Menabò Vino e Cucina Roma, trattoria ed enoteca da provare a Centocelle

Menabò Vino e Cucina Roma, trattoria ed enoteca da provare a Centocelle

Menabò Vino e Cucina Roma. La formula della trattoria perfetta non l’ha ancora inventata nessuno. E per fortuna, diciamo noi. Perché altrimenti avremo una serie di locali tutti uguali e standardizzati. Ma si può lavorare per approssimazione, cercando di rispettare alcuni requisiti base: una cucina solida e di territorio, senza tocchi inutilmente gourmet ma anche senza sciatterie; un ambiente spartano ma non spoglio e triste; un’accoglienza non affidata a ragazzotti che turnano vorticosamente e non sanno quello che servono ma a personale che fa parte del locale, appassionati e competenti; infine prezzi ragionevoli. Ecco, Menabò Vino e Cucina non sarà ancora la trattoria perfetta, ma è di gran lunga una delle migliori aperture dell’anno.

Menabò Vini e Cucina Roma scaffali

Con il bonus di arricchire il panorama di un quartiere periferico in movimento, Centocelle (l’illustre vicino è Mazzo)

daniele camponeschi menabò roma

L’idea è di due fratelli, che si spartiscono cucina e sala. Paolo Camponeschi sta ai fornelli mentre il fratello Daniele (nella foto) – che è stato cuoco, prima di dedicarsi completamente ai vini, di cui è grande appassionato e conoscitore – accoglie i clienti.

Menabò Vini e Cucina Roma interni

C’è un’unica sala molto spaziosa, con un pavimento di graniglia che risale agli anni ’60. L’arredamento è minimale e senza nessuna pretesa di modernità. C’è una grande lavagna con i vini, uno specchio e sulle altre due pareti scaffali nudi con bottiglie di vino. Molte delle quali, ma non solo, di impronta naturale. Non mancano oggetti di modernariato, dalla macchina per scrivere alle macchinine antiche.

menabò vini e cucina roma menu e prezzi

Il menu è essenziale e cambia spesso. Viene portato al tavolo su una grande lavagna. E contempla piatti come il fegato con cipolla rossa (8 euro), i bucatini ‘nduja, broccolo e mollica (10), trippa alla romana, menta e pecorino (10 euro) e la padellaccia di maiale, con cavolfiori e patate (13). Da non perdere la genovese.

E ancora shishkebab di agnello, confortevoli quadrucci in brodo (9 euro) e questi ottimi spaghetti ajo e ojo, cime di rapa e totani (che si accompagna a una Barbera Rapp, non a caso, di Rocco di Carpeneto)

Menabò Vini e Cucina Roma macco di fave cime di rapa e ricotta di pecora

Ottimo questo macco di fave, cime di rapa e una ricotta di pecora che risveglia i sensi. Da non perdere anche i dolci, che sono preparati da Daniele.

Quanto ai vini, c’è un panorama ampio. Non solo vini italiani, ma anche francesi glou glou e “tedescherie” (“ben oltre il sandalo con i calzini”, scherza Daniele)

Menabò Vino e Cucina, via delle Palme 44 d, tel 06 86937299. Chiuso lunedì

About author

You might also like

Feria sul tetto del Lanificio 159 Roma, torna l’aperitivo con fritti e bbq che annuncia l’estate

Feria sul tetto Roma al Lanificio 159. Siamo ancora lontani dalla rovente estate in città, ma il caldo di domenica vi ha fatto venire voglia di aperitivi in terrazza e …

Eventi 0 Comments

Il Lazio dell’extravergine a Palatium

Continuano gli appuntamenti all'Enoteca Palatium, questo mese  protagonista indiscusso è  l'olio extravergine di produzione laziale. Puntarella Rossa, insieme all' agenzia regionale Arsial, ad Uliveti Lazio e al Gambero Rosso sono …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply