Ciao Checca, pranzo con cucchiaio (e senza glutine) nel centro di Roma

ciao checca, roma

Ciao Checca non ha solo un nome sbarazzino (si riferisce, naturalmente, alla celebre pasta alla checca, di cui parleremo dopo), ma anche uno stile moderno e innovativo. Si trova nel centro di Roma, a due passi dalla Camera, e punta a intercettare una clientela giovane che vuole un pranzo rapido ed economico ma espresso, senza pompose ed estenuanti sedute, ma senza rinunciare a piatti di qualità, che virano verso il comfort food (pasta e fagioli, castagne, ceci, gianduia). 

Se volete chiamarla “insalata di pasta“, vi diamo il permesso. Però la pasta alla Checca è un’antica ricetta romana, un piatto fresco che si mangia soprattutto in primavera (ma non solo): ditaloni rigati al dente, dadolata di pomodori a grappolo, mozzarella di bufala, olio biologico, sale marino e basilico. Il tutto cucinato espresso e, da Ciao Checca, servito in moderni bicchieroni di cartone. Una porzione costa 6,5 euro, ma fare il rabbocco (il refill) costa 4 euro. C’à anche la versione senza glutine, con grano saraceno biologico o mais (8,5 euro).

Ciao Checca è stato messo in piedi da una società di giovani imprenditori, tutti under 35: sono Matteo Morichini, Nicola Contaldi La Grotteria e Claudia Pizzuti. Quello che vedete sopra è l’ingresso, con il lungo bancone bianco sul quale sono disposte le pietanze. 

A sinistra, la cucina a vista dietro il vetro. 

La vista dal bancone mostra gli sgabelli e la panchina che dà su piazza Firenze.

E questa è la sala posteriore, con un tavolone sociale per potersi accomodare.

Tra gli altri primi troviamo i ravioli di boraggine con fonduta di Castelmagno e noci tritate (8 euro)

In menu troviamo anche la pasta e fagioli (5,5 euro più 3 per il refill), tagliolini pesto e pinoli (6 euro), cicerchia e cicoria (6,5), ceci e castagne (7,5) e il cheeseburger Patty Melt, un hamburger di manzo danese alla piastra, con cipolle glassate al miele biologico, emmenthal e pane in cassetta integrale grigliato.

Non mancano centrifughe, spremute, succo di mela, frullati e birra artigianale. Tra i dolci segnaliamo il vasetto di crema gianduja (1,8 euro) e la crostata di visciole (2,5)

Ciao Checca è particolarmente attento ai celiaci e partecipa al Gluten Free Day, che si tiene domenica 8 dicembre a Roma.

Ciao Checca, piazza di Firenze 25-26, tel 06-68300368. Sito

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*