Al Mercato Ristorante Milano, ambiente intimo e cucina creativa a Porta Romana

Al Mercato Ristorante Milano, ambiente intimo e cucina creativa a Porta Romana

Al Mercato Ristorante Milano. Tel. 02 87237167 Al Mercato è un unicum. A cominciare dalla struttura di questo locale a metà fra corso di Porta Romana e corso Italia. La vetrina di destra è quella del Burger Bar, con i suoi panini da sempre stabilmente in testa alla classifica dei migliori hamburger cittadini. Al centro freme di attività la cucina a vista, regno di Eugenio Roncoroni e della sous chef Francesca Lecchi, che l’avventore vede all’opera dal bancone, il passante sbircia curioso dalla strada. Ma che è anche affacciata sulla sala del Ristorante, che chiude a sinistra questo trittico del buon gusto milanese.
E del ristorante vogliamo parlare. Una manciata di tavoli, intimo che più intimo non si può, e una carta che dietro nomi dei piatti alquanto stringati cela proposte che definire creative è limitante.

Abbiamo partecipato alla cena di saluto di Giacomo Gironi, lo storico maître volato – letteralmente – verso altri lidi (a Venezia, da Enrico Bartolini) e ora sostituito da Leonardo Lombardo. Cena durante la quale, una volta in più, siamo stati testimoni di un modo di intendere la cucina in continua evoluzione.

La cucina accoglie gli ospiti con tre amuse bouche che riassumono le influenze principali della formazione del cuoco: quella statunitense, quella francese e l’italiana. Noi abbiamo assaggiato fish taco di ricciola, petto d’anatra sotto sale e terrina di testa di maiale con porro e cicorino abbrustoliti, ma le proposte sono sempre diverse e piacevolmente sorprendenti.
A seguire, una certezza: la baguette all’antica che arriva in tavola ancora calda, con burro salato e battuto di lardo. E anche una sperimentazione: quella che Eugenio fa con l’autoproduzione di salumi lavorati, speziati e maturati in cella.

Il menu si apre con un altro tris, quello dei piatti vegetariani #1 #2 #3 (a 18 euro). Una scelta precisa, meno convenzionale di quel che sembra, che non strizza l’occhio alla moda green ma stimola a ricercare nel mondo vegetale soluzioni, abbinamenti, tecniche, sapori che non deludono il più impenitente degli onnivori, come i piselli con i loro germogli, taccole crude, pecorino romano, pompelmo e noci che hanno dato il via la serata.

I primi piatti (18-20 euro) si esprimono nel solco della tradizione. Lo fanno i Paccheri ripieni di vongole e bottarga, i Tagliolini al sugo di finanziera e la Fregola della nostra cena, anch’essa di ispirazione veg, con cavolfiore arrostito e brunoise di verdure croccanti.

È quando si parla di proteine che si manifesta lo chef che non ti aspetti, il guizzo e anche, perché no, il divertissement. Come definire altrimenti il Ceviche di pecora con gazpacho di pesca (in cui fare scarpetta con la già citata baguette) o le Cervella di vitello con ricci di mare e tonkatzu, la cotoletta di maiale giapponese (entrambi a 24 euro)? Da non perdere l’Huevo Ranchero, cotto a 60°, con bacon, avocado e nachos (20 euro) e, per i palati più fini, l’Omaggio a Escoffier con i tournedos alla Rossini (26 euro).

Fra torchon di foie gras (22 euro) e burger gourmet (serviti anche al ristorante, a 30 euro), non si possono dimenticare i celebri Tagli per due del Mercato: cacciagione (chi scrive ancora ricorda un’indimenticabile oca) e pescato del giorno, secondo disponibilità (25-50 euro).

E c’è naturalmente la possibilità di comporre a piacimento il proprio personale menu degustazione di 3-5-8 piatti (50-75-100 euro).

I dessert (12 euro) cambiano a seconda dell’estro della cucina e – ça va sans dire – stupiscono: una delle ultime creazioni è Frolla, mirtilli, cioccolato bianco e fiordilatte al nero di seppia.
Per salutare l’ospite con la netta sensazione di aver provato un unicum. Nel panorama gastronomico milanese, ma non solo.

Al Mercato Ristorante, via Sant’Eufemia 16, tel. 02 87237167, Sito

About author

You might also like

Classifiche 1Comments

Ristoranti cinesi chic Milano, i dieci locali orientali eleganti e di gusto

Ristoranti cinesi chic Milano. A Milano, come in ogni altra città, la cucina cinese è tra le più diffuse. Pechinesi o mandarini, sono centinaia i ristoranti sul territorio, a partire …

Recensioni 1Comments

Ambrosia Milano, ristorante e pizzeria bio in Sant’Ambrogio (e in estate c’è il ‘Festival della Tartare’)

Ambrosia Milano, Tel. 02 36699215. Il gruppo Ethos, già proprietario di una serie di ristoranti di successo in Lombardia, tra cui il Grani e Braci di Milano, ha aperto in città a …

Lume Milano, da W37 il nuovo ristorante dello chef stellato Luigi Taglienti

Lume Milano. Bianco e pieno di luce, così si presenta il nuovo ristorante che ha aperto all’interno del complesso W37, in via Watt 37. Dove un tempo sorgeva l’ex fabbrica Richard …