Rosti, tavoli social-chic al Pigneto

Rosti, tavoli social-chic al Pigneto

Per l'inaugurazione ufficiale, bisognerà aspettare domenica 23 Settembre, ma già venerdì aprirà i battenti, al Pigneto, il neonato Rosti, per testare la cucina e vedere l'effetto che fa. A giudicare dalle prime notizie e dalle prime immagini, il nuovo progetto dei soci di Primo al Pigneto sembra destinato a bissare il successo del primo (Primo, appunto), sia pure con una vocazione diversa. Lunghi tavoli sociali, girarrosto per le carni, pizza e hamburger: insomma, cucina fast, come la chiamano, ma di qualità. Tre sale (per un totale di 300 metri quadri) ricavate in un'ex officina, con un grande giardino, un muro antico destinato ad accogliere future proiezioni cinematografiche e un campo da bocce. Progetto popolare e raffinato, come da copione per il Pigneto, quartiere chic (ma anche un po' choc), un tempo pasoliniano, ora pieno di locali.

Marco Gallotta e Massimo Terzulli, i titolari di “Primo”, ci pensavano da tanto e ora sono pronti per questa nuova avventura. Il nome, Rosti, si riferisce alla frantumazione dell'arosto, che lo slang romanesco usa per indicare il tipico piatto della domenica. Molti dei prodotti arrivano da aziende agricole laziali e toscane e ci sarà una linea dedicata ai vegetariani. Si apre la mattina per colazione e si va avanti fino a tardi.

Per chi vuole dare un'occhiata, intanto, ecco il video realizzato dal Gambero Rosso.

Rosti, Via Bartolomeo D'Alviano 65, tel 06-2752608

About author

You might also like

Recensioni 0 Comments

SempliceMente Milano, pizzeria con locanda siciliana a Porta Genova

SempliceMente Milano pizzeria, tel. 02.45477854, pizza e piatti mediterranei a Porta Genova. Far funzionare bene un locale a due passi dalla giungla dei Navigli e di via Vigevano non è cosa semplice. …

Sagre Lazio maggio 2016: carciofi alla matticella ad Ariccia e pizza fritta ad Arsoli

Sagre Lazio maggio 2016 (weekend 30 aprile-1° maggio): inizia il mese di maggio con le sagre dei borghi del Lazio all’insegna di cibo e vino locali: festa dei Vertuti a Paganico …

Bologna in un giorno: dalla colazione alla cena guida rapida alla città

Bologna in un giorno: dalla colazione alla cena guida rapida alla città. Siete a Bologna di passaggio e volete qualche indicazione su quei locali dove bere un caffè, mangiare un piatto …

9 Comments

  1. Romano
    settembre 01, 09:28 Reply

    Assolutamente da evitare. Siamo stati ieri e noi come tanti altri tavoli siamo stati costretti ad abbandonare il locale dopo un attesa di oltre un ora senza aver visto nessun piatto arrivare. La capacita della cucina e' assolutamente inadeguata, per stessa amissione dei camerieri, a soddisfare il numero dei coperti del locale. I proprietari non curanti ed ingordi hanno voluto lasciare comunque tanti coperti fuori o dentro con la presunzione malposta che il successo di Primo giustifichi tutto a danno dei clienti

  2. vale
    settembre 01, 09:52 Reply

    di chic ha molto poco…nel cortile di ingresso del ristorante ci sono anche i giochi per bambini, il che fa un po' autogrill o mcdonald…. però dentro é carino e piacevole. La cucina sembra essere buona, peccato non averla provata. Dopo tre ore che eravamo seduti, infatti, non abbiamo ricevuto nemmeno l'antipasto ordinato (semplici bruschette, niente di impegnativo…) e abbiamo deciso di andare via. Il ristorante era pieno e il personale completamente nel pallone. Bisogna riconoscere almeno la cortesia di non averci voluto fare pagare le due bottiglie di vino prese

  3. akari
    settembre 03, 21:00 Reply

    Sarà che ancora sono in rodaggio ma per me assolutamente una pessima esperienza, seduti alle 13 e alzati alle 16:30 e non per nostro piacere. 
    Siamo andati con i bambini che hanno cercato di servire con una certa solerzia (solo 45 minuti di attesa…) e che poi grazie ai giochi esterni hanno passato il tempo.
    Noi altri, una tavolata di 10 persone, abbiamo atteso tra l'antipasto e il secondo – semplici hamburger serviti con solo pane, patatine o contorno a parte- quasi 2 ore. Il motivo era che avevano finito gli hamburger e dovevano prepararne di nuovi, ma nessuno è venuto ad avvisarci di questo insignificante contrattempo, abbiamo dovuto chiedere spiegazioni noi ai frettolosi camerieri gentili si ma superoberati.
    Porzioni di dessert microscopiche e incomplete: cheese-cake guarnita con 3 miseri mirtilli e molto salata, torta caprese servita solitaria su un piatto decisamente troppo asciutta.
    Conto di 400 e passa euro con sconto di 16 euro per venirci incontro dato il disagio delle 2 ore di attesa…
    Da evitare!

  4. lorenzo
    settembre 04, 12:35 Reply

    Come per quanti hanno commentato, il mio giudizio è pessimo, non ho idea della qualità del cibo perché arrivato con prenotazione alle 21.10 sono andato via alle 23.45 senza aver neanche assaggiato uno dei piatti ordinati… la cosa che più ha dato fastidio è stata la completa e totale assenza di giutificazione del personale e dei proprietari che solo dopo ripetute lamentele si sono palesati per giustificarsi con una frase ridicola "la cucina è in tilt perché siete arrivati tutti assieme!", camerieri nel pallone che discutevano tra di loro ed epica la risposta della cameriera alle nostre domande sul menu (80% di piatti di carne) che è stata "non so che dirvi io sono vegetariana"…. l'unico piatto arrivato al tavolo dalla cameriera vegetariana è stato poi sottratto da un altro cameriere perché spettava ad altri clienti… insomma la cena delle beffe! spero per loro che questo rodaggio (di cui abbiamo fatto le spese noi clienti) possa essere per loro d'aiuto anche se temo sia impossibile partire da -10 ed arrivare ad una sufficienze. PESSIMO

  5. Francesco
    settembre 04, 20:51 Reply

    Cominciamo dalla carta dei vini che dovrebbe presentare il locale …se si riuscisse a leggere sarebbe un miracolo. E' brutta poco invitante e assolutamente disordinata… Infatti la gente non sembra gradire e nessuno beve vino…
    adiamo al servizio una sola parola:  disastroso ! Mai visto un servizio così scadente ….disordinato e poco sincronizzato con portate che arrivano random e neppure richieste….
    e passiamo ad alcuni piatti… Il rosti fa schifo, intriso d'olio … Gli amburgher crudi e ovviamente non viene tenuto conto delle richieste dei clienti…
    io ho scelto una buttata con dello sgombro … Lo sgombro è praticamente quello che si trova al discount… La burrata questi non sanno neppure cosa sia… sul menù sta scritto burrata ma poi un cameriere ha ammesso essere "stracciatella"…
    Insomma da evitare esperienza pessima!
    Appare chiaro che questi sono dilettanti allo sbaraglio! 
    Ed e' un peccato che qui non si possono postare le foto dei piatti che sono arrivati… 
    evitatelo se volete passare una serata piacevole e non tornare a casa profondamente delusi ma con una consapevolezza : adesso avete assaggiato il peggio della cucina dilettantesca! 

  6. Danny
    settembre 09, 13:53 Reply

    Imbarazzante sotto ogni punto di vista, cibo mediocre e banale, servizio completamente disorganizzato e scortese. Inaccettabile il discorso del rodaggio: se non sei pronto non apri, non ne possono fare le spese i clienti. Ed ancora più grave che accada per mano di seri professionisti.

  7. Armando D'Asdia
    settembre 17, 14:15 Reply

     
    Buona l’idea di recuperare uno spazio per una ristorazione per tutte le tasche ma di qualità, con un occhio alle famiglie con bimbi. Locali interni molto belli, spazio esterno ampio e originale (campo bocce, area giochi per i bambini e orto) ma ancora un po’ spoglio e solo parzialmente vivibile d’estate. Gran folla. Punti dolenti: ho provato il brunch domenicale, 20 euro bevande escluse per mangiare come in un qualsiasi self service, cioè assai maluccio. Servizio  un po’ caotico ma gentile, con l’eccezione della nazista messa a guardia del buffet con l’unico compito – assolto con uno zelo degno di miglior causa – di assicurarsi che nessuno prendesse una fetta di dolce in più. Da riprovare ordinando alla carta, ma temo una seconda delusione. 

Leave a Reply