Nuove aperture a Milano ottobre 2022, dal pastificio Ratanà a Horto, da Señorío a Caciara

Caciara Milano

Nuove aperture a Milano ottobre 2022. Come ogni mese eccoci a raccontare i nuovi ristoranti del capoluogo meneghino, a testimoniare come Milano resti sempre un luogo che apre le sue porte a chi ha idee nuove, che siano frutto di un ritorno alle origini come il Pastificio Ratanà, che punta sulla pasta fresca stesa come una volta e ricette che raccontano la cucina dello stivale, dai culurgiones all’ossobuco, ma anche a chi decide di creare progetti che rendano la coesione tra cucina ed etica un fatto concreto come Alimenta Café, che da Benevento è sbarcato a Milano con prodotti tipici e specialità da consumare in loco o take-away facendo lavorare all’interno del locale e dell’intera filiera produttiva persona appartenenti a categoria svantaggiate.

Spazio anche ai dolci, con i fratelli Moschella che portano a Milano la loro innovativa idea di pasticceria, che grazie all’aiuto di nuove tecnologie riesce a rispettare una catena del freddo in grado di garantire sempre prodotti di qualità; ci spostiamo in Spagna con Señorío, ristorante spagnolo che grazie a una proposta 100% iberica, dalle materie prime ai vini, promette di portare i suoi clienti a Madrid. Anche a Porta Venezia arriva un ventaglia di novità con Caciara, locale ispirato al futurismo che propone la tradizione verace italiana in un’atmosfera allegra e informale; infine, dopo tanta attesa, Horto di chef Norbert Niederkofler, altoatesino, pluristellato e da sempre in prima linea per il rispetto dell’etica e dell’ambiente ha aperto le sue porte, regalando ai milanesi un locale arredato con materiali di recupero e con una cucina creata a partire da materie prime non distanti più di un’ora dalla Madonnina.

E tra le ultime ore, c’è da segnalare una novità di cui si parlerà molto nei prossimi mesi: è in arrivo il nuovo locale di Nusret, il cuoco-macellaio turco che sta sbancando nel mondo con le sue steak house di lusso. Ne ha in 22 Paesi del mondo e il prossimo è l’Italia. Anzi, Milano. Anzi, via Piero della Francesca, come anticipa il solitamente bene informato Dominique Antognoni.

Infine, un articolo a parte per l’Osteria delle Coppelle, che nascerà a fine ottobre in via Solferino: lo trovate qui.

Qui invece trovate le nuove aperture a Milano di settembre 2022

Seguici su Instagram!

Nuove aperture a Milano ottobre 2022

Pastificio Ratanà – Isola 

Pasta fresca pastificio Ratanà Milano

Nuova creazione firmata Cesare Battisti, Pastificio Ratanà promette di essere quella buona bottega di quartiere dove si comprano pasta fresca, mondeghili, ossobuchi ma anche piccola gastronomia da asporto che propone specialità di tutto lo stivale. La piccola vetrina di via Pastrengo, a soli 400 metri dal Ratanà, gioca sui toni dell’azzurro, omaggio ai pastifici milanesi degli anni ’50, anche se non mancano elementi naturali come ferro e legno per evidenziare il ruolo chiave della sostenibilità, dal momento che tutto il locale è assolutamente plastic free a favore di carta alimentare e vaschette di carta riciclata. Ogni giorno potrete trovare fettuccine, tagliatelle, tortellini, tagliolini, ravioli e reginette, impastati da Francesca Guastella, romana, con precedenti esperienze al Pastificio Irma. Tra le specialità della gastronomia sicuramente menzioniamo i culurgiones alla milanese, con zafferano di San Gavino all’interno della pasta fresca e ripieni di ossobuco, midollo e gremolada, ma anche la parmigiana di melanzane, il vitello tonnato, le polpette al sugo e molte altre specialità. 

Pastificio Ratanà, via Pastrengo, 2, Milano; Tel. 02 5812 5719; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.30, chiuso la domenica e il lunedì mattina 

Alimenta Café – Buonarroti 

Alimenta Café Milano

Alimenta Café è un progetto che nasce a Benevento con una forte impronta sociale, dato che i lavoratori coinvolti, dalla filiera produttiva al servizio, sono perlopiù appartenenti a categorie svantaggiate, come migranti, disabili, fragili e persone sottoposte a misure alternative alla detenzione, proprio in virtù di normalizzare una modalità di lavoro inclusiva all’interno del mercato. Il locale si presenta sia come bottega di quartiere dove acquistare prodotti tipici del beneventano come olio, vino, pomodori, pasta di grano duro e altre specialità sia come bar, con un occhio di riguardo verso il caffè speciality, dato che qui si beve il LotZero, proveniente da una filiera etica. E’ inoltre possibile assaggiare panini gourmet come l’Original Club Sandwich, con petto di pollo, bacon, uova, pomodori, lattuga e maionese (8,50 euro) ma anche Tartare di gambero rosso, scorza di arancia, lime e sale maldon (9 euro), taglieri di salumi e formaggi (10-20 euro) e diversi vini (prezzo al calice a partire da 5 euro). Non mancano ottimi biscotti e dolci artigianali.

Alimenta Café, via Tiziano, 13, Milano; Tel. 02 3669 2944; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.30, domenica aperto dalle 8 alle 14

Horto – Cordusio

Horto Cordusio Milano

Dopo mesi di attesa a settembre Horto ha aperto i suoi battenti, accogliendo i suoi ospiti in un locale dove regna la filosofia zero waste, dagli arredi interamente ricavati da materiali di recupero fino alle materie prime, selezionate tra produttori che non distano più di un’ora da Milano. La mente dietro a questo progetto è quella dello chef pluristellato altoatesino Norbert Niederkofler, che coadiuvato dall’executive chef Alberto Toè ha scelto di portare nel cuore di Milano, tra i palazzi eleganti del centro storico, un posto che raccontasse l’importanza del rapporto tra uomo e natura. I due menu proposti per la cena sono rispettivamente da 145 euro per 5 portate e 195 per 7 portate, mentre a pranzo sarà possibile accomodarsi da Sole, il bistrot di Horto, dove con 50 euro vengono portati un piatto a scelta dal menu serale accompagnato da insalata, acqua e caffè.

Horto, via San Protaso, 5, Milano; Tel. 02 36517496; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni, chiuso la domenica

Pasticceria Moschella – Sempione 

Interni Pasticceria Moschella Milano

Da fine settembre i fratelli Moschella hanno aperto a Milano la loro nuova pasticceria, secondo punto vendita dopo quello di casa a Nerviano. Il format ideato da Nicolò, pastry chef, e Christopher, che si occupa del lato imprenditoriale, si basa una catena del freddo che grazie a tecniche moderne riesce a garantire un prodotto sempre freschissimo e adatto al trasporto, motivo per cui i loro dolci sono disponibili in numerosi ristoranti del centro e del nord Italia. La varietà è ampia, si passa da monoporzioni come il Bacio Siciliano, con Crema bavarese al pistacchio, caramello salato e copertura di cioccolato al latte (5 euro) a mignon, lievitati, semifreddi, prodotti da forno anche gluten free come la Torta Caprese (20 euro) fino a cioccolato, torroni, creme e confetture homemade. E’ inoltre possibile acquistare dei vini da dolce in abbinamento.

Pasticceria Moschella, via Losanna, 26, Milano; Tel. 391 115 1343; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 20, martedì e sabato dalle 8 alle 20

Caciara – Porta Venezia

Caciara Milano

Nel cuore di Porta Venezia ha aperto Caciara, un locale dall’atmosfera allegra e verace ispirato al futurismo, arredato con carta da parati disegnata dall’illustratore milanese Alberto Casagrande e con lampade retrò a forma di fiore capovolto. Il menu è in linea con il mood del locale, e proprio per accogliere tutti prevedere numerose opzioni vegane, celiache e senza lattosio. La proposta è ampia, a partire dagli sfizi come il Pentolino di calamari e gamberi con salsa di pomodoro papaccella piccante presidio slow food Vincenzo Egizio (14 euro) o l‘Amatriciana Scostumata, a base di bucatini di Amatrice Pastificio Strampelli, guanciale amatriciano artigianale Famiglia Berardi flambato al brandy, passata di pomodoro presidio slow food Vincenzo Egizio, pecorino Romano DOP buccia nera e pepe nero (23 euro); tra i secondi segnaliamo le Bombette ripiene di caciocavallo con cime di rapa saltate e fonduta di caciocavallo (23 euro), tra i dolci il Cubamisù, un sigaro di cioccolato con mascarpone e savoiardo, cenere al caffè,cicchetto di rhum e musica (11 euro). Sono inoltre disponibili alcune pizze gourmet con stampo napoletano, e alcune pizze al padellino.

Caciara, via Alessandro Tadino, 5, Milano; Tel. 333 572 2647; Sito, Pagina FB
Aperto tutti i giorni dalle 12.30 alle 15 e dalle 19 a mezzanotte, venerdì e sabato chiude all’1, domenica chiuso

Señorío – Sarpi

paella Senorio milano

Un angolo di Spagna direttamente a Milano: in Sarpi ha aperto Señorío, ristorante progettato dall’archistar Andrés Córdoba e guidato da chef Alberto Rodriguez, che promette di diventare un punto di riferimento per vivere l’autentica cucina spagnola. Ci si accomoda al bancone per iniziare a degustare le tapas calde e fredde, come acciughe marinate in pastella o le alette di pollo marinate alla birra (4-6 euro), per proseguire con tutti i classici della cucina spagnola, preparati con materia prime 100% iberiche. Segnaliamo una sezione dedicata a salumi e formaggi, tra cui spicca ovviamente il Tagliere di patanegra “Arturo Sanchez” (24 euro), una dedicata alle specialità di carne e di pesce come il Branzino selvatico alla brace con crema di patate e verdure con riduzione di sidro (28 euro) fino alla carta delle paellas: menzioniamo quella con riso, seppia, astice, vongole, fumetto di pesce e zafferano. In linea anche la cantina, che propone oltre 250 etichette che comprendono una selezione accuratissima di etichette pregiate spagnole.

Señorío, via Bramante, 13, Milano; Tel. 02 3659 9315; Sito, Pagina FB
Aperto dal martedì al venerdì dalle 17 a mezzanotte, sabato e domenica anche dalle 12.30 alle 15

Nuove aperture a Milano ottobre 2022