Bu:r Milano, le “suggestioni” dello stellato Eugenio Boer nel nuovo locale in zona Santa Sofia

Bu:r Milano, le “suggestioni” dello stellato Eugenio Boer nel nuovo locale in zona Santa Sofia

Bu:r. Milano. Tel. 02 62065383 La prima cosa che faccio quando apro il mio ristorante è togliere la carta. Lo dico da sempre”. Ed effettivamente l’ha fatto, Eugenio Boer, adesso che ha aperto il suo locale all’angolo tra via Francesco d’Assisi e via Mercalli in zona Santa Sofia. Nella nuova apertura dello chef stellato carta non esiste, esistono le otto suggestioni: il Viaggio, la Taverna SantoPalato, Waste don’t Waste, Nino Bergese, Think Green, Il Mare, i Miei Classici e La Cuisine du marché. I concetti cambiano periodicamente e danno lo spunto per un percorso di degustazione ideato dallo chef italo-olandese che genera un numero di piatti variabile, da commentare tra commensali e con l’autore stesso.

Buur Milano

Credits: Marco Varoli

Il prezzo è variabile, a seconda del numero di suggestione che il cliente sceglie: 65 euro per due, 90 per tre e 120 per tre. Il senso dell’idea dei percorsi è dare al cliente la possibilità di affidarsi completamente allo chef. “Volevo lasciare un senso di scoperta nel cliente, non relegarlo a una scelta limitata ai piatti della lista”, spiega Boer.

Nel progetto, comunque, rimane tanto dell’identità doppia, divisa tra Italia e Olanda, di Boer. “Della mia infanzia c’è tanto. Quando ero piccolo a dettar legge erano i francesi: nella mia cifra stilistica quest’impronta è rimasta, non c’è dubbio“. È la contaminazione la forza di Boer, dovuta  al viaggio, e alle ispirazioni che ha raccolto nelle esperienze in tutto il mondo che hanno segnato la sua vita e il suo lavoro: dall’Olanda alla Sicilia all’Osteria dei Vespri, passando per la Liguria del Pescador e della S. Anna. Poi ancora Siena, Alto Adige e il debutto a Milano con Enocratia e Fishbar insieme a Stefano Saturnino. “Io le radici che definiscono il mio lavoro, non avendole avute, le cerco negli altri. Ascolto quello che mi dice la gente, lo assorbo e lo ributto nei piatti, sono associazioni di idee che non hanno un senso in assoluto, solo un senso logico-gustativo“.

Buur Milano

Credits: Marco Varoli

Ora Boer può sperimentare come preferisce, forte della sua stella e libero di gestire il proprio locale, il regalo che si è fatto per il suoi primi quarant’anni. Il riconoscimento di Michelin lo aveva avuto alla guida della cucina di Essenza, che ha lasciato alla fine del 2017.

Il nuovo ristorante è stato disegnato in collaborazione con l’architetto Mario Abruzzese e sembra più il salotto di casa Boer che un ristorante: a dar luce sono tre grandi vetrate, che illuminano un ambiente in cui dominano i colori caldi. Per terra, la moquette senape supporta i colori più scuri, sul mattone e terra di Siena, del resto del locale, ingrandito dallo specchio a parete sul fondo dell’ambiente. I coperti son pochi, 32, in un’atmosfera intima e raccolta.

[Bu:r], via Mercalli ang. via S. F. D’Assisi, tel. 02 62065383

About author

You might also like

Apre a Milano Turbigo, il ristorante senza orari con il menu playlist: plumcake e linguine alle vongole

Turbigo Una casa di ringhiera in stile vecchia Milano, un giovane chef napoletano e un menu eclettico che spazia, a seconda degli orari, dal plumcake alle linguine con vongole e …

Recensioni 0 Comments

Let’s Wok Milano, piatti da comporre in libertà nel nuovo ristorante asiatico gourmet di Porta Venezia

Let’s Wok Milano. Mi sarà certamente capitato, visitando qualche metropoli europea, di rifugiarvi, per curiosità o per il poco tempo, in uno di quei curiosi corner fusion in cui il …

Taste of Milano 2018, il meglio della ristorazione per quattro giorni al The Mall in Porta Nuova

Taste of Milano 2018. Dodici tra i migliori ristoranti e chef della città si ritroveranno per quattro giorni – dal 10 al 13 maggio prossimi – al The Mall in …