Eataly street food 4 / La piadineria

La piadineria dei Fratelli Maioli, Eataly Roma

Direttamente da Cervia e con alle spalle quattro generazioni di piadinari, i fratelli Maioli mi hanno ricordato che cosa significhi mangiare una buona piadina. Preparata espressa, bella consistente (eppure leggera sullo stomaco), croccantina e profumata. Ho provato un classico: prosciutto crudo, squacquerone e rucola. Il prosciutto si scioglie in bocca, la piadina ha quella crosticina ricca, appena venata dall’amarognolo della pasta abbrustolita, la rucola e lo squacquerone rinfrescano e amalgamano il tutto.Anche i crescioni meritano un assaggio, ma beware! L’interno è come lava, specialmente per quanto riguarda quello ripieno di salsiccia piccante, pomodoro e mozzarella. Non siate ingordi e aspettate cinque minuti. Oppure, meglio ancora, munitevi di coltello e forchetta e mangiatelo al piatto.

I voti di Puntarella: 7,5. Ingredienti meravigliosi e personale altrettanto

Altri pezzi su Eataly

La cacio e pepe del ristorante Italia – Agrette Sauvage

Eataly Roma: a me piace (anche se) – Chiara Patrizia De Francisci

Eataly Roma: la friggitoria – Chiara Patrizia De Francisci

Eataly Roma: la gelateria Laìt – Chiara Patrizia De Francisci

5 Commenti

  1. Ho provato questo ristorante mercoledì e sono pienamente d'accordo con la recensione. Vorrei chiedere a Puntarella Rossa se secondo Lei i Romani hanno capito cosa è Eataly e la sua filosofia sia commerciale sia sul cibo o pensano che sia il solito centro commerciale e si comporteranno di conseguenza e così facendo rovineranno Eataly. Magari anche un articolo sui clienti Romani del fine settimana sarebbe interessante, anche loro fanno il locale e il cibo.Grazie.

  2. concordo pienamente sul commento alla piadina. Molto meno su quello a Lait, ma è questione di gusti. Sto frequentando dei corsi da eataly e così mi ci ritrovo anche due volte la settimana: la folla continua ad essere tanta ed anche un certo caos. Personalmente amo molto questa esperienza e mi piaceva già a Torino…è probabile che l'atmosfera romana tenda ad imbastardire un pò la cosa, ma è inevitabile. E sicuramente esiste una contaminazione anche da Eataly a New York

  3. Questa recensione mi dà la voglia di riprovarla. Io ci sono stato un sabato poco dopo l'apertura di eataly e purtroppo, nonostante la simpatia e velocità nel servizio, la piadina mi era apparsa più asciutta che fragrante e anche piuttosto pesante. Io avevo provato salame cotto e capperi e senza la birra di ordinanza faticava a scendere. Gli darò sicuramente una seconda possibilità.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*