I migliori ristoranti di Parma, dove mangiare tortelli, anolini e punta di vitello

Le migliori trattorie di Parma Ai due platani tortelli

I migliori ristoranti di Parma, dove mangiare tortelli, anolini e punta di vitello. Parma viene chiamata la Food Valley italiana, perché qui c’è una cultura gastronomica ben radicata e ce la si passa bene tra salame e culatello, Parmigiano reggiano e prosciutto di Langhirano, Lambrusco e Malvasia.  I piatti tipici sono i tortelli alle erbette, che vengono anche fatti in altre versioni, gli anolini in brodo e la punta di vitello. Ci sono ottimi ristoranti e trattorie in città, ma anche negli immediati dintorni. Se volete bere un bicchiere di naturale prima di cena, fate un salto da Tabarro. Per il dopo, ecco la nostra selezione.

I migliori ristoranti di Parma: i nostri preferiti

Virgilio – Trattoria slow food 

osteria virgilio parma

Qui siamo in zona Slow Food (è in guida) e dalle parte di una grande osteria curata e appassionata, a suo tempo recensita con entusiasmo anche da Gianni Mura. Dal 2003 Virgilio Buratti Zanchi è attivo e si definisce oste resistente. Siamo nel quartiere popolare Oltretorrente e la cucina offre grandi antipasti (anche formaggi oltre a salumi), i classici tortelli (10) e anolini (13), ma anche la pecora di Corniglio, il cavallo e la trippa alla parmigiana.

osteria virgilio tartare di cavallo

Noi abbiamo assaggiato una tartare di cavallo, dal gusto sorprendente (10 euro).

osteria virgilio parma humus lumache

E un ottimo humus di ceci con lumache, porro e spinaci (15 euro).

Ottima la carta dei vini, che sono naturali e artigiani, senza estremismi. C’è un bel dehors e si sta davvero bene: è probabilmente il nostro preferito, perché alla tradizione esplora materie prime e piatti nuovi (c’è uno chef albanese-parmigiano) e dà grande attenzione ai vini.

Cucina 7,5 Ambiente 7,5  Servizio 8 Carta dei vini 8 Er Murena 7,5 

Strada Inzani 3b, Parma. Tel. 0521-1999966

Antichi sapori – Trattoria di gran qualità

A pochi minuti dal centro, una trattoria classica e di grande qualità, forse la migliore per provare i piatti classici della tradizione, con qualche tocco di modernità.

Le migliori trattorie di Parma

Ci sono alcuni menu convenienti, come “Parma nel cuore“, a 30 euro, con delizie di Parma (salumi), tortelli alle erbette e punta di vitello.

Le migliori trattorie di Parma Punta

E poi “Equilibrio“, 33 euro (torta di cipolla caramellata, gallani di pasta fresca, crema di piselli e spugnole; guanciale di maiale brasato), In Evoluzione, 43 euro (oltre ai tre piatti citati, c’è anche la pasta bignè con spuma di ricotta). I tortelli di erbetta costano 11 euro e sono conditi con Parmigiano reggiano 30 mesi del Caseificio Gennari. Sono morbidissimi, suadenti, delicati e abbondanti. Altrettanto buoni sono gli anolini, che in questo caso sono di asinina in brodo di carne (12 euro).

Cucina 8 Ambiente 7,5  Servizio 7,5 Carta dei vini 6,5  Er Murena 8

Antichi sapori, strada Montanara 318, tel 0521 648165

Ai due Platani – Trattoria di campagna a Coloreto

Le migliori trattorie di Parma Ai due Platani

A quindici minuti dal centro, a Coloreto tra le balle di fieno e i campi di papaveri, ecco una delle trattorie più celebrate d’Italia, pluripremiata dall’Espresso (migliore d’Italia nel 2019) e da varie guide. Gualtiero Marchesi adorava i suoi tortelli quadrati, che sono in carta sin dall’apertura, nel 2005. Di recente c’è stato anche Paolo Sorrentino, forse in città per un sopralluogo per un suo prossimo film. Archi in mattoncino, pannelli di legno a mezza parete, tovaglie quadri rosso e bianche.

Le migliori trattorie di Parma ai due platani torta fritta

Il décor da trattoria di campagna c’è tutto, ma il menu fa un passo avanti. Fondata negli anni 20, ha la sua configurazione attuale quando l’allora proprietario, Carlo Schianchi, piantò due platani per celebrare la nascita dei figli (oggi resta un tiglio, al posto dei due platani). Non possiamo che cominciare con un piatto di salumi e una torta fritta (altrove lo chiamano gnocco fritto). Non salumi qualunque, ma spalletta cruda Bocchi Lucedio Fornovo, spalla cotta di San Secondo, mortadella favola in cotenna di maiale, pancetta stagionata 36 mesi.

Le migliori trattorie di Parma ai due platani tortelli

A seguire, ecco i mitici tortelli: ci sono quelli classici con l’erbetta (coste), 10 euro, ma ci sono diverse varianti. Quella con le patate di montagna e quelle con la ciliegia: già, la ciliegia. Sembrerà strano, ma il sapore è straordinario e ricorda molto quello della zucca, con quell’alternanza dolce-amaro che ne fa un piatto straordinario. Da provare anche gli anolini in brodo di cappone (10 euro), il risotto al ragù di quaglia  (18).

Le migliori trattorie di Parma Ai due platani punta

Tra i secondi, il brasato al vino rosso con polenta croccante (16), il controfiletto di agnello (16) e il piccione, altro piatto caratteristico (qui è fatto con pane alle noci, carciofi e ribes, 18 euro). Non si può perdere lo zabaglione caldo al paiolo con sbrisolona (5 euro), così come il gelato alla crema con vaniglia mantecato al momento. Buona la carta dei vini, con molti lambruschi e malvasie, com’è giusto che sia.
La nostra esperienza con il servizio non è stata entusiasmante. Mugugni e scarsa disponibilità a raccontare e aiutare il cliente nella scelta dei piatti e dei vini. Nulla dell’accoglienza emiliana calorosa e gentile, ma va bene, può essere una giornata storta.

Cucina 8 Ambiente 7,5  Servizio 5,5 Carta dei vini 7  Er Murena 7

Strada Budellungo 104/a, Coloreto, tel  0521 645626

Trattoria Corrieri – Informale 

Rispetto alle altre due, questa è una trattoria più da sbarco, molti coperti, servizio informale, grande folla di clienti che vogliono mangiare bene a prezzi decenti. In più, la trattoria si trova nel pieno centro di Parma.

Le migliori trattorie di Parma Corrieri

Si comincia naturalmente con una bella iniezione di strutto, sotto forma di torta fritta (5 euro, gigantesca), accompagnata da spalla cruda di montagna stagionata 20 mesi (14 euro). Se si vuole svariare ci sono i ciccioli (6 euro), la giardiniera (5), lo strolghino di culatello (9).

Le migliori trattorie di Parma Anolini

Tra i primi, naturalmente i tortelli di erbetta (20 euro), tortelli di zucca, tagliolini al culatello (12), tagliatelle paglia e fieno al ragù di salumi di Parma (10) e il risotto alla parmigiana (9). Tra i secondi, punta di vitello con patate arrosto (14), pesto di cavallo (11), stinco di maiale (12) e guancialini di maiale all’aceto balsamico (14). Prezzi buoni, come si vede, peccato per il coperto a 2,5 euro (con pane, ma dopo la torta fritta chi lo mangia?).

Le migliori trattorie di Parma Corrieri Tortelli

In sala un vecchio jukebox con canzoni di Loretta Goggi, solite tovaglie a quadretti bianco e rosse, tendine di pizzo alle finestre, volta a mattoncini e quadri con vecchie copertine di Oggi, Gente e Grand Hotel.

Cucina 7 Ambiente 7  Servizio 6 Carta dei vini 6,5  Er Murena 7 

Strada conservatorio 1, Parma, tel 0521 234426

Cocchi – Classica

Qui si viene, oltre che per i grandi piatti della tradizione parmense (tortelli e anolini in brodo a 12 euro), per il bollito misto, che è il signature dish, sin dalla nascita, nel 1925. C’è un’ottima cantina e anche qualche camera per dormire. E’ il classico ristorante di tradizione, affidabile e solido, dove vanno le famiglie della buona borghesia parmigiana.  Nel corso degli anni ha vinto svariati premi delle guide

Cucina 7 Ambiente 7  Servizio 7 Carta dei vini 6,5 Er Murena 7 

Viale Gramsci 16a, tel 0521981990

Cortex – Creativa

cortex parma sala

Un locale giovane e caldo, che coniuga la forza del territorio con le esperienze internazionali di Simone Devoti (Venezia, Cortina, Berlino) e Diego Sales (Cortina, Madonna di Campiglio, Londra). Qui l’atmosfera è rilassata e non c’è la rigidità dell’alta ristorazione, ma i piatti sono davvero speciali (ci sono anche in versione ridotta).

cortex parma passatelli

La cucina è raffinata, per materie prime e impiattamento. Cortex è forse uno dei pochi ristoranti dove non troverete tortelli e anolini. Ma vale la pena assaggiare piatti nuovi. Qualche esempio: la trota, asparagi e mandorle (15,5 e 11 euro); gli gnocchi di patate, triglie e olive (15,5 e 11); il passatello carciofi e fave che vedete in foto (11 e 15,5) a morbidissima pecora cornigliese (20), che viene servita da due pezzature diverse, con patate aromatizzate e bieta; l’anguilla (18,5). Conduce la sala con piglio deciso e grande competenza Ottavia, che sa raccontare i piatti e mettere a suo agio i clienti.

La carta dei vini è originale e piacevole, con etichette non banali e qualche naturale noto (Skerk, Walter Massa, Santa Caterina, Ciro Picariello, ‘A Vita). Bel dehors, in una strada tranquilla.

Cucina 7,5 Ambiente 7,5  Servizio 8 Carta dei vini 7 Er Murena 7,5 

Borgo del Correggio 20b, tel 0521 062846

Parizzi

Qui il conto sale e anche l’eleganza. Non solo grandi classici ma anche triglie gratinate (22 euro), quaglia arrostita in padella (22), ravioli coniglio e fave (22 euro). Ci sono ovviamente anche i tortelli d’erbetta (18 euro). Menu degustazione a 85 euro.

Strada della Repubblica 71, Parma, tel  0521 285952 

I migliori ristoranti di Parma

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*