Nutella Biscuits introvabili, ecco perché sono spariti i biscotti della Ferrero

Nutella Biscuits introvabili, ecco perché sono spariti i biscotti della Ferrero

Nutella Biscuits introvabili, ecco sono spariti i biscotti della Ferrero. Di fronte a una mania collettiva, a un improvviso delirio che rovescia sulla rete centinaia di migliaia di tweet e di instagram, di fronte a un’esplosione di desiderio compulsivo, si può rispondere in due modi. Dicendo che è una follia insensata, perché si tratta di normalissimi biscotti con la nutella, nulla di speciale. La solita vecchia Nutella, che magari facciamo a meno di mangiare da anni, e non solo per questioni di salute. Oppure, seconda modalità di reazione: possiamo dire che non è la prima e non sarà l’ultima volta che un marketing accorto, un prodotto azzeccato e la viralità del nuovo mondo iperconnesso producono un fenomeno del genere. E quindi ce ne dobbiamo e possiamo fare una ragione.

Leggi anche: la risposta della Ferrero con i nuovi Biscocrema Pan di Stelle

Nel dubbio, chi volesse provare i Nutella Biscuits attualmente farebbe fatica a trovarli. Il primo sospetto è legittimo: la Ferrero ne avrebbe distribuito una quantità limitata per creare il fenomeno dell’accaparramento. Un po’ come succede nei locali notturni, quando fuori c’è la coda e dentro non c’è nessuno. O come si dice che abbia fatto Grom. Leggendo il Corriere della Sera, c’è una dichiarazione di Giorgio Santambrogio, presidente di Distribuzione Moderna Adm, che spiega: “È un prodotto che ha superato le previsioni”. Poi aggiunge: “Sono convinto che non sia una precisa strategia di marketing perché non conviene all’azienda, dato che creerebbe tensioni con la rete dei punti vendita, e produrrebbe solo un danno all’azienda”.

Ah sì? Viene un po’ da dubitarne, visto che era evidente il successo che avrebbero avuto i Nutella Biscuits e il lancio è allo studio da anni. Non aiuta leggere le dichiarazioni di Giovanni Ferrero, amministratore delegato del gruppo. In una prima frase al Corrier dice: “Le vendite dei Nutella Biscuits stanno andando bene, secondo le aspettative”. E, dunque, se le aspettative erano quelle, che senso aveva produrne e distribuirne così pochi? Ma il Corriere conclude smentendo se stesso e citando una frase pronunciata da Ferrero a margine dell’inaugurazione del campus Bocconi: “L’operazione sta andando al di là delle aspettative”. E dunque perché i Nutella Biscuit sono introvabili? Il dubbio di un razionamento ad arte resta tutto.

About author

You might also like

Dimenticate i vini naturali, ecco i vini artigianali di Castagno, Gravina e Rizzari

Vini artigianali italiani, di Armando Castagno, Giampaolo Gravina e Fabio Rizzari. Da qualche tempo, trovo sempre più insopportabile la frase standard: “A me non piacciono i vini naturali“. Tic (sotto)culturale …

Ristoranti della Lombardia chiusi a cena, il decreto per coronavirus decide il coprifuoco alle 18 (anche per 14 province)

Ristoranti della Lombardia chiusi a cena, il decreto per coronavirus decide il coprifuoco alle 18 (anche per 14 province) dall’8 marzo fino al 3 aprile. Sempre più draconiane e drastiche …

Perdere le stelle, vietare il terzo bicchiere, sovranizzare il pinot grigio – Er Murena in punta di forcone

Il sovranismo del “vero” pinot grigio” Di “sovranisti” non se ne può più. Di loro, ma anche della parola, che dilaga come la gramigna. Fermiamoci un attimo: non c’è un …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply