La Cannonata della Pasticceria Antonini / Cento cose da mangiare a Roma

  • La Cannonata della Pasticceria Antonini / Cento cose da mangiare a Roma

La Cannonata della Pasticceria Antonini / Cento cose da mangiare a Roma 8. Prima di Instagram, molto prima dei social, persino prima della televisione, c’era lui: Antonini. Il Signor Giuseppe Antonini, famoso anche per aver lavorato a corte, cominciò con una timida vetrina nel 1927, poi 2, poi 3, poi boom. Era il 1965: gli Antonini avevano cucinato per le maestranze del quartiere Prati e vivevano il vero “boom” economico che attraversava l’Italia.

Cento cose da mangiare a Roma / 8

Proprio da questo nasceva il nome “Cannonata”, vera ricetta iconica di questo indirizzo, fatta “solo”, se solo si può dire, con Pan di Spagna, cioccolato fondente, liquore e zabaione. Quello zabaione così buono, da essere quasi il marchio di fabbrica di Antonini. Come i veri vip, quelli molto numerosi che passano da qui e si innamorano della vetrina, la Cannonata ha nomi e soprannomi. La chiamano anche Tetta Nera o Cappello del Prete, la mangiano col cucchiaino, in torta e in monoporzione, a casa o ai tavoli di Via Sabotino, nel giorno del Signore per il pranzo della domenica. Diventa pure un “trabucos” ovvero un semifreddo avvolto in una cialda e ricoperto di cioccolato. Diventa un gusto di gelato. Diventa una ricetta da scopiazzare. Cosa non è quella Cannonata!

Nel frattempo qui dentro cambia tutto: gli Antonini si succedono, il locale si rinnova, si fa più brillante, elegante e spazioso, ci sono i tavoli anche dentro, ci sono gli aperitivi, c’è un nuovo logo, c’è Nanni Moretti che viene a girare un film, ci sarà anche un negozio per i prodotti a marchio, c’è Maurizio Antonini a raccontare questa storia formidabile. E poi c’è lei, la Cannonata, che non è cambiata di una virgola, ed è buona come la prima volta. Forse pure di più.

Nome: Cannonata
Di: Pasticceria Antonini
Dove mangiarlo: Via Sabotino, 19, 00195 Roma RM
Prezzo: 25 euro (torta da 4/5 porzioni)
Per chi ama: tradizione, anni ’80, liquore, Gemelle Kessler

Leggi anche
Cento cose da mangiare a Roma 1: L’anatra arrosto di Jacopa
Cento cose da mangiare a Roma 2: Il tiramisù di Zum
Cento cose da mangiare a Roma 3: Il Panino di Xi’an del Lamian Bar
Cento cose da mangiare a Roma 4: Lo Snickers di Charlotte di Claudia Martelloni
Cento cose da mangiare a Roma 5: Gli gnocchi di Michele De Chirico di Epiro 

Cento cose da mangiare a Roma 6Le fettuccine porro, limone e parmigiano di Barred 
Cento cose da mangiare a Roma 7: Lo spaghetto di patate, burro e alici di Bistrot 64 di Kotaro Noda 

About author

You might also like

Biblos Fregene, la pizza (in teglia) di Stefano Callegari arriva nello storico bar pasticceria del litorale romano

Biblos Fregene. Tel. 06 86660666. Biblos o Biblo’s bar è la pasticceria e gelateria storica di Fregene che ha animato fino a qualche anno fa il litorale romano con aperitivi e …

Bucolica Roma, ciambelle dolci artigianali al mercato rionale di Monteverde

Bucolica Roma, Monteverde. Dolci ciambelle cotte al forno e preparate artigianalmente con ingredienti biologici. Dopo alcuni mesi di rodaggio, sabato 17 settembre sarà inaugurata la prima ciambelleria artigianale di Roma. L’appuntamento è alle …

Classifiche 0 Comments

I migliori panettoni artigianali a Roma, Natale 2018: dieci forni e pasticcerie

I migliori panettoni artigianali a Roma, Natale 2018. La sua origine è antica e la sua preparazione è tra le più lunghe della pasticceria italiana. Di fronte a un curriculum …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply