Gaudenzio Torino, la trattoria gourmet che ha scalato le vette dell’eccellenza

Gaudenzio Torino, la trattoria gourmet che ha scalato le vette dell’eccellenza

Gaudenzio Torino. La prima sorpresa è che non ti accoglie la diffidenza del solito oste ingrugnito, ma il sorriso contagioso di Stefano Petrillo. La seconda è la sua competenza e passione, per i vini e non solo. La terza, una cucina originale, piena di sorprese e però mai troppo azzardata o confusa.

gaudenzio torino sala animata

Eccoci da Gaudenzio che in tre anni si è costruito una solida fama ed è entrato nell’empireo dei migliori ristoranti di Torino, con una cucina gourmet ma uno stile informale e moderno.

gaudenzio torino sala 2

Un ambiente non troppo vasto, una sola sala luminosa, con due ampie vetrate, soffitti alti a volte in mattoncini bianchi, tavoli di madreperla e ferro battuto, lampade a sospensione e grandi dipinti che danno calore alla sala.

C’è anche un bancone e la cucina a vista, come si usa.

gaudenzio torino menu

Il primo benvenuto di Gaudenzio Vino e Cucina (questo il nome completo) sono quattro pezzi di una focaccia alta e calda. Ma eccoci già al menu, firmato da Alessio Zuccaro.  Essenziale, sobrio ma ricco. Quattro antipasti, tre primi e quattro secondo.

gaudenzio torino menu cicchetti

Ma, in aggiunta, c’è anche una formula divertente, i cicchetti alla veneziana, porzioni ridotte, nelle dimensioni e nel prezzo.

gaudenzio torino stefanoStraordinario il tonno crudo con un caco mela (12 euro), frutto più dolce del classico caco e meno astringente. A completare il tutto, un fondo di alghe. Piatto semplice per un contrasto inebriante.

gaudenzio torino controfilacci cavalloAltrettanto interessante il controfiletto di cavallo, con l’amaro del carciofo mitigato dalla cremosità dello yogurt (12 euro).

gaudenzio torino bottoni sfondo

Tra i primi segnaliamo il riso acquerello con burro ai cardi e pecorino (15) ma anche questo miracolo di perfezione, che sono i Bottoni: vellutati e decisi, si nutrono della forza vitaminica del cavolo verza e si adaagiano su un brodo di cipolla, rinvigorito da brandelli di castagne affumicate. Cbe dire, meraviglia.

Bere, si beve ancora meglio. Originale la formula, che può spaventare. Non c’è una carta dei vini da Gaudenzio Torino, ma è Stefano (che è torinese ma è stato dieci anni tra Parigi e Londra) che propone e fa assaggiare. Un buon modo per scoprire qualche vino nuovo, molto spesso naturale, in arrivo da Caves de Pyrenne. Come questo ottimo cabernet franc, il Segna de Cor di Le Roc des Anges, azienda provenzale di Marjorie & Stéphane Gallet. Vino elegante ma non piacione, affinato solo in vasche di cemento.

Si chiude con un caffè, con una visita in toilette (persino lei impreziosita da un bel disegno) ed eccoci fuori, a due passi dalla Mole, dalla Rai e dal Cinema Massimo, cuore del Torino Film Festival. Bell’incrocio tra il passato e il presente, con Gaudenzio che scommette sul futuro prossimo.

Gaudenzio, via Gaudenzio Ferrari 2, tel 11 8600242

About author

You might also like

Grezzo a Torino, lo chef Vito Cortese: “Vi racconto il crudismo e il Kombucha, la bevanda dell’immortalità”

Grezzo raw chocolate Torino, intervista a Vito Cortese. In occasione dell’apertura dello store di Torino lo scorso 6 giugno, dopo la fortunata esperienza capitolina di Via Urbana, abbiamo incontrato Vito Cortese, …

Terra Madre 2018 a Torino, gli appuntamenti da non perdere

Terra Madre 2018 a Torino. Torna a Torino e in Piemonte dal 20 al 24 settembre, Terra Madre Salone del Gusto 2018, la manifestazione internazionale organizzata da Slow Food e …

Classifiche 2 Comments

Cenone di Capodanno a Torino 2017, menu e prezzi dei migliori ristoranti

Cenone di Capodanno a Torino 2017. Si può spendere anche poco a Torino, partendo da 50 euro, che sono una cifra del tutto simile a quella che spenderemmo in una …

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply