Bu:r Milano, le “suggestioni” dello stellato Eugenio Boer nel nuovo locale in zona Santa Sofia

Bu:r Milano, le “suggestioni” dello stellato Eugenio Boer nel nuovo locale in zona Santa Sofia

Bu:r. Milano. Tel. 02 62065383 La prima cosa che faccio quando apro il mio ristorante è togliere la carta. Lo dico da sempre”. Ed effettivamente l’ha fatto, Eugenio Boer, adesso che ha aperto il suo locale all’angolo tra via Francesco d’Assisi e via Mercalli in zona Santa Sofia. Nella nuova apertura dello chef stellato carta non esiste, esistono le otto suggestioni: il Viaggio, la Taverna SantoPalato, Waste don’t Waste, Nino Bergese, Think Green, Il Mare, i Miei Classici e La Cuisine du marché. I concetti cambiano periodicamente e danno lo spunto per un percorso di degustazione ideato dallo chef italo-olandese che genera un numero di piatti variabile, da commentare tra commensali e con l’autore stesso.

Buur Milano

Credits: Marco Varoli

Il prezzo è variabile, a seconda del numero di suggestione che il cliente sceglie: 65 euro per due, 90 per tre e 120 per tre. Il senso dell’idea dei percorsi è dare al cliente la possibilità di affidarsi completamente allo chef. “Volevo lasciare un senso di scoperta nel cliente, non relegarlo a una scelta limitata ai piatti della lista”, spiega Boer.

Nel progetto, comunque, rimane tanto dell’identità doppia, divisa tra Italia e Olanda, di Boer. “Della mia infanzia c’è tanto. Quando ero piccolo a dettar legge erano i francesi: nella mia cifra stilistica quest’impronta è rimasta, non c’è dubbio“. È la contaminazione la forza di Boer, dovuta  al viaggio, e alle ispirazioni che ha raccolto nelle esperienze in tutto il mondo che hanno segnato la sua vita e il suo lavoro: dall’Olanda alla Sicilia all’Osteria dei Vespri, passando per la Liguria del Pescador e della S. Anna. Poi ancora Siena, Alto Adige e il debutto a Milano con Enocratia e Fishbar insieme a Stefano Saturnino. “Io le radici che definiscono il mio lavoro, non avendole avute, le cerco negli altri. Ascolto quello che mi dice la gente, lo assorbo e lo ributto nei piatti, sono associazioni di idee che non hanno un senso in assoluto, solo un senso logico-gustativo“.

Buur Milano

Credits: Marco Varoli

Ora Boer può sperimentare come preferisce, forte della sua stella e libero di gestire il proprio locale, il regalo che si è fatto per il suoi primi quarant’anni. Il riconoscimento di Michelin lo aveva avuto alla guida della cucina di Essenza, che ha lasciato alla fine del 2017.

Il nuovo ristorante è stato disegnato in collaborazione con l’architetto Mario Abruzzese e sembra più il salotto di casa Boer che un ristorante: a dar luce sono tre grandi vetrate, che illuminano un ambiente in cui dominano i colori caldi. Per terra, la moquette senape supporta i colori più scuri, sul mattone e terra di Siena, del resto del locale, ingrandito dallo specchio a parete sul fondo dell’ambiente. I coperti son pochi, 32, in un’atmosfera intima e raccolta.

[Bu:r], via Mercalli ang. via S. F. D’Assisi, tel. 02 62065383

About author

You might also like

Hygge Milano, la coffee house in zona Sant’Ambrogio: un angolo dove ritornare

Hygge Milano, Tel. 342 182 1955  zona Sant’Agostino/Sant’Ambrogio. Con Hygge la città di Milano perde la sua ricerca convulsa d’ essere internazionale e, forse, lo diventa davvero. La rivoluzione sta nel …

Lovster & Co a Milano: a pranzo e cena lobster roll e astice in salsa italiana

Lovster & Co a Milano. In via Caretto 4, a due passi dalla Stazione Centrale di Milano, ha aperto da poco questo ristorante per gustare un lobster roll o uno spaghetto con l’astice …

Frie’n’Fuie & VesYouVio Milano, street food e fritti campani

Frie’n’Fuie & VesYouVio Milano. Nuova sede nella centrale via Albricci 10 sotto la torre Velasca per Frie’n’Fuie Milano, ristorante specializzato in street food d’alta gamma e fritti campani, che si …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply