Rosti, 10 motivi per andare (e due no)

Rosti, 10 motivi per andare (e due no)

Al Pigneto puoi trovare davvero di tutto: dall’indiano che ti vende le birre a metà prezzo e intanto t’invoglia con fette di dolcissimi dolci, al take away greco, alle birre artigianali un po’ fighette, ai cocktail buoni che non costano milioni, alla porchetta de noantri. Ci sono i posti con qualche pretesa, quelli alla buona, quelli un po’ “robbosi”. E poi c’è Rosti. Quasi nascosto, come un cortile da scoprire in una via che non ti aspetti. Un posto tranquillo, piacevole, dove ti ci vedi proprio a passare anche la mattina per la colazione o magari il pomeriggio per una merenda amarcord. Un venerdì sera di questo settembre particolarmente caldo mi sono decisa a provarlo. Io, che ho un debole per le lucine, vorrei stare fuori, ma il cortile-dehors è sold out. La sala interna è altrettanto piacevole, con lunghi tavoli comuni di legno e solo un po’ di confusione in più. Sono tornata altre due volte dopo la prima, ispirata dall’atmosfera informale e dagli ottimi hamburger.


Insomma com’è Rosti? Vediamo…

Motivi per cui andare da Rosti è cosa buona & giusta

• Ovviamente gli hamburger.

La cottura è quella richiesta al momento dell’ordinazione, la carne morbida e succosa, le verdure (lattuga, pomodori, cipolle) fresche e il pane morbido ma abbastanza solido da reggere la struttura nonostante i succhi della carne.

Le bottiglie delle salse,

Posso metterne finalmente quante me ne pare e mi sembra di stare dentro al That 70s Show. La maionese è ottima e leggera, il ketchup ha un sapore un po’ diverso da quello che ci si aspetterebbe, ma funziona.

La cheesecake e il crème caramel.

La prima ha una base burrosa, la crema di formaggio leggera e un “topping” ai frutti di bosco che fa da giusta ciliegina sulla torta, con un lieve spigolo aspro che si sposa bene con gli altri elementi (il dolce della base e la classica acidità accennata della crema di formaggio).

Il crème caramel è un bon-bon cremoso e punteggiato di semi di vaniglia che rimette in pace col mondo.

La parte vegetariana del menu. Non solo hamburger, pastrami e carni alla griglia, ma anche vere alternative gustose piene di verdure fresche. Menzione speciale per l’ottima insalata aromatica con 20 erbe differenti (anche se forse 8 euro sono un po’ troppi?), il purè di patate e porri e la caponata di melanzane.

I fritti

Crocchette di ricotta

Melanzane e anelli di cipolla (ma perché non fate un piatto di soli anelli di cipolla?)

Rosti croccante e con un pizzico di pepe, pizzelle fritte… Devo continuare?

• E quindi le patatine fritte fresche

Tagliate a spicchi spessi, “cicciotte”, croccanti e dall’interno morbido e cedevole. E’ ora di usare la vostra arma: le bottiglie di salsa (ma sono ottime anche da sole)!

Le colazioni differenti (italiana, iberica, nordica e inglese) servite fino a sera, perché è il mio pasto preferito e a volte solo una colazione come si deve può cambiare il corso della giornata. Qui si può iniziare daccapo, anche a pomeriggio. Merito della cucina aperta tutto il giorno, un caso più unico che raro nella Capitale.

I tavoli comuni.

Quelli che tra voi si sentono un po’ misantropi e vorrebbero soltanto cenare in pace in un tavolino accanto al muro probabilmente li odieranno. Forse una sera vi capiterà accanto una famiglia con un bambino insopportabile (è pieno di famiglie, ma io la vedo come una cosa positiva); magari vi troverete a cenare di fianco ad una coppia di fidanzati sdolcinati che si scambiano nomignoli e tenerezze inappropriate. Magari potreste sedervi di fianco all’amore della vostra vita. Vale la pena provare, no?

I prezzi abbastanza umani che non mettono in crisi a fine mese se uno vuole concedersi di uscire a cena ogni tanto.

L’area giochi per i bambini, ossia il sollievo di tutti i commensali e la salvezza dei camerieri quando l’altrui irrequieta prole comincia a correre tra i tavoli.

Motivi per cui andare da Rosti potrebbe essere una delusione

• La disorganizzazione di certe sere convulse in cui la cucina e il forno non rispondono come dovrebbero. Mi è capitato la prima volta, quando un gruppo di amici accanto a me (in attesa della cena da prima che mi sedessi) ha iniziato a mangiare la pizza mentre io stavo già nella fase “dolce, caffè, ammazzacaffè, conto e passeggiata digestiva”. Ho fatto richieste che, per fretta oppure disattenzione dei camerieri (sempre occupatissimi e frenetici, va detto), sono cadute irrimediabilmente nel vuoto.

• Alcuni problemi con le porzioni. Una sera l’ “Omaggio a Katz’s” era un tramezzino triste con dentro due fette di pastrami di manzo (ottimo, per carità) e accompagnato da una sparuta cucchiaiata di quella che sembrava una giardiniera non molto entusiasmante: un po’ poco per 12 euro.

Un’altra sera mi è stata servita una fetta di cheesecake che era l’esatta metà delle volte precedenti (vedi foto confronto), come se fosse stata preparata in una teglia dal diametro inferiore (ma allo stesso prezzo).

Tolte queste ultime considerazioni negative (comunque in minoranza rispetto a quelle buone & giuste), Rosti è per ora una scommessa vinta. Un locale piacevole, arredato in maniera semplice, con cibo di qualità ben preparato e pietanze che vi s’infileranno nelle pieghe della memoria gastronomica e v’invoglieranno a tornare.
Tanto i difetti si possono sempre correggere, no?

I voti
Cucina 7
Ambiente 8
Servizio 6-

I prezzi
Cheeseburger 10 € Omaggio a Katz’s 12 € Rosti 5 € Insalata aromatica 8 € Patatine fritte 3.50 € Cheesecake 6 €

Qui l'articolo di presentazione di Rosti al Pigneto

Rosti, Via Bartolomeo D'Alviano 65, Roma. Tel 06-2752608 Sempre aperto

About author

You might also like

Recensioni 4 Comments

Pigneto 41, pici, focacce e pop art

Da qualche tempo Primo al Pigneto gode di cattiva stampa. E non son critiche ingiustificate, perché a fronte di un ambiente molto  bello, la qualità del cibo è troppo altalenante, …

Recensioni 0 Comments

Scomodo Roma, galletto amburghese e cocktail ‘Chicchirichì’ nel locale di via Casilina (di fronte al tram)

Scomodo Roma tel. 349 079 0637. Prima era una falegnameria, ora (aperto da meno di un anno) è un ristorante e cocktail bar. Siamo sulla Casilina, all’altezza del Pigneto. E a …

Mile Roma, cucina italiana rivisitata nel piccolo locale del Pigneto (al posto di O’vino)

Mile a Roma, Tel. 333 197 2716. In via Pesaro 8, nella piazzetta pedonale del Pigneto che prima ospitava O’vino, ha aperto nel luglio 2017 il ristorante Mile, che propone …

16 Comments

  1. Vale@Beroad
    ottobre 22, 08:53 Reply

    Ci sono stata ieri per il brunch con prole al seguito. Lo adoro per tanti motivi perô ragazzi… il servizio è davvero pessimo! Un vero peccato…

  2. Guido
    ottobre 22, 08:55 Reply

    Il posto e' molto bello ed originale, ma sono pienamente d'accordo sulla disastrosa qualita' del servizio, che appare veramente lasciato completamente allo sbando ed in mano ad una truppa di improvvisati.
    Io ho ordinato un hamburger per mio figlio di 20 mesi specificando di volere solo l'hamburger senza pane salse ecc invece me lo hanno servito con maionese e ketchup.
    dopo le mie rimostranze hanno candidamente riportato il piatto in cucina e hanno "pulito" il panino dalle salse, tant'e' che il pane riportatomi era ancora sporco…

  3. Puntarella Rossa
    ottobre 22, 09:04 Reply

    Siamo d'accordo con Vale e Guido: siamo stati molte volte da Rosti, ormai, e il servizio è davvero pessimo. Al netto dei punti positivi evidenziati dalla nostra valente Chiara, la disorganizzazione regna sovrana. Qualche lieve miglioramento c'è stato, ma è evidente che il rapporto camerieri/clienti è del tutto insufficiente e, nonostante la buona volontà dei ragazzi che servono, si perde la pazienza spesso e volentieri…speriamo vada meglio, come auspicava la stessa Chiara in finale di servizio…

  4. Guido
    ottobre 22, 09:37 Reply

    Purtroppo per quanto riguarda i camerieri non è un problema di quantità ma di qualità: ne puoi mettere anche altri 40 a quel livello ed il servizio non farebbe altro che peggiorare…
    Se ti chiedo "di solito l'hamburger con cosa lo servite?" non mi puoi rispondere "con la carne"; lo accetto all'osteria "lo zozzone" se vogliamo prenderci in giro ma qui c'era di mezzo anche un bimbo e non si scherza col cibo dei bimbi…
    Quello che mi fa rabbia è che a Roma stiano nascendo posti molto carini, copiati evidentemente dall'estero… molti in stile NYC o Nord Europa, ma i gestori non capiscono che quello che fa ritornare il cliente è: QUALITA' e QUANTITA' del CIBO e QUALITA' del SERVIZIO. L'ambiente può essere anche il più bello del mondo ma io da Rosti non ci porterei mai nessuno per non fare figuracce…

  5. giampiero
    ottobre 22, 11:03 Reply

    Il terzo motivo per non andare è che si trova nel pieno centro di Hipsterlandia, una delle poche zone a Roma da evitare come la morte!

    • Name*
      ottobre 23, 09:37 Reply

      che vuol dire  Hipsterlandia?

  6. pierfra
    ottobre 23, 13:25 Reply

    12 € per quel tramezzino rachitico e due sottaceti, manco al santo spirito presentano i piatti a quel modo!!! Stiamo proprio perdendo la percezione dei soldi. Ma a quanto pare basta che il locale và di moda poi se mangi di merda poco importa, poi alcuni locali sono di moda prima ancora di aprire, e un po' ne siete responsabili.

    • Puntarella Rossa
      ottobre 24, 18:21 Reply

      se ti fosse sfuggito (è ancora qui sopra) ti riscriviamo qui il passaggio del nostro commento al pezzo di Chiara, già critico sulla disorganizzazione:
      “Siamo stati molte volte da Rosti, ormai, e il servizio è davvero pessimo. Al netto dei punti positivi evidenziati dalla nostra valente Chiara, la disorganizzazione regna sovrana. Qualche lieve miglioramento c’è stato, ma è evidente che il rapporto camerieri/clienti è del tutto insufficiente e, nonostante la buona volontà dei ragazzi che servono, si perde la pazienza spesso e volentieriÔǪ”. Come vedi, siamo dalla parte dei clienti, come sempre. ciao!

  7. Alessandra Del Balio
    ottobre 28, 08:58 Reply

    Il posto è bellissimo, molto conviviale. Il cibo è buono ma non fantastico, nel giardino non c'è nemmeno un portacenere. Ma la nota veramente negativa è il servizio. Pessimo. Maleducati, frettolosi, disattenti. Ci sono stata tre volte e sono sempre stati così i camerieri. Qualcuno è anche un po' razzistello.

  8. valerio tavani
    novembre 16, 15:16 Reply

    a distanza di 1 mese e mezzo mi sono recato qui tre volte e dopo la prima che ho prontamente elogiato in maniera positiva le altre due sono ahimè da dimenticare.
    Provato in giorni della settimana diversi. Mercoledì, Sabato e ieri sera, di giovedì che qui racconterò come la prova del 9, quella in cui decreto ROSTI UN POSTO DOVE NON MANGIARE.

    Sulla lavagna leggo BOCCONCINI DI CONIGLIO AGLI AGRUMI CON PANATURA ALLE ERBE
    Onde evitare per l'ennisima volta di prendere il pollo allo spiedo decido di optare per il piatto del giorno da abbinare ad un PUREE DI PATATE E PORRI che più che del giorno sembra essere onnipresente nel menù ( tutte le volte che sono andato c'era )

    per antipasto ordino un SUPPLI

    tralasciando i tempi di attesa che sono come già sapete LEEEEEENTI
    arriva il suppli e il giudizio è accettabile, sicuramente meglio della seconda volta che appariva piuttosto unto
    ora è il momento dei fatidici bocconcini con puree.

    siete pronti?

    i bocconcini appaiono bruciacchiati , rinsecchiti, e la panatura mostra chiari ed evidenti agglomerati di erbe in alcuni punti. questi vengono serviti su un mega piatto accompagnati dall' onnipresente insalatina verde scondita insieme a dei pezzetti di pane abbrustoliti e bruciacchiati  che metterli non ha alcun senso. Il coniglio non si sa se è cucinato al forno o fritto ma una cosa è sicura….
    E' un piatto completamente sbagliato, senza alcun sapore, impresentabile che prontamente ho lasciato a lato del mio tavolo dopo un solo boccone.
    La cameriera forse già sapeva del mio giudicio infatti dopo manco 2 minuti è venuta al tavolo chiedendomi se andava tutto bene. Mi ha prontamente cambiato la pietanza con un'altra a mio gusto e indovinate cosa ho preso?

    IL POLLO ALLO SPIEDO
    terza volta che vado da rosti e terza volta pollo… ma d'altronde il menù è poco vasto composto da insalate, fritti fritti e fritti e hamburger che vanno per la maggiore….

    arriva il pollo che "loro consigliano vivamente" e appare….completamente lesso, stoppaccioso e allo stesso tempo insapore… nessun aroma… pelle bianca latte….e più che metà pollo sembra un galletto per dimensioni. questa volta sono mancate anche le patate al forno ( presenti le due volte precedenti ) ma in compenso c'era sempre l'insalatina scondita.
    quello della rosticceria è 100, 1000 volte meglio….

    prima di arrivare al conto tengo a precisare una cosa
    Ok la cucina a vista che fa tanto moda ma è inguardabile doversi sorbire lo spettacolo di
    alimenti già fritti e ributtati nell'olio prima di essere serviti e cuochi che con il dito della mano controllano se la bistecca sulla piastra è cotta o no

    e ora il conto

    1 bruschetta all'anduja
    1 suppli
    2 cheese burgher
    1 pollo
    1 puree
    1 bott prosecco
    1 acqua
    1 coca
    1 cheese cake
    1 limoncello
    1 amaro

    81€ / 3 = 27€

    Visitato a Novembre 2012nt

  9. punto.rosso
    aprile 01, 17:39 Reply

    terzo motivo: si scordano di farti la ricevuta fiscale… (capitato almeno tre volte su tre)

  10. Finalmente_D
    agosto 08, 10:10 Reply

    peggiorato come pochi posti.
    peccato, perché il posto all’aperto è un plus stratosferico.
    eppure mi pare tutto fatto con approssimazione

Leave a Reply