da marzo Bam, Biblioteca abusiva metropolitana, in via dei Castani 42. Al piano terra di uno stabile occupato, un gruppo di ragazzi ha allestito una biblioteca frutto delle donazioni degli abitanti del quartiere, aperta tutti i pomeriggi dalle 15 in poi. E’ un posto molto ben curato e accogliente e dotato di un piccolo bar che in occasione di presentazioni ed eventi offre aperitivi nordafricani.

Per chi vuole concedersi un comodo pranzetto (o cenetta), in piazza delle Iris 13 – la piazza del mercato coperto – c’è un mini ristorante, La lupa, con una decina di coperti e la cucina a vista. Le preparazioni sono casalinghe, genuine, con i classici primi romani e tra i secondi il roast beef, specialità della casa. E’ possibile prenotare il ristorante intero e stabilire insieme al proprietario il menu. E’ un posticino gradevole, che dà l’idea di mangiare a casa di qualcuno. I prezzi sono abbastanza contenuti, si pranza con 20 euro.

Negli ultimi tempi a Centocelle il panorama della ristorazione sta mutando velocemente grazie a numerose aperture di locali gestiti da giovani che danno particolare attenzione all’ambiente e ai menu. In questa new wave rientrano diversi locali molto apprezzati, per citarne alcuni: le enoteche Bianco e rosso in via Parlatore 44, Il Turacciolo in via Tor dei Schiavi 126 e La Vinileria in via delle Fresie 6, un pub enoteca con arredo rock e vinilico che abbina la vendita di dischi alla mescita di birre e vini.

E parlando di ristoranti giovani, non potevamo non scoprirne uno che ha aperto un anno fa, L’Artista, in via delle Robinie 45, attirati dall’offerta del pranzo a 10 euro (dal martedì al venerdì). Il ristorante è ampio, arioso, con i soffitti alti che disperdono il chiacchiericcio rendendo l’atmosfera rilassante. L’arredamento è curato, con tavoli e sedie in stile provenzale dipinti di bianco. Alle pareti una decorazione con pagine ingiallite di vecchi libri e una piccola mostra: gli artisti possono infatti proporsi per essere esposti e il ristorante si presta a fare da galleria.

Il menu a 10 euro comprende un primo, un secondo, acqua e caffè; la scelta è ovviamente ridotta a poche portate, ma dà la possibilità di un pranzo vegetariano. Gnocchi al pomodoro e fettuccine con ricotta e guanciale erano i primi. Il rischio banalità degli gnocchi al pomodoro è stato evitato grazie a un sugo dotato di carattere: consistenza cremosa e sapore rotondo.

Anche le fettuccine avevano una loro personalità per il guanciale croccante e la ricotta freschissima.

I secondi prevedevano crostino di scamorza, con cicoria e crema di cicoria – ben presentato, con il formaggio tostato al punto giusto per mantenere una consistenza morbida – e i classici straccetti con la rucola. Ecco, anche gli straccetti che spesso sono un piatto scialbo, erano qui arricchiti da un sughetto saporito e la carne di cottura perfetta: tenera e soda.

Il personale è molto cordiale ma forse andrebbe rinforzato. C’era una sola persona a servire ai tavoli e questo ha reso il servizio un po’ lento, ma è proprio l’unico difetto. Abbiamo sbirciato il menu alla carta e per una cena la spesa si aggira sui 25-30 euro: i primi vanno dagli 8 ai 12 euro e i secondi di carne sono intorno ai 15 euro. I vini sono biologici.

 

I locali

Ciro kebab, via dei Castani 251

Kebab, via dei Pioppi 6

L’oasi di Marrakech, via delle Azalee 4

La lupa, piazza delle Iris 13, tel 06-2598803

Enoteca Bianco e rosso in via Parlatore 44, Tel: 3388420148 – 3200311772

Il Turacciolo, via Tor dei Schiavi 126, Tel 06- 24403231

La Vinileria, via delle Fresie 6

L'artista, via delle Robinie 45, Tel 06-64810895

About author

You might also like

Le ricette di Alessia Vicari 13 Comments

Una chef per Puntarella

Paura? Ma no, non lasciatevi suggestionare, questa giovane donna sa essere anche dolcissima, soprattutto quando prepara i dolci siciliani. E, se non la fate arrabbiare, di solito usa coltelli e …

Les Vignerons, piccoli grandi vini

A guardarla sembra un'enoteca come tante altre. Ma, come si sa, visto da vicino nessuno è normale. E meno male, aggiungiamo noi. Perché les Vignerons, bottega-enoteca aperta un annetto fa …