Cefalù Bistrò di pesce, Enoteca Verso, Tramonti e Muffati: Er Murena in punta di forcone

Cefalù Bistrò di pesce, Enoteca Verso, Tramonti e Muffati: Er Murena in punta di forcone

Cefalù Bistrò di pesce, Enoteca Verso e Tramonti e MuffatiEr Murena in punta di forcone.

Cefalù Bistrò di pesce

 

Ha aperto da una manciata di giorni e già gli abitanti del quartiere temono di vedersi rovinata la piazza. Sì, perché a quanto raccontano (sottovoce) i residenti di Monteverde Vecchio, da Cefalù Bistrot si mangia pesce freschissimo, cucinato a regola d’arte e a prezzi (quasi) popolari. Venti euro o poco più per antipasto, primo e secondo a base di vongole, polpo, tonno appena scottato e altre prelibatezze di mare. Vino e dessert compresi. Possibile? Prima di verificare di persona con un blitz a sorpresa in via dei Quattro Venti, vi diamo conto di una voce: nel locale sarebbe coinvolto il faccendiere Walter Lavitola, l’amico di Berlusconi finito in grossi guai giudiziari. Leggenda metropolitana? Lo scopriremo solo mangiando.

Enoteca Verso

Aprire un locale che funzioni è sempre un’impresa complicata. Per quanto ti ingegni a fare del tuo meglio, c’è sempre qualcosa che non va. Prendi l’enoteca Verso, aperta da poco a San Giovanni. Un buon menu, una buona carta dei vini. Gente preparata, simpatica, in una zona che aveva bisogno di un’enoteca di qualità. Però poi ti siedi e per tutta la serata la colonna sonora è fatta di vecchie canzoni italiane: il Cielo in una stanza, il Cielo è sempre più blu, Samarcanda. E poi Venditti, Guccini (Vedi Cara!). Per carità, rispettabilissimi cantautori, alcuni veri geni della canzone. Ma l’effetto è straniante. Che ci azzeccano queste canzoni da Radio Italia solo musica italiana con questa enoteca moderna? E’ come sentire Ghali all’Obitorio, Wagner all’Hard Rock Caffè, Coez da Roscioli.

Tramonti e Muffati

In questa piccola e calorosa enoteca di quartiere, ti accoglie invece una musica classica avvolgente, perfettamente in linea con le bottiglie placidamente posate sugli scaffali, con la grazia d’altri tempi, da un oste perfetto. Per dirla con Guccini, visto che l’abbiamo citato, “ci dà un piacere assurdo la sua antica cortesia”. Niente di affettato, di invadente. Due parole sul salame al Barolo, sul Castelmagno, su Agricoltura nuova. Poi, prima di allontanarsi dal tavolo, solo tre parole: “Torno quanto prima“. Anche noi, caro amico, torniamo quanto prima.

About author

You might also like

Mercerie High Street Food a Roma, da settembre il cibo di strada diventa stellato con lo chef Igles Corelli

Mercerie High Street Food Roma, Largo Argentina. L’appuntamento è previsto per la fine del mese di settembre in Largo Argentina, a Roma. Stiamo parlando dell’apertura del primo locale del brand Mercerie, “high …

Recensioni 0 Comments

Moggio Roma, l’enoteca con cucina al Quadraro con vini naturali, formaggi e salumi a km0

Moggio Roma, enoteca con cucina al Quadraro. Tel. 328 011 8337 A settembre 2017 fa capolino al Quadraro Moggio, vineria con giardino esterno che si concentra sui vini biologici e materie prime …

1 Comment

  1. aguirre_it
    gennaio 15, 16:38 Reply

    A proposito del bistrot CEFALU’ a Via dei 4 venti. Non è una leggenda metropolitana, Lavitola l’ho visto 2 volte su due che ci sono entrato. Confermo che il pesce che vendono è freschissimo e che i prodotti take away che ho preso sono ottimi, cucinati a vista e a un prezzo accettabilissimo per la qualità offerta

Leave a Reply