Mangiare e vivere a Monte Sacro / Pizzerie, beer shop e street food, tra l’Aniene e la Nomentana

Mangiare e vivere a Monte Sacro / Pizzerie, beer shop e street food, tra l’Aniene e la Nomentana

mangiare a Monte Sacro Roma

Mangiare e vivere a Montesacro. Sorto negli anni Venti dove l'Aniene incrocia la Nomentana come città giardino e sogno di fuga dal caos della grande città per il ceto medio, oggi Monte Sacro è circondato da quartieri a edilizia intensiva, ma conserva un fascino tutto suo, e anche un microclima particolare dovuto alla presenza del fiume e del parco.

Ingresso alla città giardino è Piazza Sempione, che si apre dopo il ponte di via Nomentana nuova con le sue facciate neomedievali. Dietro e ai lati della piazza si snodano stradine contorte e labirintiche, con scale, scalette salite e discese tra villini, palazzine, alberi e, naturalmente, giardini.

Da un anno è possibile evitarsi tutti i semafori della Nomentana con la linea B1 della metro, scendendo all’attuale capolinea, Conca d’oro, si è a due passi da piazza Sempione.

Fino a qualche anno fa la tranquillità del quartiere rischiava di sconfinare nella noia, ma da qualche tempo oltre alle luminose insegne dello storico Angolo Russo, ristoro dei nottambuli quasi mitologico, la piazza e i suoi dintorni si sono accesi di nuovi bar e locali. 

Per esempio il chiosco Ponte Tazio con i tavolini all’aperto, alle spalle il giardino e di fronte la fermata dei bus, propone selezioni musicali interessanti e aperitivi fino a tarda ora. È una tappa pressoché obbligata per chi arriva qui.

Ma non è l’unico posto dove fare aperitivo da queste parti. Sull’altro lato della piazza, di recentissima apertura è C1B0, che già dal nome gioca su un’estetica moderna e propone un ampio menu di hamburger.

In viale Gottardo 95 il Comò Bistrot offre aperitivo a buffet a prezzi modici in un curato ambiente vintage.

In viale Adriatico si può fare aperitivo alla Torrefazione Adriatica, che durante il giorno è consigliatissima per il caffè. Su piazzale Adriatico ci sono l’Enoteca 19, con i tavolini all’aperto e i taglieri di salumi, e il caffè pasticceria Rosati, più vecchio stile.

Per un aperitivo autoprodotto, da consumare magari al parchetto, all’inizio di viale Gargano ci si può fermare per una spesa di formaggi di bufala alla Vera mozzarella di bufala: oltre alle mozzarelle, sul bancone ammiccano il blu di bufala (un gorgonzola), ricotte, persino il taleggio e un’infinità di formaggi e salumi; al civico 6  c’è il  beer shop Zio Frank, piccolo ma ben fornito di birre artigianali, che espone il motto “la birra piccola è immorale”. Poco lontano, in piazza Menenio Agrippa, ci sono Malto Matto, beer shop, e l’enoteca Pallotti.

Ma con tutti questi aperitivi è necessario abbassare il tasso alcolico con una cena. I ristoranti in zona non mancano di certo. Punti di riferimento per gli abitanti del quartiere sono l’Hostaria Menenio Agrippa, nell'omonima piazza, con menu a base di cucina romana e pesce, e il più che storico ristorante pizzeria Ponte Vecchio, in un casale attivo come osteria da secoli. In piazza Menenio Agrippa ha aperto anche la Locanda Ariocace che punta tutto sull'ambiente familiare, la genuinità e le preparazioni fatte in casa: sul menu la tardizione romana e piatti ispirati agli ingredienti di stagione. Si cena con 25-30 euro.

pizzeria tonda trapizzino

Di apertura abbastanza recente è Pizza Tonda, al di là del ponte, in via di Valle Corteno 31. La pizzeria è una filiazione di Sforno (Subaugusta) e di 00100 Pizza a Testaccio e infatti propone i celebri trappizzini (alla picchiapò, con sugo di manzo, con la trippa, la parmigiana, la lingua in salsa verde…) i supplì modificati (all’amatriciana, aglio, olio e peperoncino, gorgonzola e radicchio….), e pizze specialiIl locale non è molto grande, decorato con colori vivaci – verde e arancione – ha un po’ l’aspetto di un fast food, con le tovagliette di carta e i tavoli un po’ piccoli. Vale la pena venire qui affamati, vista la quantità di fritti e sfizi sul menu.

pizza pizzeria tonda

Anche le pizze sono molto ricche e alcune mettono a dura prova: come la pizza alla carbonara e la cacio e pepe (meglio dividerle tra amici). I prezzi sono un po’ più alti della media: i trappizzini a 4 euro, i supplì 3 euro, le pizze tra i 9 e i 12 euro, i dolci 5 euro.

Per l’amaro potete fermarvi al Deriva Aniene, bar sulla riva dell’Aniene, aperto dal mattino alla sera e perfetto anche per l’aperitivo.

Per un pasto bio supersano, tornando nelle immediate vicinanze di piazza Sempione, si può invece  mangiare al Petit Bio. È un take away molto economico (le porzioni vanno dai 3 ai 5 euro) con due tavolini per mangiare anche all’interno.

petit bio

Il menu cambia tutti i giorni ed è estremamente vario. Noi abbiamo assaggiato la piadina con salume vegano e le scaloppine di seitan: buone. L’attenzione agli ingredienti è estrema e i gestori vi daranno informazioni su produttori, farine, metodi di preparazione.

Per una cena più impegnativa abbiamo provato il Dolmen, ristorante sardo in via Conca d’Oro, aperto da due anni e già molto apprezzato. Il locale non è molto grande ma dispone anche di una veranda esterna. L’arredamento è moderno e semplice, l’atmosfera rilassante. Il servizio è premuroso e certamente vale la pena provare gli antipasti di crudi. Primi e secondi prevedono accostamenti semplici ma originali e la presentazione dei piatti è curata. I prezzi delle portate vanno dai 12 ai 20 euro.

Al Dolmen sono buoni anche i dolci, ma se volete fare visita a un altro posto molto amato a Monte Sacro, potete andare a prendere il gelato da Gori, in via Gottardo (ne avevamo parlato qui).

Dopo il gelato la serata può continuare al Sessantotto, locale in via Monte Sacro, dove ascoltare rock e psichedelia anni Sessanta. D’estate prende in gestione il parco del ponte vecchio, purtroppo la stagione è passata, ma per l’estate prossima segnatevi di passare serate a giocare a calcio balilla e bere birra sulle rive dell’Aniene.

La notte è ancora giovane e la serata può proseguire allo Zoobar o al Brancaleone!

Angolo Russo, corso Sempione 13

Chiosco Ponte Tazio, piazza Sempione

C1B0, viale Tirreno 2, tel. 06 83775617

Comò Bistrot, viale Gottardo 95

Torrefazione Adriatica F.lli Bertini, viale Adriatico 1, tel. 06 8719 2734

Enoteca 19, piazzale Adriatico 19, tel. 06 8718 1745

Caffè pasticceria Rosati, piazzale Adriatico 24-26, tel. 06 87183777

Vera mozzarella di bufala, viale Gargano 20, tel. 06 8274596

Zio Frank, viale Gargano 6

Malto matto, piazza Menenio Agrippa 13

Enoteca Pallotti, piazza Menenio Agrippa 9, tel 06 8689 9372

Hostaria Menenio Agrippa, via Nomentano 631-633, tel. 06 86899352

Locanda Ariocace, viale Gottardo 39

Ponte vecchio, via Nomentana Vecchia 414, tel 0686898839

Pizza Tonda, via Valle Corteno 31, 06 8180960

Petit Bio, piazza Menenio Agrippa 7, tel 06 6792509

Dolmen, via Conca d’Oro 44, tel 06 87180087

Sessantotto, via di Monte Sacro 4

About author

You might also like

Tree Folk’s Roma, weekend di birre in stile inglese: sfida London vs Rome a colpi di Real Ale

Al Tree Folk’s di Roma la sfida a colpi di luppolo è stata lanciata: meglio le birre italiane o quelle della tradizione anglosassone? L’importante è che siano servite rigorosamente in cask, …

Gualtiero Marchesi festeggia i suoi 85 anni come ambasciatore Expo 2015. Ecco il piatto per la sua Milano

Gualtiero Marchesi entra a far parte dell'Expo 2015. Il "Maestro" della cucina italiana ha compiuto ieri, 19 marzo, ben 85 anni, e ha festeggiato l’occasione con un brindisi a Milano e …

Cracco e Lercio, la bufala del suo agnello condito vivo fa arrabbiare lo chef

Carlo Cracco, Lercio e l'agnello condito vivo. Dopo l'aglio nella amatriciana Carlo Cracco è di nuovo nel mirino del web, questa volta a causa di una falsa notizia pubblicata dal noto sito satirico Lercio. Il …