Crema diplomatica (o Chantilly?)

Crema diplomatica (o Chantilly?)


Ancora non mi è chiaro per quale motivo sulla crema diplomatica ci sia tutta questa confusione. Per intenderci sin dall’inizio la crema diplomatica è frutto dell’unione di due creme base, la pasticcera e la Chantilly. Ed è proprio da quest’ultima che nasce la confusione. La Chantilly è panna montata zuccherata e aromatizzata alla vaniglia e nulla più. Probabilmente per noi Italiani (la Chantilly ha origini francesi, vedi Vatel) la panna montata, per quanto addolcita e aromatizzata, resta pur sempre panna montata e parrà pur strano chiamarla con un nome differente se nella sostanza non cambia poi tanto. Così da variazione a variazione sarà parso più lecito chiamare la crema diplomatica crema Chantilly, provando a dare maggior forza alla variazione.


Ingredienti:

1 foglio di pasta brisée
1/2 lt di panna fresca
1 stecca di vaniglia
frutta fresca a piacere
Per la crema pasticcera:
150 g di zucchero
50 g di farina
6 tuorli
1/2 lt di latte intero fresco

Preparazione:
Per la crema pasticcera

Montate i rossi d’uovo a crema con lo zucchero.

Aggiungete la farina e mescolate.
Aggiungete un bicchiere di latte a temperatura ambiente.

Riscaldate il latte rimanente in un pentolino e versate il composto di uova.

Rimanendo sul fuoco rimescolate fino a quando la crema pasticcera non si sarà addensata.
Versate la crema in una terrina e copritela con la pellicola fino a raffreddamento.

Per la crema diplomatica:

Montate a neve ben ferma la panna fresca e aggiungete i semi della bacca di vaniglia.

Unite le due creme, nella proporzione di metà e metà (benché normalmente la crema diplomatica preveda due parti di pasticcera e una di panna montata).
Miscelatele con attenzione con movimenti fluidi che vadano dal basso verso l’alto.
Mettete tutto il contenuto nella sac à poche con la punta a stella e lasciatelo in frigorifero fino al momento dell’uso.
Foderate uno stampo grande o più stampi piccoli con la pasta brisée.
Infornateli per circa quindici minuti a 180° o comunque fino a quando non si saranno dorati in modo uniforme.
Lasciate che si freddino a temperatura ambiente.

Quando la crema si sarà rassodata e i cestini di pasta brisée saranno freddi non vi resta che riempirli con la crema diplomatica e guarnirli con la frutta fresca.

Buon appetito!

About author

You might also like

Firenze Gelato Festival, vince il gusto ‘pecorino fiore sardo dop con pere caramellate al miele di Sulla’

Firenze Gelato Festival, vincono i gusti più strani. Fragola, cioccolato o limone? Che ne dite invece di un gelato al pecorino fiore sardo dop con pere caramellate al miele di Sulla? Non si …

Eventi Firenze marzo 2017: Italian Tapas a tutto gin, cena siciliana dal Gourmettino e vini in anfora da Burde

Eventi Firenze marzo 2017. Gli appuntamenti del mese si concludono con la festa dello champagne per tre giorni da La Ménagère e la cena dibattito su terracotta e vino per …

Corso di avvicinamento al vino a Roma, novembre 2016: iscrizioni aperte

Corso vino Roma, 9-16-23-30 novembre e 7 dicembre 2016: iscrizioni aperte  Torna un appuntamento consolidato per gli affezionati di Puntarella Rossa: il corso in cinque lezioni a cura della master …

3 Comments

  1. Francesco
    marzo 11, 15:22 Reply

    Ahh…dunque, per capire bene cosa fanno di norma, almeno quello che io intendo,per esempio le pasticcerie qui a Roma . Quando chiedi un millefoglie alla crema Chantilly io ho sempre sentito anche la crema pasticcera come "ingrediente" nella crema. Possibile? Grazie per il chiarimento. F

  2. anna
    marzo 30, 12:55 Reply

    Si può preparare la sera prima?

Leave a Reply