Dove mangiare a Piacenza, l’Ostreria dei Fratelli Pavesi (con una grande cantina di vini naturali)

Dove mangiare a Piacenza, l’Ostreria dei Fratelli Pavesi (con una grande cantina di vini naturali)

Dove mangiare a Piacenza, la Ostreria dei Fratelli Pavesi. Non è proprio nel centro di Piacenza, ma quella manciata di minuti dal centro si percorrono in un attimo e soprattutto sono nulla rispetto al piacere di mangiare in questa straordinaria trattoria nata 5 anni fa all’interno di una corte del ‘900, ai piedi delle valli piacentine. Tre fratelli discendenti di una famiglia storica di osti e ristoratori hanno dato vita alla trattoria perfetta, informale e calda, con un menu originale e pienamente inserito nella tradizione, con un rispetto della materia prima che si trova raramente. E una cantina (fate un giro, è di fianco) di vini naturali e non tutta da scoprire.

ostreria fratelli pavesi piacenza

Giacomo ha vinto il premio di Oste del 2021 della guida Osterie d’Italia di Slow Food. E si capisce perché. Accogliente e competente, è laureato in Scienze gastronomiche all’università di Pollenza e poi è stato in diversi altri locali, dall’Osteria Santo Stefano alla Corte La Faggiola, prima di insediarsi nella sua trattoria.

menu prezzi ostreria fratelli pavesi

Facciamola breve, e andiamo subito al menu. Eccolo qui.

Ostreria Fratelli Pavesi Cotechino Brianti

Cominciamo subito con un cotechino (15 euro), perché nutriamo sentimenti contraddittori, ci vogliamo male ma anche molto bene. E cosa meglio del cotechino di maiale nero di Aldo Brianti servito con purè e mostarda? Un antipasto che potrebbe bastarci, per il piacere che ci dà il grasso del cotechino, sposata con la dolcezza del purè e la piccantezza dolce della mostarda fatta in casa.

L'attesa Solenghi

Per accompagnarla, abbiamo scelto un vino locale, consigliato da Giacomo e vince su tutta la linea: è la Barbera L’Attesa di Solenghi (30 euro).

pisarei ostreria fratelli pavesi

Se non conoscete i pisarei (13 euro), è il momento di rimediare. Sono gnocchetti di pangrattato, che tradizionalmente a Piacenza si accompagnano con i fagioli e, in questo caso, anche con le cotiche. Tepore, conforto, amore.

coscia d'oca ostreria fratelli pavesi

L’oca è uno dei punti fermi dell’osteria. Le cosce di oca (20 euro) provengono da Corte dell’Oca, una azienda agricola della zona di Mortara. Sono cotte per 24 ore confit nel loro dolce grasso, per mantenerle succose e morbide. La nostra coscia sontuosa è accompagnata magistralmente con un chutney (agrodolce) di frutta.

formaggi ostreria fratelli pavesi

Finiamo con un piatto di formaggi (16 euro), vaccini e caprini, che non deludono le aspettative. Essendoci già scolati una bottiglia di Barbera, decidiamo di provare il gutturnio Apogeo di Marco Cordani: sposalizio perfetto.

spigolosa ostreria fratelli pavesi

Avevamo detto “finiamo”, ma è durato un attimo. Perché subito dopo abbiamo preso una Spisigona (8 euro). “Non è come la Sbrisolona di Mantova – ci dice Giacomo – questa è più compatta”. E altrettanto buona, accompagnata dal suo zabaione. Alla fine facciamo un giro di fianco, dove c’è la cantina, tutta da scoprire (naturalmente ci sono i piacentini come La Stoppa, ma anche molto altro).

Ostreria Fratelli Pavesi, Piacenza, Gariga, Podenzano. Tel 0523 524077

Dove mangiare a Piacenza

About author

You might also like

Lo chef stellato più ricco non è né Cannavacciuolo né Cracco

Lo chef stellato più ricco. Chi guadagna di più tra i grandi chef italiani? Domanda legittima, che ha una risposta puntuale ogni anno grazie alla classifica che viene stilata da …

Comunità Rurale Diffusa, tra Lazio, Toscana e Umbria i produttori che difendono la terra dalle multinazionali

Comunità Rurale Diffusa, Lazio Toscana e Umbria. La Comunità Rurale Diffusa nasce nel 2017. In quell’anno un gruppo di persone sparse in un territorio compreso tra il Lago di Bolsena …

Formaggio sul pesce, il Consorzio del parmigiano (a sorpresa) si schiera a favore

Formaggio sul pesce, il Consorzio del parmigiano (a sorpresa) si schiera a favore Il caso del ristoratore italiano di Londra che ha risposto per le rime al cliente che esigeva …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply